Il vaccino sarà meno efficace nel prevenire l’infezione da Covid?

[ad_1]

Aumento del numero di vaccinati Contagiato dal coronavirus Una nuova ricerca mostra che l’efficacia a lungo termine del vaccino contro il Covid-19 è discutibile: uno degli studi ha rilevato che la protezione dalle iniezioni di BioNTech/Pfizer è diminuita più rapidamente della protezione dalle iniezioni di AstraZeneca.

Uno studio pubblicato giovedì dall’Università di Oxford ha rilevato che l’efficacia del vaccino Pfizer contro le infezioni sintomatiche è stata quasi dimezzata dopo quattro mesi e la carica virale dei pazienti vaccinati infetti con la variante Delta più contagiosa è stata confrontata con quella dei pazienti non vaccinati. Il vaccino è alto quanto la persona.

Anche due documenti di ricerca negli Stati Uniti e in Qatar hanno portato alla necessità di Ricaricare il tiro di richiamo Perché hanno scoperto che il numero di “infezioni rivoluzionarie” era più alto del previsto, anche se la protezione contro i casi gravi di virus sembrava essere efficace.

Natalie Dean, professore di biostatistica alla Emory University, ha affermato che la diffusione della variante Delta ha reso “più difficile” fermare la diffusione.

“La situazione è cambiata in termini di quanto pensiamo possano portarci i vaccini”, ha detto. “Siamo tornati a un obiettivo più modesto ma ancora critico: prevenire malattie gravi, ospedalizzazione e morte”.

Cosa mostrano le ultime ricerche?

Scienziati dell’Università di Oxford hanno dimostrato che da quando il ceppo Delta è diventato dominante nel Regno Unito a maggio, l’efficacia del vaccino sta diminuendo. Sebbene le iniezioni di Pfizer siano più efficaci all’inizio, da quattro a cinque mesi dopo la seconda iniezione, la sua efficacia è circa la stessa delle iniezioni di AstraZeneca, perché la protezione fornita da quest’ultima è quasi invariata.

L’autore dell’articolo non è stato coinvolto nello sviluppo del vaccino AstraZeneca dell’Università di Oxford.

Tomas Hanke, professore di immunologia dei vaccini presso l’Istituto Jenner di Oxford, ipotizza che le iniezioni di AstraZeneca produrranno un’immunità più duratura perché la sua proteina spike rimane più a lungo e promuove una maggiore risposta immunitaria.

“Quando fornisci RNA, come i vaccini Pfizer, fornisci un numero limitato di molecole di mRNA che alla fine verranno eliminate dal sistema”, ha affermato. “Ma quando fornisci adenovirus, come fa AstraZeneca, fornisci un modello, quindi produci continuamente questi mRNA e quindi produci proteine ​​​​spike, quindi non c’è limite superiore”.

Prestampa in base alle prove raccolte Mayo Clinic La catena ospedaliera del Minnesota, negli Stati Uniti, ha mostrato che tra febbraio e luglio il tasso di protezione dalle infezioni dei vaccini Moderna è sceso dal 91% al 76% e il tasso di prevenzione delle infezioni dei vaccini Pfizer è sceso dall’89% al 42%.

Non è chiaro quanti di questi siano dovuti a Variante Delta, Che non esiste in Minnesota a febbraio, ma domina a luglio, il che è in gran parte dovuto alla ridotta immunità delle persone pochi mesi dopo essere state vaccinate.

Una specie di Studio separato sul Qatar Concentrandosi sulla variante Delta, è emerso che, indipendentemente dai sintomi, due dosi di Pfizer erano efficaci al 60% nel prevenire l’infezione, mentre il tasso effettivo di Moderna era dell’86%.

Come si confronta questo con ciò che già sappiamo?

Sanità pubblica Inghilterra Ricerca nel mondo reale May ha dipinto un quadro migliore: la doppia vaccinazione di Pfizer era efficace all’88% nel prevenire le infezioni con varianti sintomatiche delta.Ricerca Canada E le efficienze della Scozia sono rispettivamente dell’87% e del 79%.

Ma la nuova ricerca sembra più in linea con Ricerca in Israele, Ha scoperto che le iniezioni di Pfizer erano efficaci solo per il 41% nel prevenire le infezioni sintomatiche a giugno e luglio. Lo studio dell’Università di Oxford ha mostrato per la prima volta che l’efficacia delle iniezioni di Pfizer può diminuire più rapidamente di quella di AstraZeneca.

Tuttavia, è difficile fare confronti diretti tra diversi studi. I documenti negli Stati Uniti e in Qatar includevano persone che non presentavano sintomi, il che è noto per produrre stime di efficacia inferiori.

Tuttavia, Laith Abu-Raddad, autore del documento del Qatar e professore di medicina della Cornell University Weill Cornell, Laith Abu-Raddad, ha affermato che i risultati sono “molto sorprendenti” perché gli scienziati sono più preoccupati per l’efficacia della variante Beta piuttosto che del ceppo Delta. .

Il grafico mostra un confronto di diverse stime dell'efficacia del vaccino delle varianti Delta.Una nuova ricerca da Israele, Stati Uniti e Qatar mostra che l'efficacia della lotta alle infezioni può diminuire nel tempo, ma il loro metodo è diverso dai metodi che hanno trovato maggiore efficacia negli studi precedenti, il che rende difficile il confronto diretto

È questo l’indebolimento dell’immunità nel tempo?

La diminuzione dell’efficacia può essere causata da una diminuzione dell’immunità, che supporta la seguente tesi Terzo colpoLa ricerca ha dimostrato che i livelli di anticorpi diminuiranno nel tempo, sebbene gli scienziati non abbiano ancora determinato il livello al quale cessano di proteggere. Anche altre parti del sistema immunitario, come le cellule T, che sono più difficili da monitorare, svolgono un ruolo nella lotta al virus.

Abu-Ladad ha affermato che la sua ricerca ha mostrato un declino dell’immunità, ma ha avvertito che “il cielo non cadrà” perché i vaccini possono ancora prevenire malattie gravi.

L’autore principale dello studio dell’Università di Oxford, Koen Pouwels, ha affermato di aver preso in considerazione una “lunga lista” di fattori complessi, quindi è ragionevole presumere che il declino sia dovuto a un calo dell’immunità.

Pfizer ha affermato che è necessario iniettare una terza dose, che può essere di circa 8-10 mesi dopo la seconda dose. Ha chiesto a più agenzie di regolamentazione l’approvazione per migliorare le iniezioni.

Adam Finn, membro del Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione nel Regno Unito, ha affermato che non c’erano “prove chiare” che fossero necessari vaccini potenziati e ha esortato alla cautela, specialmente quando alcune aziende hanno “forti incentivi finanziari per proporre vaccini potenziati”.

Il vaccino Moderna fornisce una maggiore protezione contro Delta?

Questi studi sembrano anche indicare che il vaccino Moderna potrebbe essere più efficace del vaccino Pfizer nel trattare le varianti Delta.

Nello studio del Minnesota, poiché la variante Delta ha rapidamente sostituito Alpha come ceppo dominante, l’efficacia anti-infezione di Pfizer è diminuita ancora più rapidamente. Una complicazione è che le iniezioni di Pfizer sono state introdotte per prime e Moderna è stata lanciata in seguito, ma i ricercatori hanno cercato di rimediare confrontando solo i gruppi vaccinati nello stesso mese.

I ricercatori dell’Università di Oxford avevano solo dati sufficienti per studiare gli effetti della prima dose di Moderna, ma hanno scoperto che la sua efficacia era simile o superiore a quella di altri vaccini in una singola iniezione.

La ricerca del Qatar mostra che il tasso di iniezione di Pfizer è molto più basso, ma non si adatta a quando tutti sono vaccinati. Tuttavia, Abu Ladad ha affermato di ritenere che questa non sia l’unica spiegazione.

“Entrambi sono ottimi vaccini, ma possono essere correlati alla dose”, ha detto. Il vaccino di Moderna contiene mRNA (le istruzioni genetiche che insegnano al corpo a riconoscere la proteina spike) più di tre volte tanto quanto il vaccino di Pfizer.

Questi studi cambieranno le regole del gioco?

Gli esperti sono stati riluttanti a trarre conclusioni drammatiche da questi nuovi studi perché ci sono molte altre variabili.

Le persone che vengono vaccinate precocemente tendono ad essere più vulnerabili, quindi potrebbero avere meno probabilità di sviluppare comunque una forte risposta immunitaria.

“La tua età, i potenziali fattori di rischio che prevedono che sei stato vaccinato molto tempo fa potrebbero anche essere la causa del fallimento del vaccino e della tua malattia”, ha detto il professor Finn.

Muge Cevik, ricercatore di malattie infettive presso l’Università di St Andrews in Scozia, ha affermato che a causa di fattori complessi, compresi i cambiamenti comportamentali (ad esempio, dopo la revoca del blocco) o l’immunità in seguito all’infezione, si spiega che tale ricerca continuerà a aumentare.Il più impegnativo.

Anche senza questi cambiamenti, l’efficacia del vaccino può essere ridotta, perché nel tempo la persona vaccinata sarà esposta ripetutamente al virus.

“Più trasmissione hai, più probabilità hai di ottenere casi rivoluzionari”, ha detto Yaniv Erlich, un genetista computazionale. “Qualcuno tira i dadi una, due, tre volte, forse la terza volta che tirano il numero sbagliato e ottengono [infected]. “

Rapporto aggiuntivo di Oliver Barnes a Londra

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *