Intel propone di diversificare il suo investimento nella fabbrica di chip da 20 miliardi di dollari nell’UE

[ad_1]

Il produttore di chip statunitense Intel ha affermato che il suo investimento previsto di 20 miliardi di dollari in una nuova fabbrica di semiconduttori in Europa potrebbe essere distribuito tra diversi Stati membri dell’UE perché ha fatto pressioni per ottenere il sostegno finanziario e politico dell’UE per il progetto.

L’amministratore delegato del gruppo, Pat Gelsinger, ha recentemente incontrato il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi per discutere Carenza globale di chip Ciò ha colpito le industrie in Europa e in altre regioni.

La sua visita è stata pubblicata dopo che l’Unione europea ha segnalato che potrebbe fornire una grande quantità di fondi per aiutare l’Unione europea a raggiungere il suo nuovo obiettivo di raddoppiare la produzione di semiconduttori al 20% del mercato globale entro il 2030, compresa la produzione dei chip più avanzati.

In un’intervista con il Financial Times, i dirigenti del produttore di chip hanno affermato che se i requisiti di Intel per un nuovo impianto di produzione europeo saranno soddisfatti, ciò potrebbe portare “benefici per l’intera UE”, aumentando così l’espansione di strutture e servizi in più Stati membri per supportare la possibilità di produzione di chip.

“Possiamo collocare la produzione in una sede e il confezionamento in un’altra”, ha affermato Greg Slater, vicepresidente degli affari regolatori globali di Intel, un membro del team che esplora la possibilità di espansione in Europa. La ricerca e lo sviluppo possono essere condivisi anche tra i paesi dell’UE e la spesa con i fornitori europei aumenterà in modo “drammatico”.

“Siamo pienamente in grado di renderlo un progetto a livello di ecosistema, non solo alcuni percorsi isolati in un paese membro”, ha affermato. “Crediamo che questo sia un progetto che andrà a beneficio di tutta l’Europa”.

Oltre al supporto finanziario, Intel sta anche cercando un sito che copre circa 1.000 acri con un’infrastruttura ben sviluppata che sarà in grado di supportare fino a 8 impianti di produzione di chip, chiamati fab, e in grado di attrarre talenti. Intel ha già ispezionato paesi tra cui Germania, Paesi Bassi, Francia e Belgio per esplorare il potenziale della creazione di fabbriche. Una decisione dovrebbe essere presa entro la fine dell’anno.

Ha detto che inizialmente verranno istituiti due fab, con un costo totale di circa 20 miliardi di dollari per 10 anni di attività. I dirigenti di Intel hanno affermato che nell’intero ciclo di vita della fabbrica, l’investimento totale potrebbe superare i 100 miliardi di dollari USA.

Funzionari francesi hanno affermato che Intel sta valutando l’introduzione in Europa di una tecnologia di chip a 10 nanometri abbastanza avanzata o di una tecnologia migliore. Continuano le discussioni se questo è adatto alle esigenze dei clienti europei che attualmente si affidano a tecnologie più mature. Un funzionario ha dichiarato: “Ci vogliono molti soldi per posizionarsi sulla tecnologia più avanzata. “Stiamo studiando cosa è fattibile e cosa è desiderabile”.

Gli aiuti di Stato sono essenziali per garantire la competitività delle fabbriche. “Lo svantaggio di costo in Asia va dal 30% al 40%… Gran parte di questo è dovuto al sostegno del governo”, ha detto Slater.

Tuttavia, i funzionari francesi hanno affermato che Intel non sta solo cercando l’elemosina. “Stanno studiando l’ecosistema, la posizione del sito… non è solo una questione di ciò che un paese darà loro in termini di denaro. È un insieme complesso di fattori”.

Il mese scorso il CEO di Intel Pat Gelsinger ha incontrato il presidente francese Emmanuel Macron © Stephane de Sakutin/Pool via AP

Intel ha anche affermato di aver “considerato il valore di essere vicini ai clienti europei, il che ci metterà in una posizione migliore e più forte per soddisfare le loro crescenti esigenze”.

Thierry Breton, commissario per il mercato unico di Bruxelles e responsabile della strategia industriale, una volta ha affermato che l’Europa dovrebbe eventualmente impegnarsi a produrre i chip 2nm più avanzati.

Tuttavia, dati l’alto costo e la complessità della produzione di semiconduttori avanzati, la sua ambizione ha sollevato la preoccupazione che l’Europa possa sprecare denaro.

Jacob Wallenberg, uno degli industriali più rispettati d’Europa, ha dichiarato al Financial Times che, sebbene capisse l’ambizione, c’erano enormi rischi. “La domanda è se puoi recuperare il ritardo. Sarebbe un peccato se ci imbarchiamo in un percorso troppo costoso ma che non risolve davvero il problema”.

Come parte di una strategia pluriennale per raggiungere i giganti asiatici dei semiconduttori TSMC e Samsung, Intel investirà 20 miliardi di dollari per costruire due nuove fabbriche negli Stati Uniti e altri 7 miliardi di dollari per raddoppiare la capacità produttiva della sua fabbrica irlandese. L’organizzazione ha affermato che prevede anche di portare la produzione di chip a 7 nm più avanzata nella sua fabbrica irlandese.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *