Kwasi Kwarteng difende la graduale eliminazione del programma di congedo nel Regno Unito

[ad_1]

Giovedì, il segretario al commercio del Regno Unito Kwasi Kwarteng ha difeso con forza l’iniziativa del governo di ridurre i finanziamenti statali per i programmi di vacanza prima che il Regno Unito revocasse completamente le restrizioni sul coronavirus.

A partire da giovedì, la società dovrà sostenere una parte maggiore del costo del piano, anche se le restrizioni che interessano più settori, inclusi gli hotel, non verranno revocate fino al 19 luglio.

Le statistiche pubblicate dall’amministrazione delle entrate e delle dogane del Regno Unito mostrano che dopo la riapertura dei servizi alberghieri al coperto in Inghilterra, a maggio più di 1 milione di lavoratori si è ritirato dal programma di mantenimento del lavoro del governo.

Alcuni gruppi imprenditoriali esortano il governo a non iniziare a ridurre i finanziamenti statali per i programmi di vacanza fino a quando non saranno eliminate tutte le restrizioni che interessano le aziende.

ma Un quarto d’ora Ha detto che il piano è una “politica speciale in un periodo estremo e senza precedenti” e deve essere gradualmente eliminato.

A partire da giovedì, il governo taglierà i salari pagati ai dipendenti delle aziende in aspettativa dall’80% al 70% e i datori di lavoro dovrebbero recuperare la riduzione del 10%.

Kwarteng ha dichiarato: “La vacanza non durerà per sempre. Dato che l’abbiamo aperta tra due settimane, ora è il momento giusto per considerare l’equilibrio tra i pagamenti del governo e gli stipendi dei datori di lavoro”.

Il finanziamento del governo per il programma ferie sarà ridotto nei prossimi tre mesi e il programma terminerà a settembre.

Le statistiche dell’HMRC mostrano che alla fine di maggio 2,4 milioni di persone avevano preso ferie complete o parziali.

Secondo i dati dell’Ufficio nazionale di statistica, all’inizio di giugno il numero di persone che hanno mantenuto i propri piani di lavoro è ulteriormente diminuito, scendendo tra 1,3 milioni e 1,9 milioni, con meno della metà che ha preso le ferie.

I dati HMRC mostrano anche che 8 delle 10 autorità locali che partecipano al programma si trovano a Londra, con il maggior aumento delle domande di disoccupazione e di welfare.

Alcuni gruppi aziendali concordano con il governo che è tempo di eliminare gradualmente i piani per le ferie perché le aziende di alcuni settori stanno lavorando duramente per reclutare lavoratori con competenze adeguate.

Il presidente della CBI Karan Billy Moria ha avvertito questa settimana che “l’effetto contraddittorio” del programma sta ora portando a una “tempesta perfetta” nel reclutamento, perché più successo avrà, “più piccolo sarà il pool di talenti dell’azienda, qui e ora. “.

Ma altri gruppi imprenditoriali hanno avvertito che con la fine del programma, il tasso di disoccupazione aumenterà perché molte aziende che non possono operare continuano a fare affidamento su di esso.

I dati dell’HMRC mostrano che l’uso del programma è ora concentrato in settori ancora severamente limitati, tra cui l’aviazione, le agenzie di viaggio e gli operatori turistici, nonché il settore delle arti e degli eventi.

Inizialmente il governo aveva pianificato di revocare le restanti restrizioni imposte dal terzo blocco dell’Inghilterra entro il 21 giugno, ma a causa della rapida diffusione della variante delta del coronavirus, questa mossa è stata rinviata al 19 luglio.

Mike Cherry, il presidente nazionale della Small Business Federation, ha affermato che il governo sta rischiando un “serio punto critico economico” questa settimana.

“L’anno scorso il governo ci ha detto che ci aiuterà ‘a tutti i costi’ a recuperare i 5,9 milioni di singole imprese e piccole imprese da cui dipendiamo”, ha aggiunto.

“Ma ora, dopo il forte ritardo nella riapertura della tabella di marcia, le nuove misure di sostegno si limitano a quelle che non costeranno un centesimo al Tesoro”.

Il mese scorso, il ministero delle Finanze ha esteso il divieto di sfratto degli inquilini commerciali da parte dei proprietari fino a marzo 2022.

Ha inoltre esteso il divieto di domande di liquidazione per tutta l’estate, in base alla quale le società in difficoltà sono state costrette a presentare istanza di fallimento.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *