La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sostiene l’abolizione dell’autorizzazione di guerra del 2002 per porre fine alla “guerra eterna” Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 22 gennaio 2018, nuvole scure sono passate sul Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, negli Stati Uniti. REUTERS/Joshua Roberts/Foto d’archivio

Patricia Zengerle

WASHINGTON (Reuters) – Giovedì la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha sostenuto l’abrogazione dell’autorizzazione del 2002 che consentiva l’uso del potere militare nella guerra in Iraq perché i legislatori hanno ritirato il potere di dichiarare guerra alla Casa Bianca.

La Camera dei Rappresentanti ha votato 268 a 161 a favore della revoca dell’autorizzazione concessa all’ex presidente George W. Bush di invadere l’Iraq 19 anni fa. Almeno 49 repubblicani si sono uniti ai democratici a favore dell’abolizione.Si tratta di un voto bipartisan che enfatizza la prospettiva del controllo dell’AUMF.I presidenti dei due partiti hanno usato questo metodo per giustificare le operazioni militari globali negli ultimi 20 anni.

La Costituzione degli Stati Uniti conferisce al Congresso il potere di dichiarare guerra. Tuttavia, poiché la “guerra eterna” AUMF non scadrà, il potere è stato trasferito al presidente, compreso l’AUMF iracheno nel 2002 e uno stato che ha permesso di combattere al Qaeda e i suoi affiliati dopo l’attacco dell’11 settembre 2001 agli Stati Uniti. Stati.

Per essere promulgato, il provvedimento varato giovedì deve essere approvato anche dal Senato – le sue prospettive sono incerte – e firmato in legge dal presidente Joe Biden, che ha espresso il suo sostegno.

“Non vedo l’ora che il Congresso non occupi più alcune delle decisioni più importanti che il nostro Paese possa prendere”, ha affermato Greg Meeks, presidente della Commissione per gli affari esteri della Camera, che ha esortato a sostenere l’abrogazione.

“A volte alcuni AUMF diventano obsoleti e devono essere abrogati”, ha detto Meeks.

“Informazioni sui pericoli”

Gli oppositori temono che l’abolizione dell’AUMF del 2002 limiti pericolosamente il potere del presidente e invii il messaggio che gli Stati Uniti si stanno ritirando dal Medio Oriente.

Il rappresentante Michael McCall, il massimo repubblicano della commissione per gli affari esteri della Camera, ha dichiarato di essere impegnato ad aggiornare l’AUMF “obsoleto”, ma non vuole abolirlo fino a quando l’alternativa non sarà a posto.

McCall ha dichiarato: “Questa abolizione affrettata e indipendente… invia un pericoloso messaggio di disimpegno che potrebbe destabilizzare l’Iraq, incoraggiare l’Iran e rafforzare Al Qaeda e lo Stato islamico nella regione”.

Mercoledì il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha sostenuto pienamente l’abolizione dello sforzo. Schumer ha affermato che l’AUMF del 2002 è obsoleto e la sua abolizione impedirà ai futuri presidenti di “avventurismo militare”, come l’attacco aereo del 2020 dell’ex presidente Donald Trump all’aeroporto di Baghdad, che si è innescato pochi giorni prima che i repubblicani si dimettessero.

Trump ha citato l’autorizzazione irachena del 2002 come uno dei motivi per cui ha lanciato un attacco che ha ucciso il comandante iraniano Qassim Soleimani.

L’abrogazione richiederà 60 voti per approvare 100 Senato equamente distribuiti, il che significa che ha bisogno del sostegno di almeno 10 repubblicani per entrare in vigore.

I sostenitori dell’abolizione hanno dichiarato di nutrire grandi speranze per 60 voti e hanno sottolineato che i passati sforzi bipartisan per contenere l’AUMF sono in stallo.

Il leader repubblicano al Senato Mitch McConnell ha criticato il piano di abolizione, affermando che l’autorizzazione esistente dovrebbe rimanere così com’è fino al completamento della nuova autorizzazione. “Le gravi minacce poste dallo Stato islamico, da Al-Qaeda e da altre organizzazioni terroristiche sono più reali che mai”, ha detto McConnell alla cerimonia di apertura del Senato.

Alcuni membri del Congresso stanno anche discutendo l’abolizione e la sostituzione della guerra afghana AUMF approvata nel 2001.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *