Il rapporto UFO di Watershed negli Stati Uniti non esclude origini aliene Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: L’edificio del Pentagono è visto ad Arlington, Virginia, USA il 9 ottobre 2020. REUTERS/Carlos Barria/File Photo

(Correzione errori di battitura al paragrafo 5)

Steve Gorman

(Reuters)-Un rapporto sugli UFO pubblicato venerdì dal governo degli Stati Uniti ha affermato che gli analisti della difesa e dell’intelligence non dispongono di dati sufficienti per determinare la natura dei misteriosi oggetti volanti osservati dai piloti militari statunitensi, compreso il fatto che sono la tecnologia avanzata della Terra e l’atmosfera provengono ancora da extraterrestri.

Il rapporto non riservato di nove pagine rilasciato al Congresso e al pubblico https://www.dni.gov/files/ODNI/documents/assessments/Prelimary-Assessment-UAP-20210625.pdf contiene 144 osservazioni, principalmente da personale della Marina degli Stati Uniti -Ufficialmente chiamato “fenomeni aerei non identificati” o UAP dal governo che risale al 2004.

È stato contrassegnato come una valutazione preliminare ed è stato preparato dall’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale e dalla task force guidata dalla Marina istituita lo scorso anno dal Pentagono.

“L’UAP costituisce chiaramente un problema di sicurezza del volo e può rappresentare una sfida per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, afferma il rapporto, aggiungendo che questo fenomeno “potrebbe mancare di una singola spiegazione”.

Questo rapporto ha segnato un punto di svolta per il governo degli Stati Uniti, dopo che i militari hanno trascorso decenni a spostare, ridimensionare e screditare le osservazioni di UFO e “dischi volanti” risalenti agli anni ’40.

Il rapporto include alcuni casi di UAP precedentemente esposti in video di piloti navali rilasciati dal Pentagono.Questi video mostrano che misteriosi velivoli sulle coste orientali e occidentali degli Stati Uniti mostrano velocità e manovrabilità che superano la tecnologia aeronautica nota e mancano di dispositivi di propulsione visibili o Superficie di controllo del volo.

Il rapporto affermava che, ad eccezione di uno degli avvistamenti elencati, tutti gli altri avvistamenti sono inspiegabili e richiedono ulteriori analisi. Per gli altri 143 casi, il rapporto ha rilevato che ci sono troppo pochi dati disponibili per determinare se rappresentano uno strano sistema aereo sviluppato dal governo degli Stati Uniti o da entità commerciali o da forze straniere come la Cina o la Russia.

Secondo il rapporto, in alcune osservazioni, l’UAP sembra mostrare “schemi o caratteristiche di volo insoliti”, ma questi potrebbero essere dovuti a guasti del sensore o incomprensioni dei testimoni oculari e “è necessaria un’analisi rigorosa aggiuntiva”.

Un alto funzionario statunitense che ha chiesto di non essere nominato ha detto ai giornalisti che gli analisti non hanno ancora escluso la possibilità di un’origine aliena. Il linguaggio della relazione evita di menzionare esplicitamente tali possibilità.

Alla domanda su possibili spiegazioni aliene, uno dei funzionari ha detto: “Questo non è lo scopo del gruppo di lavoro di valutare qualsiasi forma di ricerca aliena… non è di questo che siamo responsabili”.

L’alto funzionario ha aggiunto: “Dei 144 rapporti che stiamo elaborando qui, non abbiamo alcuna chiara indicazione di spiegazioni non fondate per loro, ma andremo ovunque ci porteranno i dati”.

Quasi perso

Lo studio ha registrato 11 pericoli UAP segnalati dai piloti, nonché un piccolo numero di velivoli militari “gestione dell’energia a radiofrequenza associata agli avvistamenti UAP”. Ha affermato che la maggior parte dei rapporti descriveva anche oggetti che interrompevano l’addestramento o altre esercitazioni militari statunitensi.

Secondo il rapporto, il gruppo di lavoro si è concentrato sui fenomeni testimoniati dai piloti militari e 80 rapporti riguardavano il rilevamento di più sensori. La maggior parte sono degli ultimi anni.

Il rapporto ha stabilito cinque potenziali categorie di spiegazione: disordine dell’aria, fenomeni atmosferici naturali, governo degli Stati Uniti o programma di sviluppo industriale degli Stati Uniti, sistemi avversari stranieri e una categoria onnicomprensiva di “altro”.

L’alto funzionario ha affermato che i risultati non hanno fornito alcuna “chiara indicazione” che l’UAP facesse parte di un programma di raccolta di informazioni straniere o di un importante progresso tecnologico da parte di un potenziale avversario.

Negli ultimi anni, il governo ha adottato UAP come termine comunemente indicato come “oggetto volante non identificato” o UFO, che è stato a lungo associato al concetto di astronave aliena.

Sei mesi fa, il Congresso ha ordinato il rapporto come parte di una più ampia legislazione sull’intelligence e il senatore americano Marco Rubio ha svolto un ruolo importante nella commissione del rapporto.

Rubio ha dichiarato: “Per molti anni, gli uomini e le donne di cui ci fidiamo per difendere il nostro Paese hanno riferito di aver incontrato aerei non identificati con capacità eccezionali. Nel corso degli anni, le loro preoccupazioni sono state spesso ignorate e ridicolizzate”. “Questo rapporto riguarda questi incidenti. Un primo passo importante in classifica, ma questo è solo il primo passo”.

Dopo la pubblicazione del rapporto, il Pentagono ha annunciato il suo piano per “formalizzare” l’attività di indagine dell’UAP attualmente gestita dalla task force.

Lo scettico sugli UFO e ricercatore Mick West ha dichiarato: “Il rapporto indica principalmente spiegazioni noiose, persino uccelli e palloncini, e identifica alcune aree in cui dobbiamo migliorare la raccolta dei dati”.

Questo non è il primo rapporto ufficiale degli Stati Uniti sugli UFO https://www.archives.gov/research/military/air-force/ufos#geninfo. La US Air Force aveva precedentemente condotto un’indagine chiamata “Project Blue Book”, che si è conclusa nel 1969. L’indagine ha compilato un elenco di 12.618 avvistamenti, di cui 701 riguardavano oggetti ufficialmente ancora “non identificati”.

Nel 1994, l’Air Force dichiarò di aver completato uno studio per trovare documenti relativi all'”incidente di Roswell” avvenuto nel New Mexico nel 1947. Ha detto che i materiali recuperati vicino a Roswell erano coerenti con il pallone schiantato, che è una spiegazione a lungo termine da parte dei militari, e non ci sono registrazioni del recupero di cadaveri alieni o materiali alieni.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *