Il rischio di borsa è in aumento? – Shareandstocks.com

[ad_1]

Dopo un massiccio sell-off giovedì scorso, il mercato si è quasi concluso in modo triste la scorsa settimana. Alle 10:00 Eastern Time di giovedì, i dati su/giù hanno mostrato che c’erano 369 titoli in aumento e 2.684 titoli in calo alla Borsa di New York. Anche i dati sul volume sono unilaterali, con il 90% del volume in svantaggio.

I principali indici azionari sono rimbalzati per chiudere giovedì al di sopra dei minimi giornalieri e fattori estremi del mercato interno favoriscono ulteriori rimbalzi. Al minimo di giovedì, l’indice Standard & Poor’s 500 ($SPX) è sceso dell’1,6% dal massimo di mercoledì, ma ha chiuso venerdì a un nuovo massimo dello 0,4% questa settimana.

L’indice Nasdaq 100 ($NDX) ha venduto più gravemente giovedì, scendendo del 2,3% dal massimo di mercoledì. Sebbene sia aumentato dello 0,7% questa settimana, era ancora al di sotto del massimo di mercoledì di 14.891,2.

Il calo dei rendimenti obbligazionari della scorsa settimana ha attirato l’attenzione del mercato: il Dow Jones Utilities Average ne ha beneficiato, in aumento dell’1%, secondo solo al guadagno dell’1,2% di SPDR Gold Trust. Il Dow Jones Transportation Average e l’iShares Russell 2000 Index sono state le medie di mercato più forti nel primo trimestre del 2021, scendendo rispettivamente dell’1,3% e dell’1,2% la scorsa settimana.

La selezione del settore dei servizi di pubblica utilità (XLU) è aumentata dello 0,91% la scorsa settimana, il che sembra tecnicamente più interessante. Il patrimonio totale di XLU è di 11,8 miliardi di dollari, il rapporto spese è dello 0,12% e il tasso di rendimento è del 3,08%. L’ETF detiene 29 titoli, con NextEra Energy (NEE), Duke Energy (DUK) e Southern Co. (SO) che detiene il più grande.

In genere, i gestori di fondi di grandi dimensioni evitano di utilizzare le utility. In un sondaggio del giugno 2021 su 224 investitori con 667 miliardi di dollari di asset in gestione, Banca d’America Secondo il rapporto, gli investitori hanno ridotto le loro partecipazioni in servizi di pubblica utilità per il secondo mese consecutivo.

Il grafico settimanale mostra che XLU opera nel trading range (linea a e linea b) da più di un anno. Un prezzo di chiusura superiore a 66,81 dollari USA può innescare un rimbalzo verso l’area 70 dollari USA. La media mobile esponenziale piatta a 20 settimane (EMA) è $ 64,43 e anche il supporto settimanale è nell’area $ 63.

La performance relativa settimanale di XLU rispetto allo Standard & Poor’s 500 Index (RS) è ancora in una tendenza al ribasso (c-line) e al di sotto della sua media mobile ponderata (WMA). Ciò conferma che XLU è stato più debole dell’indice S&P 500.settimanalmente Saldo (OBV) È appena tornato ai vertici della sua WMA, il che è un segnale incoraggiante. Una forte chiusura al di sopra del livello di resistenza (linea d) sarebbe uno sviluppo molto positivo.

Come sanno i lettori comuni, i dati di avanzamento/riduzione sono una parte importante della mia analisi. Seguo sei diverse linee up/down (A/D): tutte le azioni NYSE, solo le azioni NYSE, S&P 500, Nasdaq 100, Russell 2000 e Dow Jones Industrial Index.Ad eccezione dell’indice Russell 2000, tutti gli altri indici hanno raggiunto nuovi massimi a giugno e l’indice Nasdaq 100 sembra particolarmente forte, come lo è stato da marzo 2016(Vedi grafico).

La linea A/D settimanale è generalmente positiva e non mostra segnali di massimo di medio termine. Tuttavia, ci sono alcuni segnali nei dati giornalieri che il mercato azionario non è sano come all’inizio di giugno.

Nella borsa di New York, 1488 azioni sono aumentate durante la settimana e le azioni del 1977 sono diminuite, il che è coerente con il calo dello 0,25% dell’indice composito NYSE di questa settimana. Il supporto per la Borsa di New York viene stabilito nell’area 16.200 (linea a). L’ultima volta che l’indice composito della borsa di New York ha raggiunto un nuovo massimo è stato il 10 giugno e questo massimo di 16.726 è ora un livello di resistenza che vale la pena osservare.

La linea A/D per le azioni della Borsa di New York ha raggiunto il picco solo con il prezzo a giugno, per poi interrompere la sua tendenza al rialzo (linea c) dal minimo di maggio (punto d). La linea A/D da allora ha formato una serie di massimi inferiori (linea b), che sono scesi al di sotto dei minimi precedenti la scorsa settimana.

Il 10 maggio, il numero di azioni ordinarie della Borsa di New York che ha fissato un nuovo massimo di 52 settimane è salito a 724, e da allora in poi ha formato due massimi inferiori (e-line). Giovedì, 63 azioni ordinarie del NYSE hanno toccato un nuovo minimo, il livello più alto dalla lettura di 100 il 10 maggio. Diverse letture di oltre 100 azioni ordinarie del NYSE saranno un avvertimento più forte della debolezza del mercato.

Questo mese, iShares Russell 1000 Growth (IWF) è aumentato dello 0,99%, mentre iShares Russell 1000 Value (IWD) è sceso dello 0,24%.Come sono Inizio giugno, Il grafico del rapporto IWF/IWD sembra “più incoraggiante per i titoli in crescita”.

Dal minimo di giugno di 1,568, il rapporto è salito a 1,753, poiché i titoli growth guidano l’aumento dei titoli value. La tendenza al ribasso di questo rapporto (linea a) è stata raggiunta la scorsa settimana. C’è una resistenza più forte nell’area 1.800 (linea b). La media mobile a 20 giorni è aumentata fortemente e il primo buon supporto è stato a 1,684 (linea c).

Questo Media mobile convergenza-divergenza (MACD) La linea ha formato un minimo più alto e una divergenza positiva a maggio, il che indica che il rapporto sta toccando il fondo. La linea MACD è ancora positiva, ma l’istogramma MACD ha formato un massimo inferiore (linea d), che è coerente con la tendenza all’indebolimento. Una rottura al di sotto del livello di supporto MACD (e-line) indicherà che il rapporto ha raggiunto il picco.

Questa azione può preannunciare cambiamenti nei titoli finanziari. I guadagni per le principali banche inizieranno a essere pubblicati martedì e JPMorgan Chase (JPM) e Goldman Sachs (GS) rilasceranno rapporti. È stata anche una settimana pesante per i dati economici: il mercato obbligazionario ha prestato attenzione al rapporto CPI di martedì e al rapporto PPI di mercoledì. Inoltre, la prossima settimana, avremo l’Empire State Index, l’indice della Fed di Filadelfia, la produzione industriale, le vendite al dettaglio e l’indice di fiducia dei consumatori.

Mentre passiamo ad agosto e settembre (che sono stati i mesi a basso rendimento per l’S&P 500 dal 1950), continuo a preferire le prese di profitto e a ridurre l’esposizione azionaria. C’è una correzione più significativa. Gli investitori a più lungo termine dovrebbero continuare a detenere le attività esistenti, poiché potrebbero emergere nuovi massimi dopo aggiustamenti più profondi.

leggi di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *