Il Regno Unito prevede di modificare le regole per attirare il flusso di borsa dell’UE

[ad_1]

Il Regno Unito spera di cambiare le sue regole sulla compravendita di azioni per adattarsi alla vita dopo la Brexit, in modo da attirare nuovamente il commercio di azioni dell’UE nella City di Londra.

Commercio di azioni statunitensi Scappa velocemente Dopo i pieni termini del recesso della Gran Bretagna dall’Unione Europea, il Regno Unito ha iniziato ad attuare all’inizio di quest’anno e città come Amsterdam e Parigi hanno riempito il posto vacante per un business giornaliero di 8 miliardi di euro. L’Unione Europea non riconosce che gli standard della British Stock Exchange siano gli stessi dei suoi, il che significa che alle sue istituzioni è vietato utilizzare locali situati a Londra.

per corretta In termini di equilibrio, il Dipartimento del Tesoro del Regno Unito ha espresso il desiderio di aumentare le sedi di negoziazione over-the-counter chiamate dark pool. Secondo le persone coinvolte nella discussione, altre proposte in esame includono l’allentamento dell’incremento di prezzo minimo, o spread, per le banche e gli operatori ad alta frequenza che operano in sedi private con supervisione allentata.

Il governo avvierà un’ampia consultazione in estate per esaminare il mercato finanziario all’ingrosso del Regno Unito. Persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato che il cancelliere dello scacchiere britannico Rishi Sunak (Rishi Sunak) potrebbe annunciare la notizia già all’inizio di luglio nel suo discorso annuale nella City di Londra.

Londra descrive le sue riforme come “ambiziose”, garantendo al tempo stesso che il suo regolamento sia equo, competitivo e soddisfi i più elevati standard normativi.

Rebecca Healey, fondatrice di Redlap Consulting, una società di consulenza sul mercato dei capitali, ha dichiarato: “Il problema è ciò che il Regno Unito ha fatto dopo la Brexit, ma non c’è reciprocità”. una buona cosa per il mercato. Ma le persone non vogliono eseguire due libri di regole. Devi stare attento ai tuoi aggiustamenti “, ha detto.

Il Regno Unito deve modificare l’enorme pacchetto paneuropeo di regolamenti di mercato Mifid II per raggiungere i suoi obiettivi, il che potrebbe aprire un’altra spaccatura nei servizi finanziari tra il Regno Unito e le autorità europee.

Ma le prospettive dividono anche i partecipanti al mercato londinese tra coloro che vogliono negoziare più liberamente dove vogliono e coloro che sono preoccupati. Regole diverse Aumenterà i costi operativi e tecnici e segmenterà ulteriormente il mercato.

Le restrizioni del dark pool sono diventate uno dei punti di riferimento per coloro che credono che gli standard dell’UE non siano adatti al mercato del Regno Unito. Il Regno Unito è stato a lungo in disaccordo con l’UE sulla sede, il che consente ai gestori di fondi di acquistare e vendere grandi quantità di azioni senza alterare i prezzi di mercato.La Gran Bretagna ha Ho creduto a lungo che loro Come interesse di un investitore.

L’UE è preoccupata per la crescita delle transazioni over-the-counter, Imposta limite superiore La quantità di affari che può essere eseguita nella dark pool nel 2013 include singoli titoli e una sede.

Secondo i dati di Rosenblatt Securities, oltre il 16% delle negoziazioni di azioni blue chip del Regno Unito a febbraio è stato condotto in un dark pool, che è il record e il livello più alto tra tutti i principali indici europei.

Quando il Regno Unito è entrato a far parte del mercato unico, l’ultima serie di limiti massimi è stata limitata alla cancellazione all’inizio di giugno e il regolatore ha affermato che non sarebbe stata estesa.Queste cifre potrebbero aumentare ulteriormente.

Il ministero delle finanze spera anche di abolire una regola dell’UE chiamata “obblighi di compravendita di azioni”, che determina dove vengono scambiate le azioni e mira a impedire alle banche di abbinare le transazioni dei clienti ai loro banchi di negoziazione interni, aggirando gli scambi e risparmiando commissioni.

“Il Regno Unito potrebbe creare un ambiente che farà sì che le sedi britanniche riconquistino quote di mercato nelle azioni dell’UE”, ha affermato Anish Puaar, analista della struttura di mercato presso Rosenblatt Securities a Londra.

“Le società dell’UE non saranno in grado di negoziare in queste sedi, ma le società del Regno Unito, degli Stati Uniti e dell’Asia possono farlo. Se una grande quantità di scambi di azioni dell’UE tornerà nel Regno Unito, sarà interessante vedere come reagirà l’UE”.

Tuttavia, oltre a cancellare le norme dell’UE indesiderate, c’è una questione di cosa le sostituisca (se ce ne sono).

Un 2017 carta FCA ha scoperto che una volta che il dark trading raggiungerà più del 15% del volume totale delle transazioni, la liquidità del mercato britannico inizierà a risentirne.

I dati del gruppo britannico BMLL evidenziano le difficoltà incontrate dai decisori. Ha rilevato che il volume degli scambi oscuri sulle azioni francesi e tedesche blue-chip britanniche è passato dal 29% di gennaio a metà giugno.

Dopo che la FCA ha reso più facile scambiare azioni dell’UE a Londra a marzo, ha abbassato la soglia per qualificarsi per entrare nel pool nero del Regno Unito a soli 15.000 euro. In confronto, l’Unione Europea è di 650.000 euro.

Ma Elliot Banks, responsabile dello sviluppo prodotto di BMLL, ha affermato che è più probabile che passi alle dark pool perché lo spread (la differenza tra il prezzo di acquisto del titolo e il prezzo di vendita) è maggiore sulla borsa britannica.

I risultati del sondaggio sottolineano che, nonostante la retorica politica, i broker sono ancora molto sensibili ai costi e ai prezzi nei diversi mercati. “La domanda è se valga la pena adeguare il nostro sistema di instradamento degli ordini per il Regno Unito”, ha affermato un commerciante presso una banca di investimento a Londra.

Alasdair Haynes, amministratore delegato di Aquis Exchange, una borsa valori, ha dichiarato: “Dobbiamo stare attenti a non riconquistare affari nel Regno Unito per il bene del Regno Unito, ma a beneficio del mercato britannico”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *