Keating, capo lobbista di Boeing, si dimette per ragioni sconosciute Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: Il logo Boeing è stato scattato il 14 agosto 2018 alla conferenza ed esposizione sull’aviazione aziendale latinoamericana tenutasi all’aeroporto di San Paolo Congonhas, in Brasile. REUTERS/Paulo Whitaker/File Photo

Autori: Eric M. Johnson, David Shepardson e Andrea Shalal

Seattle/Washington (Reuters)-Il lobbista e stratega politico di Boeing Tim Keating (Tim Keating) ha dichiarato lunedì di aver lasciato l’azienda e di aver aiutato il produttore di aerei americano a superare Il più mortale incidente del 737 MAX è la peggiore crisi della storia.

Il memorandum interno del CEO Dave Calhoun (Dave Calhoun) al personale operativo del governo e un’altra dichiarazione ai media hanno confermato le dimissioni di Keating e la ricerca di sostituti permanenti, ma non hanno risposto a quello che sembrava essere un ritiro improvviso.

Calhoun ha affermato che Mark Allen, chief strategy officer di Boeing, assumerà anche il ruolo di Keating fino a quando non verrà trovato un sostituto permanente.

Il produttore di aeromobili americano è stato sottoposto a un severo controllo da parte di legislatori e regolatori dopo gli incidenti mortali del jet di linea 737 MAX nel 2018 e nel 2019. Questi incidenti hanno fatto precipitare l’azienda nella peggiore crisi della storia, aggravata da molto tempo dalla pandemia di coronavirus.

Loren Thompson, un consulente per la difesa vicino a Boeing, ha affermato che Keating ha svolto un ruolo chiave negli sforzi di Boeing per affrontare una serie di crisi, tra cui la leggenda del 737 MAX, la perdita di un importante contratto di difesa e il conseguente forte calo delle entrate. A causa della pandemia globale di COVID-19.

Thompson ha dichiarato: “Keating potrebbe non rimanere alla Boeing per tutto il tempo che ha fatto, a meno che non sia per un senso di responsabilità perché la compagnia è nei guai”.

La notizia è stata riportata per la prima volta da National Defense One.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *