Il velocista americano di atletica leggera Richardson è stato bandito dalla partecipazione ai 100 metri olimpici dopo il test della marijuana Reuters

[ad_1]

© Reuters. Athletics-Diamond League-Gateshead-Gateshead International Stadium-23 maggio 2021, Sha’Carri Richardson degli Stati Uniti festeggia la vittoria nella gara di riscaldamento dei 100 m femminili REUTERS/Lee Smith

Cayon Reno

Kingston, Giamaica (Reuters) – La velocista americana Sha’Carri Richardson dovrebbe essere uno dei più grandi sorteggi delle Olimpiadi di Tokyo, ma dopo aver accettato un mese di squalifica, salterà la partita dei 100 metri olimpici. Trionfo a giugno.

L’Agenzia antidoping degli Stati Uniti (Usada) ha confermato venerdì la sospensione, anche se il 21enne ha ancora l’opportunità di partecipare alla staffetta olimpica.

Quando Richardson ha vinto i 100 metri in 10,86 secondi, ha messo in evidenza le sue qualifiche come una seria contendente per la medaglia d’oro, che è stata un test positivo nelle prove olimpiche degli Stati Uniti.

I 100 metri femminili di Tokyo sono iniziati il ​​30 luglio, due giorni dopo la fine della squalifica di Richardson, ma il risultato sfavorevole ha comportato l’annullamento dei suoi risultati nelle qualificazioni olimpiche.Le qualificate erano le prime tre atlete qualificate in ogni evento. Fornire posti automatici.

“Le regole sono chiare, ma è straziante a molti livelli”, ha affermato Travis Tygart, CEO di USADA. “Spero che la sua accettazione della responsabilità e delle scuse diventi un esempio importante per tutti noi e che possiamo superare con successo la nostra deplorevole decisione, nonostante le costose conseguenze per lei”.

Richardson ha detto in un’intervista al Today Show della NBC di venerdì che le sue azioni sono avvenute mentre stava affrontando la notizia della morte di sua madre.

“Come ho twittato ieri, sono umana. Siamo umani e voglio essere il più trasparente possibile con te, nel bene e nel male”, ha detto.

“Ma il nome di Sha’Carri Richardson non avrà mai steroidi. Le accuse e le circostanze sono marijuana”.

L’agenzia antidoping degli Stati Uniti ha dichiarato che il suo divieto è stato ridotto a un mese perché ha usato marijuana nella competizione e non aveva nulla a che fare con le prestazioni atletiche. Ha anche completato con successo un piano di consultazione per quanto riguarda il suo uso del farmaco.

Questo divieto potrebbe consentire a Richardson, la donna americana più veloce di quest’anno, di partecipare alla staffetta 4x100m ai Giochi Olimpici nella prima settimana di agosto con un tempo di 10,72 secondi, se è una delle due atlete selezionate dalla pista statunitense e il field team One (USATF) è al di sopra dei primi quattro test completati.

Produttore di abbigliamento sportivo Nike (New York Stock Exchange:), sponsorizzato Richardson, ha espresso che l’avrebbe sostenuta. “Ringraziamo Shakari per la sua onestà e senso di responsabilità e continueremo a sostenerla in questo periodo”, si legge in una nota.

“Ho ancora tante partite da giocare”

Quando le è stato chiesto se le sarebbe piaciuto avere l’opportunità di partecipare alla staffetta a Tokyo, Richardson ha detto: “Ora ho dedicato tutto il mio tempo e le mie energie a occuparmi delle cose che devo affrontare per guarire me stesso.

“Quindi se mi fosse permesso di ottenere quella posizione (alle Olimpiadi), ne sarei grato, ma in caso contrario, ora mi concentrerò su me stesso.

“Ho 21 anni e sono molto giovane. A differenza della maggior parte delle persone, ho ancora molte competizioni a cui partecipare e ho molto talento per supportarmi, perché tutto ciò che faccio viene dalla mia natura, senza steroidi, senza alcun.

“Questa faccenda riguarda la marijuana, quindi dopo che le mie sanzioni saranno finite, tornerò e potrò partecipare alla competizione. Ogni volta che metterò piede in pista, mi preparerò all’arrivo di qualsiasi agenzia antidoping e otterrò È quello di cui hanno bisogno”.

L’USATF ha dichiarato che aiuterà Richardson ad affrontare qualsiasi problema di salute mentale. “La situazione di Sha’Carri Richardson è molto sfortunata e devastante per tutte le persone coinvolte”, ha aggiunto.

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) vieta l’uso di marijuana, ma se gli atleti possono dimostrare che l’assunzione non è correlata alle prestazioni, saranno sospesi per tre mesi invece dei soliti due o quattro anni.

Se gli atleti sono disposti a collaborare con la loro agenzia nazionale antidoping su un piano di trattamento approvato, il divieto può essere ridotto a un mese.

Richardson era in Oregon mentre usava questo farmaco, che era legale. “So cosa ho fatto, so cosa dovrei fare… e ho comunque preso quella decisione”, ha detto.

Richardson può anche appellarsi alla Court of Arbitration for Sports (CAS), mentre l’Athletic Integrity Department (AIU) può presentare ricorso per chiedere un’ingiunzione più lunga. Un portavoce dell’AIU ha affermato di aver richiesto il fascicolo del caso all’USADA, ma non ha potuto commentare ulteriormente prima di considerare le informazioni pertinenti.

L’obiettivo di Richardson è diventare la prima donna americana a vincere il campionato olimpico dei 100 metri da Gail Devers nel 1996. Il suo tempo ad aprile è stato di 10,72 secondi, queste sono le sue cinque corse in questa stagione.Il movimento è inferiore a uno su 11 secondi.

La sua performance, i capelli luminosi e il linguaggio sicuro l’hanno aiutata ad attirare un gran numero di follower sui social media, anche se è stata anche criticata per aver collaborato con l’allenatore Dennis Mitchell, Dennis Mitchell ) È un ex finalista olimpico dei 100 m e medaglia d’oro nella staffetta. divieto di eccesso di testosterone per due anni.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *