In due colpi a Trump, il Dipartimento di Giustizia deciso a sbloccare la tassa, il memorandum è stato pubblicato da Reuters

[ad_1]

© Reuters. Immagine del file: il presidente degli Stati Uniti Donald Trump osserva la fine del suo discorso al raduno del Congresso degli Stati Uniti sulla certificazione dei risultati delle elezioni presidenziali statunitensi del 2020 a Washington, Stati Uniti, 6 gennaio 2021. REUTERS/Jim Bourg/File Photo

Sarah N. Lynch

WASHINGTON (Reuters) – L’ex presidente Donald Trump ha subito una doppia battuta d’arresto venerdì quando il Dipartimento di Giustizia ha aperto la strada al rilascio dei suoi documenti fiscali e ha divulgato una nota che mostrava che aveva esortato gli alti funzionari a fare affermazioni false lo scorso anno. “corrotto”.

Il dipartimento ha cambiato la posizione di Trump quando è entrato in carica, dicendo all’IRS di fornire agli investigatori del Congresso i documenti fiscali dell’uomo d’affari repubblicano diventato politico, una mossa a cui si è opposto a lungo.

A differenza di altri recenti presidenti, Trump si rifiuta di pubblicare le sue dichiarazioni dei redditi e altri documenti perché intende mantenere riservati i dettagli della ricchezza e delle attività della sua azienda di famiglia, la Trump Organization. Il comitato dei modi e dei mezzi della Camera, guidato dai democratici, ha affermato di sperare che i dati fiscali servano in parte a esaminare se Trump abbia utilizzato in modo improprio le leggi fiscali statunitensi.

Una nota scritta a mano registrata dal vice procuratore generale ad interim Richard Donoghue a dicembre e pubblicata venerdì dal Comitato per la supervisione e la riforma della Camera dipinge una dannata immagine di Trump mentre cerca disperatamente che il Dipartimento di Giustizia prenda misure di intervento senza precedenti per cercare di sovvertire la sua posizione. Perso per il presidente Joe Biden nelle elezioni del 2020.

Il fatto che il dipartimento abbia concesso agli investigatori del Congresso l’accesso a queste note ha segnato un drammatico passaggio dalle ripetute affermazioni dell’amministrazione Trump sui privilegi esecutivi all’evitare il controllo del Congresso.

“Dì solo che l’elezione è corrotta, e io e il membro del Congresso repubblicano daremo il resto”, ha detto Trump a Jeffrey Rosen in una telefonata il 27 dicembre pochi giorni prima che Rosen fosse nominato procuratore generale ad interim. , Riferendosi ai repubblicani.

Le note mostrano che Rosen ha detto a Trump che il dipartimento non può e non cambierà “i risultati delle elezioni”.

I rappresentanti di Trump non hanno risposto alle richieste di commento.

Il Dipartimento di Giustizia ha ordinato all’Internal Revenue Service di fornire le dichiarazioni dei redditi di Trump al panel della Camera dei Rappresentanti, affermando che il panel aveva citato “buone ragioni” per presentare la richiesta.

L’Office of Legal Counsel del dipartimento ha concluso di aver commesso un errore nel 2019 quando ha scoperto che la richiesta del comitato per la tassazione di Trump si basava su un obiettivo “ipocrita” volto a esporlo al pubblico. Dopo che il segretario al Tesoro Steve Mnuchin ha ignorato le citazioni in giudizio di Trump, il comitato ha impegnato il Dipartimento del Tesoro in una battaglia legale di due anni.

Dopo un’altra battaglia legale, l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha ottenuto https://www.reuters.com/article/us-usa-court-trump-taxes/new-york-prosecutors-digging-into-trumps a febbraio. Financial-records-idUSKBN2AP2MS I dati fiscali e finanziari di Trump in un’indagine penale incentrata sulla sua azienda, ma il materiale non è stato divulgato pubblicamente.

Durante la presidenza di Trump, il Dipartimento di Giustizia è stato accusato dai Democratici di aver ceduto ai suoi obiettivi personali e politici. Le sue azioni recenti illustrano diversi approcci sotto la guida di Biden.

La presidente della Camera democratica Nancy Pelosi ha accolto con favore le azioni del dipartimento, affermando che l’ottenimento di questi documenti rappresenta un “problema di sicurezza nazionale”.

‘critico’

Richard Painter, professore di diritto all’Università del Minnesota, è stato l’ex presidente George W.

“Ogni altro presidente ha rivelato le proprie dichiarazioni dei redditi e ha scoperto conflitti di interesse che il presidente o l’ex presidente potrebbero aver preso decisioni che ora devono essere riviste: questo è molto importante”, ha aggiunto Painter.

Per Trump, questa è stata una settimana difficile. Martedì, quattro agenti di polizia hanno testimoniato al panel della Camera https://www.reuters.com/world/us/police-who-defended-us-capitol-testify-riot-probes-first-hearing-2021-07-27 Sostenitori di azioni violente durante le rivolte congressuali del 6 gennaio.

Nella stessa notte, il Ministero della Giustizia ha rivelato che https://www.reuters.com/world/us/us-justice-dept-wont-defend-republican-lawmaker-capitol-riot-lawsuit-2021-07-28 La causa ha difeso i membri del Congresso repubblicano insieme a Trump, accusandoli di aver aiutato a istigare rivolte, e un candidato al Congresso americano che sosteneva in Texas ha perso https://www.reuters.com/world/us/trump-backed-candidate-ballot-us- House-runoff-texas-2021-07-27 Il suo secondo turno elettorale. Trump è anche indignato per l’accordo bipartisan del Senato sulla legge sulle infrastrutture su larga scala di Biden https://www.reuters.com/world/us/us-senate-vote-open-debate-1-trilion-infrastructure-bill-2021- 07-30, un’impresa che Trump non è riuscito a realizzare.

Il Dipartimento di Giustizia ha citato “vantaggi legislativi convincenti” questa settimana perché ha autorizzato sei ex funzionari dell’amministrazione Trump a essere intervistati dall’House Oversight Panel. Questi includono Rosen, Donohue, l’ex capo del personale della Casa Bianca Mark Meadows e l’ex vice procuratore generale Jeffrey Clark.

Clark è al centro dell’indagine dell’Ufficio dell’Ispettore Generale del Dipartimento di Giustizia https://www.reuters.com/article/us-usa-trump-justice/watchdog-to-probe-if-justice-dept Dopo la notizia che aveva cospirato con Trump per cercare di rovesciare Rosen, è stato in grado di indagare sulla cosiddetta frode elettorale in Georgia. Clark non ha risposto a una richiesta di commento.

Le note mostrano che durante la telefonata con Rosen il 27 dicembre, Trump ha minacciato di ritenere Clark responsabile. Durante la chiamata, Trump ha promosso le sue false affermazioni elettorali. “Potresti non seguire Internet tanto quanto me”, ha detto Trump.

Rosen e Donohue hanno ripetutamente cercato di dire a Trump che le sue informazioni non erano corrette.

“Stiamo facendo il nostro lavoro”, ha detto Note. “La maggior parte delle informazioni che ottieni sono false”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *