Il tasso di crescita dell’attività industriale cinese a luglio è il più lento da febbraio 2020 Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: un dipendente lavora alla linea di produzione di Octillion, un produttore di batterie per veicoli elettrici (EV) a Hefei, nella provincia di Anhui, in Cina, il 30 marzo 2021. La foto è stata scattata il 30 marzo 2021. REUTERS/Aly Song

Pechino (Reuters)-Poiché i costi delle materie prime, la manutenzione delle attrezzature e le condizioni meteorologiche estreme hanno messo sotto pressione le attività commerciali, aumentando le preoccupazioni per il rallentamento della seconda economia mondiale, l’attività industriale cinese a luglio è stata la più alta degli ultimi 17 mesi. Vota.

I dati diffusi sabato dal National Bureau of Statistics (NBS) hanno mostrato che l’indice ufficiale dei responsabili degli acquisti nel settore manifatturiero (PMI) a luglio è sceso a 50,4 da 50,9 a giugno, ma era ancora al di sopra del segno di 50 punti che distingue la crescita dalla contrazione .

Gli analisti si aspettavano che l’indice scendesse a 50,8. Questo è il numero più basso da quando l’indice è crollato a 35,7 da quando la Cina ha iniziato un blocco nel febbraio 2020 per contenere la pandemia di coronavirus.

Un funzionario del National Bureau of Statistics ha dichiarato in una dichiarazione che il sottoindice della produzione PMI è sceso a 51,0 da 51,9 di giugno, indicando la manutenzione delle attrezzature e condizioni meteorologiche estreme. Il nuovo sottoindice degli ordini è sceso da 51,5 a 50,9, riflettendo il rallentamento della domanda.

“Il segnale più preoccupante è il nuovo indice degli ordini di esportazione, che è al livello più basso dal luglio dello scorso anno”, ha affermato Zhang Zhiwei, capo economista di Pinpoint Asset Management.

Da maggio, il sottoindice dei nuovi ordini di esportazione è sceso per tre mesi consecutivi. Era 47,7 a luglio.

Il sottoindice del costo delle materie prime a luglio è stato di 62,9, rispetto al 61,2 di giugno, a indicare un aumento dei costi. I prezzi elevati delle materie prime hanno indebolito la redditività delle aziende industriali e impedito ad alcuni esportatori cinesi di accettare ordini.

Le autorità sono ansiose di impedire che gli alti prezzi franco fabbrica vengano trasferiti ai consumatori perché la domanda sottostante è ancora debole, il che aggraverà solo gli attuali problemi economici.

Colpito da condizioni meteorologiche estreme, l’indice delle costruzioni è sceso da 60,1 a giugno a 57,5. Gli analisti prevedono che il settore dovrà affrontare venti contrari a causa della soppressione del mercato immobiliare da parte di Pechino.

Per rilanciare il rallentamento dell’economia, la People’s Bank of China (PBOC) ha abbassato il coefficiente di riserva obbligatoria (RRR) della banca a metà luglio, rilasciando circa 1 trilione di RMB (154 miliardi di dollari) di liquidità a lungo termine, il che ha scioccato il mercato.

L’economia cinese si è sostanzialmente ripresa dall’interruzione causata dalla pandemia e le industrie dei consumi e dei servizi hanno gradualmente raggiunto i miglioramenti nelle esportazioni e nella produzione.

Tuttavia, i produttori stanno affrontando nuove sfide come l’aumento dei prezzi delle materie prime, l’aumento dei costi logistici e i colli di bottiglia nella catena di approvvigionamento globale e si prevede che il ritmo di crescita del PIL rallenti.

Il paese sta anche lavorando per contenere l’epidemia di una nuova variante delta più contagiosa di COVID-19 nella città orientale di Nanchino. Gli analisti affermano che l’atteggiamento di tolleranza zero della Cina potrebbe comportare significativi rischi al ribasso per l’attuale ripresa economica.

Le inondazioni record nella Cina centrale potrebbero anche aver messo sotto pressione le attività commerciali a luglio e il governo ha adottato misure per limitare la produzione di acciaio per ridurre le emissioni.

Un’altra indagine condotta dall’Ufficio nazionale di statistica ha mostrato che l’indice ufficiale dei responsabili degli acquisti non manifatturieri (PMI) è sceso a 53,3 a luglio da 53,5 a giugno.

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *