Il tasso di inflazione di agosto della Corea del Sud è rimasto ai massimi da 9 anni, superando le aspettative

[ad_1]

Seoul: a causa delle ondate di calore e dell’aumento dei costi dei prodotti petroliferi, degli affitti immobiliari e di altri servizi, i prezzi dei prodotti alimentari freschi hanno continuato a salire e l’inflazione al consumo in Corea del Sud è rimasta ai massimi da nove anni ad agosto.

Statistics Korea ha affermato che l’indice dei prezzi al consumo (CPI) del mese scorso è aumentato del 2,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, che era lo stesso di luglio, e ha superato il 2,3% rilevato da Reuters.

L’aumento del 2,6% è apparso per la prima volta a maggio, quando il tasso di inflazione ha raggiunto il tasso di crescita più rapido dall’aprile 2012 ed è rimasto al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale per il quinto mese consecutivo.

I dati di giovedì sono stati rilasciati una settimana dopo che la Banca di Corea ha alzato il tasso di interesse ufficiale per la prima volta in quasi tre anni.La banca centrale è diventata la prima grande banca centrale asiatica a sfuggire all’ambiente monetario durante la pandemia, a causa dell’aumento del debito al consumo. nuova crescita economica Minaccia.

La scomposizione dei dati mostra che il continuo aumento dei prezzi dei prodotti agricoli e petroliferi ha trascinato al ribasso l’inflazione, e il costo degli affitti delle abitazioni e il costo della ristorazione e degli altri servizi ne hanno ulteriormente aumentato la forza trainante.

Il costo dell’agricoltura, della zootecnia e dei prodotti ittici e petroliferi è aumentato del 7,8% e del 21,6%, mentre il costo dell’affitto delle abitazioni e della ristorazione è aumentato rispettivamente dell’1,6% e del 2,8%.

L’IPC è aumentato dello 0,6% su base mensile, la migliore lettura da gennaio, superiore allo 0,2% di luglio. Gli economisti avevano precedentemente previsto un aumento dello 0,3%.

Allo stesso tempo, l’IPC core è aumentato dell’1,3% su base annua, il tasso di crescita più rapido da giugno 2018, superiore all’1,2% di luglio.

La Bank of Korea ha aumentato le sue previsioni di inflazione per il 2021 dall’1,8% al 2,1% e prevede che il tasso di inflazione rimarrà all’1,5% nel 2022.

Nel sondaggio Reuters pubblicato la scorsa settimana, tutti i 18 analisti che hanno fornito previsioni per la fine del 2022 ritenevano che i tassi di interesse sarebbero stati ulteriormente aumentati l’anno prossimo e una debole maggioranza dei 10 analisti ha previsto che il tasso di interesse di riferimento sarebbe stato dell’1,25% entro il fine del prossimo anno.

(Segnalazione di Joori Roh; Montaggio di Leslie Adler e Michael Perry)

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *