Investire in azioni Alphabet (GOOGL)

[ad_1]

Alphabet Inc. è stata originariamente fondata nel 1998 con il nome di Google Inc. come società di motori di ricerca. Da allora, Google è diventato il motore di ricerca più popolare al mondo, occupando l’87% del mercato di ricerca globale. Negli ultimi due decenni, la diversificazione dell’azienda è andata ben oltre i motori di ricerca. Si è riorganizzata nel 2015 e ha creato la holding Alphabet Inc. La società madre possiede Google, la sua più grande filiale e molte altre società.L’alfabeto è elencato in Nasdaq Fai trading con il codice azionario, Google (Categoria A) e Google (Grado C).

Alphabet guadagna tramite il motore di ricerca Google, YouTube, Google Play, Google Cloud, il browser Chrome e il sistema operativo mobile Android. Inoltre, la società ha effettuato investimenti significativi nel sistema di cloud gaming Stadia, nelle auto a guida autonoma Waymo e in altre iniziative tecnologiche.

Alphabet compete con aziende che forniscono piattaforme online per connettere le persone con informazioni e pubblicità correlata, contenuti digitali e piattaforme applicative, servizi cloud aziendali e altro ancora. I principali concorrenti includono Amazon.com (Amazon), Microsoft Corporation (Servizi finanziari Microsoft), Mela. (AAPL), Facebook Inc. (FB), Alibaba Group Holdings Limited (Baba), e altri.

Maggiori informazioni su Alfabeto (GOOGL)

Le ultime notizie da Alphabet

  • Il 15 giugno 2021, l’Autorità per la concorrenza e il mercato, l’autorità antitrust del Regno Unito, ha annunciato che sta indagando sull'”ecosistema mobile” di iOS e Android per vedere se ci sono prove che abbiano problemi di antitrust.
  • L’11 giugno 2021 sono state presentate alla Camera dei rappresentanti cinque progetti di legge antitrust. Sebbene non abbiano ancora superato l’audizione della commissione, l’approvazione di qualsiasi disegno di legge potrebbe significare un importante cambiamento nelle pratiche commerciali di Alphabet. Questi progetti di legge sono “Ending Platform Monopoly Act”, “US Choice and Innovation Online Act”, “Platform Competition and Opportunity Act”, “Enhancing Compatibility and Competition through the Enable Service Exchange (ACCESS) Act” e “Merge Application Fee Modernization”. Agire””. Esempi delle principali riforme antitrust introdotte da questi disegni di legge includono la forzatura delle piattaforme online dominanti a dimostrare che le loro acquisizioni non sono monopolistiche, piuttosto che la Federal Trade Commission che dimostra che non sono monopolistiche e rende più difficile per le piattaforme utilizzare i loro prodotti o servizi. .
  • L’8 giugno 2021, il procuratore generale dell’Ohio Dave Yost ha fatto causa a Google, chiedendo che fosse regolamentato come utilità pubblica.come un Carriera Comune Le aziende di pubblica utilità saranno costrette a non dare un trattamento preferenziale a prodotti e servizi sulle loro piattaforme.
  • Il 26 maggio 2021, Google ha raggiunto un accordo con l’operatore ospedaliero HCA Healthcare, che consente a Google di utilizzare i dati dei 2.000 ospedali di HCA per sviluppare algoritmi sanitari. HCA ha dichiarato che Google non sarà in grado di vedere le informazioni identificative dai record dei pazienti. Tuttavia, le due società non hanno rivelato i termini della transazione.
  • Il 18 maggio 2021, Google ha iniziato la sua conferenza per sviluppatori “Google I/O” (input/output), che durerà fino al 20 maggio. Finora, ha rivelato l’interfaccia di progettazione di Android 12, la demo “Project Starline”. Crea una videoconferenza 3D in tempo reale e un piano “smart canvas”, che si dice aiuti a integrare meglio la sua applicazione Workplace.
  • Sempre il 13 maggio 2021, Google ha annunciato che la sua attività Google Cloud diventerà un’attività che fornisce servizi informatici a SpaceX. SpaceX sta lavorando duramente per diventare un fornitore di servizi Internet attraverso la sua rete satellitare Starlink.
  • Il 13 maggio 2021, la controllata di Alphabet Google è stata multata di 123 milioni di dollari dall’agenzia antitrust italiana. La multa è dovuta al fatto che Google non consente l’utilizzo dell’app di localizzazione della stazione di ricarica JuicePass sulla sua piattaforma Android Auto. JuicePass è prodotto da Enel, una società di servizi pubblici di proprietà del governo. Il regolatore ha dichiarato che JuicePass non è autorizzato a fornire un vantaggio competitivo sleale alle proprie app (come l’app Google Maps).
  • 27 aprile 2021 Alphabet annuncia i risultati finanziari per il primo trimestre del 2021La società ha registrato un fatturato di 55,3 miliardi di dollari, un aumento del 34% su base annua e un utile per azione (EPS) di 26,29 dollari, un aumento del 166,4% su base annua. Entrambe le cifre hanno ampiamente superato le aspettative degli analisti.
  • Il 23 aprile 2021, il consiglio di amministrazione di Alphabet ha approvato un riacquisto di azioni da 50 miliardi di dollari.
  • Il 21 aprile 2021, il quotidiano britannico “The Mail giornaliera, ha fatto causa a Google per le sue norme sulla pubblicità online. Associated Newspapers ha affermato che Google ha declassato i giornali, come Mail giornaliera Se non vendono il loro spazio pubblicitario sul marketplace di Google, è nei risultati di ricerca. Google ha definito questa affermazione “completamente imprecisa”.
  • Il 5 aprile 2021, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che Google ha vinto la causa in una controversia sul copyright con Oracle con una decisione 6-2.Oracle afferma che Google utilizza il codice Java di Oracle Interfaccia di programmazione dell’applicazione (API) Violazione del suo diritto d’autore sul software, il tribunale di primo grado ha accettato, ma la Corte Suprema ha stabilito che si tratta di un uso corretto.
  • Il 16 marzo 2021, Google ha annunciato che dal 1° luglio 2021 ridurrà il costo del suo Google Play App Store dal 30% delle entrate iniziali di 1 milione di dollari dello sviluppatore al 15%.
  • Il 3 marzo 2021, Google ha annunciato l’intenzione di interrompere le vendite pubblicitarie in base al monitoraggio della cronologia di navigazione personale. Dopo aver annunciato nel 2020 che abbandoneranno i cookie di tracciamento entro il 2022, la decisione conferma che non li sostituiranno con alcun nuovo tracciamento cross-site. Poiché la vendita di annunci personalizzati basati sul monitoraggio dell’utilizzo personale di Internet è una parte importante dell’attuale modello di vendita di pubblicità digitale, ciò potrebbe significare importanti cambiamenti nel settore.
  • Il 25 febbraio 2021, l’Australia ha approvato una legge che impone a Google e Facebook di risarcire le società di media per le notizie a cui gli utenti accedono tramite queste piattaforme. La legge consente alle aziende e agli editori di negoziare le transazioni da soli, e solo se la negoziazione fallisce, l’arbitro interverrà per stabilire il prezzo. Prima dell’approvazione della legge, Google ha minacciato di ritirare Google dall’Australia, ma ha ammorbidito il suo atteggiamento e ha accettato di pagare le tasse di licenza dei contenuti alla società di media globale News Corporation e alle società di media locali australiane Jiu Entertainment e Seven West Media.
  • Il 25 gennaio 2021, la sussidiaria di Google di Alphabet ha annunciato l’intenzione di rimuovere i cookie di tracciamento di terze parti nel 2022, a partire dall’annuncio del 2020. I cookie di tracciamento pongono importanti problemi di privacy, ma si teme anche che si tratti di una misura anticoncorrenziale progettata per trasferire gli annunci agli strumenti pubblicitari di Google. L’agenzia antitrust britannica ha avviato un’indagine sulla vicenda all’inizio di gennaio.
  • Il 14 gennaio 2021, Alphabet ha annunciato di aver completato l’acquisizione da 2,1 miliardi di dollari della società di tecnologia indossabile Fitbit.
  • Il 4 gennaio 2021, più di 400 ingegneri di Google hanno formato l’Alphabet Workers Union (AWU). Il sindacato è affiliato all’American Communications Workers Association, che rappresenta i lavoratori delle telecomunicazioni e dei media negli Stati Uniti e in Canada.
  • Il 17 dicembre 2020, 38 procuratori generali hanno accusato Google di mantenere il suo monopolio sulla ricerca su Internet attraverso contratti anticoncorrenziali e di utilizzare i suoi strumenti di vendita pubblicitaria per svantaggiare altri motori di ricerca.
  • Il 17 dicembre 202, 10 procuratori generali hanno seguito la causa del DOJ nell’ottobre 2020. Un altro ha accusato Google e Facebook di aver raggiunto un accordo anticoncorrenziale sulle vendite di pubblicità online e ha anche usato il suo potere di mercato per addebitare agli editori costi elevati.
  • Il 20 ottobre 2020, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha intentato una causa contro la sussidiaria di Alphabet Google. La causa sostiene che Google protegge illegalmente la sua posizione nel mercato della ricerca pagando i produttori di smartphone per rendere Google il motore di ricerca predefinito sui loro dispositivi.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *