KPMG critica gli audit bancari “inaccettabili” da parte dei regolatori del Regno Unito

[ad_1]

Aggiornamento contabile

KPMG è stata criticata dal regolatore contabile britannico per non aver soddisfatto gli standard richiesti dagli audit bancari per il terzo anno consecutivo.

Nella revisione annuale della qualità dell’audit del Financial Reporting Committee da parte delle sette maggiori società di revisione del Regno Unito, sono state selezionate le quattro maggiori società di revisione contabile insieme alle più piccole società di revisione BDO e Mazars.

Complessivamente, il 29% dei 103 campioni di audit esaminati dalle agenzie di regolamentazione ha riscontrato la necessità di miglioramenti o miglioramenti significativi, che è solo leggermente migliore rispetto al 33% dell’anno scorso.

L’amministratore delegato di FRC, Sir Jon Thompson, ha dichiarato: “Sebbene questi risultati mostrino un miglioramento rispetto ai risultati dello scorso anno, questo miglioramento è insignificante e sono ancora necessari cambiamenti significativi per migliorare significativamente la qualità dell’audit”.

I grandi clienti bancari di KPMG includono Barclays Bank, che ha ottenuto il punteggio peggiore tra le quattro grandi società di contabilità, con solo il 59% degli audit ritenuti conformi agli standard o che richiedono miglioramenti limitati.

“In considerazione dell’importanza sistemica delle banche per l’economia del Regno Unito, FRC monitorerà da vicino le azioni di KPMG per garantire un’elaborazione tempestiva dei risultati delle indagini”, ha affermato il regolatore.

PricewaterhouseCoopers ha ottenuto l’80%, mentre il 79% degli audit condotti da Deloitte ed Ernst & Young è stato considerato qualificato.

Cath Burnet, Head of Audit di KPMG UK, ha dichiarato: “La qualità dell’audit è la nostra priorità numero uno e non saremo soddisfatti finché il nostro punteggio AQR non rifletterà il nostro impegno per la qualità dell’audit e i nostri sforzi per migliorarlo”.

Ha riconosciuto la necessità di miglioramenti, ha difeso l’audit bancario della società e l’ha definito “stabile” e ha affermato che FRC non ha messo in dubbio il suo parere di audit.

Grant Thornton, il sesto revisore più grande del Regno Unito, ha ottenuto il punteggio più alto tra le prime sette società con l’86% del suo lavoro che soddisfa gli standard richiesti.

La revisione ha criticato in particolare l’altra società sfidante di Grant Thornton, BDO: più della metà degli audit ispezionati erano inferiori allo standard richiesto e tre dei sette audit esaminati da Mazars necessitavano di miglioramenti o miglioramenti significativi.

L’FRC ha affermato che entrambe le società dovrebbero adottare misure aggiuntive per migliorare la qualità degli audit.

I risultati evidenziano le difficoltà incontrate dai quattro principali sfidanti, Deloitte, Ernst & Young, KPMG e PricewaterhouseCoopers, nell’espandere la quota di mercato mantenendo elevati standard di audit.

BDO ha aggiunto 250 auditor nell’ultimo anno, con un aumento del 14%, e ha vinto più autorizzazioni FTSE 250 perché ha consolidato la sua posizione come il più grande sfidante dei Big Four.

Scott Knight, direttore dell’audit di BDO, ha dichiarato che la qualità dell’audit è una “priorità assoluta”.

David Herbinet, capo dell’audit di Mazars, ha affermato che la sua azienda è rimasta delusa dai risultati dell’indagine e sta risolvendo i problemi identificati dall’FRC.

Sia BDO che Mazars hanno dichiarato di aver investito nel miglioramento della qualità degli audit.

I dati sono stati rilasciati due settimane dopo che il governo si è consultato su riforme complete del dipartimento di revisione contabile e sulle regole di governo societario mentre il Regno Unito cercava di ripristinare la fiducia nei conti e nelle informazioni della sua più grande società quotata.

I risultati di venerdì sono arrivati ​​dopo che FRC ha avviato un’indagine sull’audit del 2019 di Greensill Capital da parte della società di medie dimensioni Saffery Champness il mese scorso, dopo che il crollo della banca ha innescato disordini politici. PricewaterhouseCoopers sta inoltre effettuando un’indagine di audit sulla Wyelands Bank, di proprietà dell’industriale britannico Sanjeev Gupta, la cui azienda è uno dei maggiori clienti di Greensill.

I revisori hanno affrontato un rigoroso controllo da parte del pubblico per non aver alzato le bandiere rosse prima che aziende di alto profilo come Carillion, Thomas Cook e Patisserie Valerie fallissero.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *