Jaguar Land Rover revisiona la catena di approvvigionamento per evitare la chiusura degli stabilimenti

[ad_1]

Jaguar Land Rover rettificherà completamente la catena di approvvigionamento e negozierà direttamente con i produttori di chip nel tentativo di evitare il ripetersi della chiusura della fabbrica causata dalla crisi dei semiconduttori che ha afflitto l’attività quest’anno.

Thierry BollorIl CEO ha affermato che la casa automobilistica controllerà più rigorosamente i componenti mission-critical come microprocessori e batterie perché richiede più lavoro, come le unità di azionamento elettriche interne.

Per molto tempo, le case automobilistiche hanno esternalizzato la maggior parte dei loro veicoli a fornitori e da allora hanno riprogettato le loro reti di fornitura. La crisi della carenza di chip è costata al settore Milioni di vendite di auto perse.

“Questa è una vera tempesta. Non credo davvero che migliorerà in pochi mesi. Credo che potrebbe durare più a lungo”, ha detto Bolloré al Financial Times.

Nella sua prima intervista al giornale dopo essere entrato nell’organizzazione casa automobilistica di settembreL’ex capo della Renault ha anche affermato che Jaguar Land Rover annuncerà presto l’intenzione di acquistare batterie per auto elettriche dal Regno Unito.

È responsabile dell’inversione della situazione della leggendaria casa automobilistica britannica, che è stata superata da Nissan lo scorso anno per diventare il più grande produttore del paese e ha seri problemi in termini di tecnologia e sovrapposizione della gamma di prodotti.

Una riforma strategica annunciata a marzo comporterà il rebranding del travagliato marchio Jaguar in un puro concorrente di lusso elettrico dal 2025 e l’azienda abbandonerà i motori tradizionali a metà del prossimo decennio.

Bolloré ha dichiarato al Financial Times presso la nuova sede della società a Gaydon, nel Warwickshire, che l’industria automobilistica ha scoperto il rischio di carenza di chip e altri componenti necessari per rendere “in ritardo” i veicoli tecnologici moderni.

“Il modo di affrontare il problema [shortages] E avere il controllo è qualcosa che siamo in ritardo per agire”, ha detto.

In futuro, Jaguar Land Rover tratterà direttamente con i propri fornitori di chip.

Parte del problema con le attuali carenze che hanno portato le case automobilistiche da Volkswagen a GM a Toyota a chiudere le fabbriche per settimane è la visibilità della catena di approvvigionamento.

“Dobbiamo lavorare con [chip suppliers], Non solo attraverso il nostro primo e secondo piano [suppliers], Dobbiamo anche lavorare direttamente con loro”, ha detto Bolloré.

Introdurrà internamente unità di azionamento elettriche e pianificherà di rendere il business dei componenti chiave più “integrato verticalmente”.

L’azienda sta ancora “esplorando tutte le possibilità” e decidendo se produrre o acquistare batterie per i suoi kit per auto elettriche.Questo campo sarà importante quanto la produzione di motori di oggi in futuro.

Ha affermato che l’approvvigionamento dalla fabbrica del Regno Unito è “la nostra opzione preferita”, aggiungendo che la società ha già determinato la composizione chimica della sua tecnologia delle batterie ed è in trattative finali con alcuni produttori di batterie sul luogo dell’impianto. Ha detto che una decisione definitiva è attesa entro pochi mesi.

Il capo di JLR Thierry Bolloré ha affermato che l’acquisto di batterie da una fabbrica britannica è “la nostra situazione preferita” © Andrew Fox/FT

Il Financial Times ha riferito la scorsa settimana che sei investitori in batterie stanno negoziando con Gigafactories britanniche, tra cui Samsung e LG, e molti di loro hanno rinviato la loro decisione fino a quando Jaguar Land Rover non ha annunciato i suoi piani.

Gli attuali ed ex dirigenti della società hanno affermato che da quando Bolloré è entrato in carica a settembre, il morale della società è salito alle stelle, dopo aver trascorso i dieci anni in carica dell’ex capo Ralf Speth (Ralf Speth), dopo gli ultimi anni difficili.

Una persona che ha familiarità con la questione ha affermato che la sua nuova strategia è stata accolta internamente e l’opzione per ridurre la produzione è stata vista come un “frutto a bassa quota”. Ma le scelte difficili esistono ancora.

Il piano di riduzione dei costi di Speth ha tagliato 5.000 posti di lavoro, il che in una certa misura ha alleviato il problema della spesa eccessiva che affligge l’azienda da molti anni.

Ma Polloré, il vice di lunga data dell’ex capo della Renault Carlos Ghosn, noto come un “killer dei costi” a causa dei suoi risparmi, ha affermato che l’intera azienda potrebbe risparmiare “di più” in futuro.

Ha detto che il suo nuovo piano ha rotto il precedente obiettivo di vendita di 1 milione di veicoli di Jaguar Land Rover e si è concentrato sul “valore piuttosto che sulla quantità”. L’anno scorso, il gruppo ha prodotto solo 425.000 vetture.

Ha detto che ciò include l’interruzione della produzione di automobili nel suo stabilimento di Castle Bromwich nelle West Midlands e potrebbe ridurre ulteriormente altri stabilimenti in base alle dimensioni del mercato delle auto di lusso nei prossimi anni.

Quando gli è stato chiesto se avrebbe chiuso altre fabbriche in tempo, Pollorè ha risposto: “Oh, sì”.

Come parte di ambizioni più modeste, Jaguar Land Rover non ha inoltre in programma di promuovere l’espansione della sua fabbrica slovacca aperta nel 2018.

Il governo slovacco ha designato un sito accanto all’attuale fabbrica per l’utilizzo da parte del gigante automobilistico e si prevede che sarà sviluppato.

Bolloré ha affermato che la società attualmente non ha in programma di produrre modelli elettrici nel sito di produzione del Land Rover Defender e del Discovery.

Ha aggiunto che Jaguar, che è stata dietro le rivali BMW e Mercedes per molti anni, entrerà nel mercato di fascia alta con una gamma di modelli notevolmente migliorata.

Ha affermato che la Jaguar I-Pace è l’unico modello Jaguar completamente elettrico a vincere un premio globale e non farà parte dell’ultima famiglia Jaguar, ma continuerà per diversi anni, incluso il lancio di nuovi modelli derivati.

Sotto la guida di Speth, il gruppo ha iniziato a esplorare l’uso dell’idrogeno nei suoi modelli più grandi, difficili da convertire in modelli a batteria a causa del peso.

Bolloré ha affermato che questa opzione “potrebbe avere senso” una volta aumentata l’efficienza della produzione di idrogeno, ma “non ha senso utilizzare oggi idrogeno molto costoso e poco pulito”.

Tuttavia, Bolloré ha promesso di lanciare versioni elettriche a batteria di Range Rover e Defender. “La nostra attività è completamente legata alle batterie.”

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *