Il tedesco Armin Raschelt mette in guardia contro una guerra fredda con la Cina

[ad_1]

Armin Laschet, il favorito per diventare il prossimo cancelliere della Germania, ha avvertito del pericolo di lanciare una nuova guerra fredda contro la Cina ed è d’accordo con l’opinione di Angela Merkel che Pechino è sia un concorrente sistemico che un partner.

Dopo la prima visita ufficiale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in Europa, Raschelt ha tenuto un discorso al Financial Times, principalmente per mettere in guardia dalle sfide della Cina all’Occidente.Biden ha chiarito che vuole Lavorare con gli alleati per contenere le ambizioni della Cina.

In un’ampia intervista con Raschelt, leader di centrodestra della Lega democristiana tedesca, molte persone in Europa sono scettiche sull’atteggiamento intransigente di Biden nei confronti della Cina.

“La domanda è: se parliamo di ‘vincolare’ la Cina, porterà a nuovi conflitti? Abbiamo bisogno di un nuovo avversario?”, ha detto. “La risposta dell’Europa è cauta perché, sì, la Cina è un concorrente e un concorrente sistemico. Ha modelli sociali diversi, ma è anche un partner, soprattutto in termini di affrontare il cambiamento climatico”.

Rashet ha anche chiesto alla Russia di liberarsi del freddo, affermando che l’Occidente deve lavorare sodo per “stabilire un rapporto ragionevole” con Mosca. “Non è né nel nostro interesse né nell’interesse degli Stati Uniti ignorare la Russia”, ha detto, lodando Biden per la sua decisione di incontrarsi. Il presidente russo Vladimir Putin La scorsa settimana a Ginevra.

A tre mesi dalle dimissioni della Merkel da primo ministro, i sondaggi d’opinione mostrano che la CDU di Raschelt dovrebbe vincere, anche se deve affrontare forti sfide da parte del Partito dei Verdi all’opposizione. Un possibile risultato è l’alleanza CDU-Verdi, che è la prima alleanza nella storia tedesca, con Raschelt come primo ministro.

Nell’intervista, Raschelt ha accuratamente accennato alla continuità della politica della Merkel. I due hanno biografie personali molto diverse, ma “siamo sempre d’accordo su questioni di fondo”.

un distretto L’accordo sembra essere la CinaLa Merkel è spesso accusata di mitigare le sue critiche alle violazioni dei diritti umani in Cina per paura di danneggiare gli interessi delle società tedesche attive in Cina.

Raschelt ha affermato che la Germania non dovrebbe rifuggire dal risolvere “problemi critici”. “Ma non sono sicuro che parlare sempre ad alta voce e attivamente della situazione dei diritti umani in un paese in pubblico porterà davvero a un miglioramento locale”, ha aggiunto.

“Di solito si può risolvere il problema attraverso il dialogo privato con i leader di altri Paesi invece di parlarne in conferenza stampa, così da acquisire maggiore influenza nel campo dei diritti umani”.

Questo approccio modesto può causare potenziali conflitti con il Partito dei Verdi, che è più desideroso di sfidare apertamente i diritti umani della Cina e le tensioni con l’amministrazione Biden.

La dura posizione di Biden sulla Cina Durante il suo viaggio in Europa, questa era la prova. Il comunicato del vertice del G7 ha criticato Pechino per la sua mancanza di trasparenza in merito ai diritti umani, al commercio e all’origine della pandemia di coronavirus.

Quando gli è stato chiesto se pensa che Biden stia cercando di trascinare l’Europa in una nuova Guerra Fredda, Raschelt ha obiettato, affermando di aver visto “correttamente” la Cina come “una delle maggiori sfide che dobbiamo affrontare, ad esempio in termini di nuove tecnologie”. “rafforzare la cooperazione tra le democrazie”.

Ma ha anche detto che nel contesto geopolitico con la Cina, l’Occidente dovrebbe evitare di cadere nella mentalità della Guerra Fredda. “Il 21° secolo è molto diverso. Prism of the world prima del 1989 forniva consigli limitati”, ha detto. “Abbiamo un mondo multipolare [now] Con attori diversi. “

Tuttavia, Raschelt insiste che non sarà debole contro la Cina. “Promuoverò il più possibile la nostra partnership chiarendo le nostre aspettative sulla Cina: accetta la reciprocità, abbraccia il multilateralismo e rispetta i diritti umani.

Per quanto riguarda la Russia, Rashet ha affermato di aver sempre insistito sul fatto che l’annessione della Crimea da parte della Russia è una violazione “inaccettabile” del diritto internazionale. Ma crede anche che la Russia come membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non dovrebbe essere ignorata o sminuita.

Ad esempio, ha contestato la famosa descrizione di Barack Obama della Russia come “potenza regionale”, affermando che questa è stata una delle ragioni dell’escalation delle tensioni tra Mosca e l’Occidente nell’ultimo decennio.

“È il più grande paese del mondo con una potenza nucleare”, ha detto, aggiungendo che l’approccio di Biden – ripristinare l’ambasciatore, descrivere la Russia come una “grande potenza” e “prendere sul serio la Russia come interlocutore” – aveva già emesso “Molto segnale importante”.

Raschelt Gasdotto Beixi 2, Il progetto Gazprom trasporta il gas naturale direttamente attraverso il Mar Baltico dalla Russia alla Germania e afferma che la Germania avrà bisogno di più gas naturale man mano che eliminerà la produzione di energia nucleare ea carbone.

Ma ha anche avvertito Mosca: il gasdotto “non deve diventare uno strumento geopolitico contro l’Ucraina”. “Gli interessi dell’Ucraina devono essere salvaguardati”, ha detto. “Se i russi non insistono su questo, la base dell’accordo NS2 cesserà di esistere”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *