La banca centrale cinese intensifica la repressione del fintech

[ad_1]

Politica cinese e aggiornamenti politici

La People’s Bank of China ha esortato a “rettificare” ulteriormente l’industria della tecnologia finanziaria cinese, che ha esercitato una maggiore pressione sui gruppi tecnologici circondati da una maggiore revisione normativa.

Nel contesto dei crescenti venti contrari che devono affrontare i gruppi tecnologici cinesi, il mercato azionario e gli investitori stranieri nella seconda economia più grande del mondo, Pechino ha emesso l’ultimo avvertimento, ma non ha nominato alcuna società.

Ant Group fintech del miliardario Jack Ma, la più grande app di ride-hailing della Cina Didi Chuxing e $ 100 miliardi Industria del tutoraggio È diventato l’obiettivo di una repressione normativa simile a una valanga, che potrebbe coinvolgere altri gruppi tecnologici tra cui Tencent.Le piattaforme da asporto Meituan e Alibaba, l’attività di e-commerce di Jack Ma, sono state Indagine antitrust.

La People’s Bank of China invita le società fintech a migliorare la concorrenza e i diritti dei consumatori, perché dimostra che la supervisione della fintech è più severa Attività illegali di criptovaluta Allo stesso tempo, sta promuovendo attivamente il proprio sviluppo renminbi digitale, Secondo una dichiarazione rilasciata sabato.

Gli investitori stanno lavorando per Incertezza a lungo termine.

Questo regolatori del mercato degli Stati Uniti, Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, venerdì ha detto Prima di diventare pubblici negli Stati Uniti, i gruppi con sede in Cina devono rivelare di più sulla loro struttura e sui collegamenti con il governo di Pechino.

In risposta, la China Securities Regulatory Commission ha invitato domenica a rafforzare la cooperazione con gli Stati Uniti come parte di questo. Gli sforzi di Pechino Migliorare la trasparenza e la prevedibilità delle sue politiche.

In precedenza Pechino aveva promesso Controllo più stretto Dopo un incontro di alto livello presieduto dal presidente cinese Xi Jinping, le società cinesi hanno venduto azioni all’estero.

Sebbene vi siano segnali che l’economia cinese stia affrontando una ripresa economica disomogenea a causa della pandemia di coronavirus, la Banca popolare cinese ha promesso di non adottare misure di stimolo “simili ad alluvioni”, garantendo al contempo la stabilità della politica monetaria.

Le notizie dai funzionari della banca centrale di Pechino sono un indicatore importante della salute dell’industria manifatturiera cinese, riflettendo che il rallentamento di luglio è stato peggiore del previsto.

L’indice dei responsabili degli acquisti ufficiali della Cina è sceso da 50,9 di giugno a 50,4 del mese scorso, riflettendo l’impatto delle crescenti pressioni inflazionistiche, della crescita più lenta delle esportazioni e delle inondazioni estreme in alcune parti del paese.

Sebbene l’indice sia al di sopra del segno di 50 punti che distingue l’espansione dalla contrazione, luglio è stata la lettura più bassa da febbraio 2020, quando la Cina è stata colpita da un blocco totale.

Gli analisti di Goldman Sachs avevano previsto una crescita di 50,7, sottolineando che il nuovo sottoindice degli ordini di esportazione della Cina è sceso da 48,1 il mese scorso a 47,7 a luglio, il livello più basso da giugno dello scorso anno.

Quello che seguì fu un rallentamento dell’attività delle fabbriche cinesi L’avvertimento di Pechino Secondo il rapporto, nei tre mesi fino a giugno, il PIL è cresciuto dell’1,3% su base mensile, indicando una ripresa economica irregolare.

A complicare le prospettive della Cina è che i funzionari sanitari stanno lottando per affrontare la diffusione dell’epidemia di coronavirus da Nanjing, la capitale della provincia di Jiangsu, nella provincia orientale, e altre sette province hanno segnalato casi di trasmissione locale. La National Health Commission of China ha dichiarato nel suo ultimo aggiornamento che ci sono 53 nuovi casi trasmessi localmente.

Rapporto supplementare di Sun Yu Pechino

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *