JPMorgan Chase acquisisce la piattaforma di investimento Nutmeg By Reuters nel commercio al dettaglio nel Regno Unito

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il logo JPMorgan Chase è stato visto a New York City, negli Stati Uniti, il 10 gennaio 2017. REUTERS/Stephanie Keith/File Photo

LONDRA (Reuters)-JPMorgan Chase ha acquisito Nutmeg, la più grande società di gestione patrimoniale digitale del Regno Unito, che si sta preparando per l’espansione della grande distribuzione nel Regno Unito.

Nutmeg ha dichiarato in una dichiarazione che Nutmeg, che ha oltre 140.000 clienti e oltre 3,5 miliardi di sterline (4,89 miliardi di dollari) nella gestione patrimoniale, diventerà la pietra angolare del prodotto di gestione patrimoniale digitale al dettaglio internazionale di JPMorgan Chase (NYSE:).

Nutmeg è stato lanciato nel 2012 per fornire una serie di prodotti di investimento e pensionistici, ma è stato difficile realizzare un profitto. Nei suoi ultimi conti completi per il 2019, la società ha annunciato una perdita ante imposte di 22 milioni di sterline.

JPMorgan Chase ha confermato l’acquisizione e ha affermato che integrerà la banca digitale del Regno Unito che la società lancerà con il marchio Chase entro la fine dell’anno.

La banca spera di competere con i concorrenti affermati nelle high street britanniche e con sempre più aziende fintech, che stanno ambiziosamente diventando una banca retail a servizio completo, a partire dalla fornitura di conti correnti.

Sanoke Viswanathan, CEO di JP Morgan International Consumer, ha dichiarato: “Stiamo utilizzando la tecnologia più recente per costruire Chase da zero nel Regno Unito e mettendo l’esperienza del cliente al centro dei nostri prodotti, il principio che Nutmeg condivide con noi.

JPMorgan Chase ha stabilito una partnership di prodotto con Nutmeg a novembre.

(1 USD = 0,7164 sterline)

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *