In che modo le persone di Hong Kong intendono spendere il loro buono da 5.000 USD?

[ad_1]

Un sondaggio ha rilevato che la maggior parte degli intervistati li spenderebbe in generi alimentari.

Si prevede che nell’agosto di quest’anno verranno distribuiti buoni elettronici per i consumatori del valore di 5.000 dollari statunitensi alla popolazione di Hong Kong. Ci si aspetta che i buoni stimolino la crescita economica incoraggiando i consumi delle famiglie, ma quali industrie hanno maggiori probabilità di beneficiare del programma di buoni?

Nel recente rapporto di Kantar, è emerso che la maggior parte delle persone di Hong Kong prevede di utilizzare i buoni nei supermercati o nella spesa quotidiana.

Seguono elettronica ed elettrodomestici, servizi di ristorazione, trasporti, moda e scarpe.

Viaggi, turismo e beni di lusso sono scelte meno comuni.

Inoltre, il 59% degli intervistati ha indicato di essere disposto a sommare fino a 2.999 dollari USA per i propri fondi per acquistare un prodotto preferito con un prezzo superiore a 5.000 dollari USA; mentre il 24% ha affermato che non utilizzerebbe i propri fondi per ricaricare i buoni.

Sei intervistati su dieci prevedono di utilizzare i voucher offline e il 41% degli intervistati ha affermato che utilizzerà i voucher per gli acquisti online.

Il fornitore di servizi consumer più popolare degli intervistati è Octopus (53%), seguito da AlipayHK (27%), WeChat Pay HK (11%) e Tap & Go (9%).

“Gli ultimi dati riflettono l’opportunità diretta per la spesa dei consumatori, che avrà un impatto positivo su molte attività locali nei prossimi mesi. Ma nel medio-lungo termine, e forse ancora più importante, riflette la preferenza dei consumatori per i metodi di pagamento. Comportamento cambiamenti”, ha affermato Jeff Tsui, amministratore delegato della divisione dati personali di Kantar, Greater China.

La ricerca è stata condotta dal team LifePoints di Kantar, che ha intervistato 869 intervistati tra il 30 giugno e il 7 luglio.

leggi di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *