Il proprietario del centro commerciale, il primo ministro Washington, chiede la protezione fallimentare del capitolo 11 Reuters

[ad_1]

© Reuters.

(Reuters)-Dopo che la pandemia di COVID-19 l’ha costretta a chiudere temporaneamente alcuni dei suoi circa 100 centri commerciali negli Stati Uniti e le aziende non sono state in grado di pagare, i proprietari di centri commerciali Washington Premier Group (NYSE:) hanno fatto domanda per il capitolo 11 di domenica Protezione fallimentare affitto.

Secondo i documenti depositati dal tribunale fallimentare per il distretto meridionale del Texas, le attività stimate della società sono comprese tra 1 miliardo di dollari e 10 miliardi di dollari, così come le sue passività stimate.

Reuters ha riferito in precedenza che la società con sede a Columbus, in Ohio, è stata costituita dopo essere stata scorporata dal gigante dei centri commerciali Simon Real Estate Group (NYSE:) nel 2014 e si sta preparando a chiedere protezione in caso di fallimento non appena questa settimana.

La società ha dichiarato di aver garantito 100 milioni di dollari USA nel cosiddetto finanziamento di attività detenute dal debitore per aiutare le operazioni durante la procedura fallimentare, aggiungendo di aver raggiunto un accordo di sostegno alla ristrutturazione con i creditori guidati da SVPGlobal.

Il primo ministro di Washington ha dichiarato domenica che l’accordo prevede una riduzione dell’indebitamento del bilancio della società a quasi 950 milioni di dollari. Secondo la società, l’accordo prevede di emettere 325 milioni di dollari in azioni.

L’impatto della pandemia lo scorso anno ha costretto Washington Prime a chiudere temporaneamente alcune proprietà e ad allentare la riscossione degli affitti dagli inquilini, comprimendo così la situazione finanziaria dei proprietari dei centri commerciali.

Durante la pandemia del 2020, a causa dell’epidemia di coronavirus, il reddito da locazione di Washington Prime è diminuito di circa 127 milioni di dollari rispetto ai livelli del 2019.

Nei primi tre mesi di quest’anno, il reddito da locazione di Washington Prime è diminuito di circa 20 milioni di dollari rispetto allo stesso periodo del 2020. Il flusso di cassa operativo per i tre mesi terminati a marzo è stato di 3,3 milioni di dollari, in forte calo rispetto ai 10 milioni di dollari dello stesso periodo. L’ora è il 2020.

L’economia degli Stati Uniti è ora in forte ripresa: più di 140 milioni di americani sono stati vaccinati e le attività hanno riaperto.

Tuttavia, i precedenti ordini di casa del governo e le chiusure di attività volte a rallentare la pandemia hanno frantumato i profitti di molti rivenditori e messo a repentaglio la loro capacità di pagare l’affitto a proprietari come Washington Prime.

Altri proprietari di centri commerciali, come CBL & Associates Properties Inc e Pennsylvania Real Estate Investment (NYSE:) Trust hanno dichiarato fallimento lo scorso anno.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *