La Casa Bianca afferma che i leader del G7 sosterranno la proposta di imposta sulle società globale minima del 15% Reuters

[ad_1]

© Reuters.Al vertice del G7 a Cabis Bay, in Cornovaglia, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro italiano Mario Draghi, il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente della Commissione europea Ursu La Von der Lein scattano una foto con gli ospiti al vertice del G7 e fanno una passeggiata

Autori: Nandita Bose e Andrea Shalal

WASHINGTON (Reuters) – Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jack Sullivan ha dichiarato venerdì su Twitter che i leader del Gruppo dei Sette nel Regno Unito sosterranno la proposta del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per un’aliquota minima globale dell’imposta sulle società di almeno il 15%.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha proposto a maggio di aumentare l’imposta sulle società minima globale di almeno il 15% nel tentativo di porre fine alla spirale delle aliquote dell’imposta sulle società.

Sullivan ha dichiarato su Twitter: “Gli Stati Uniti stanno unendo il mondo e stanno facendo in modo che le grandi multinazionali paghino la loro quota in modo che possiamo investire nella nostra classe media a casa”.

Sostenendo questa iniziativa, le principali economie mirano a impedire alle multinazionali di trasferire profitti e tasse a paesi a bassa tassazione, indipendentemente da dove vengono vendute.

Le attuali regole fiscali globali possono essere fatte risalire agli anni ’20 e stanno combattendo i giganti tecnologici multinazionali che vendono servizi a distanza e attribuiscono la maggior parte dei loro profitti alla proprietà intellettuale detenuta in giurisdizioni a bassa tassazione.

Secondo i lobbisti del settore, se l’accordo finale eliminerà anche la sempre più popolare tassa sui servizi digitali, i giganti della tecnologia americana come Facebook (NASDAQ:) e Amazon (NASDAQ:) potrebbero essere rimossi dall’accordo. l’aliquota d’imposta sulle società più bassa al mondo del 15%. https://reut.rs/359z1u1

Dopo che i funzionari finanziari del G7 hanno sostenuto un’aliquota fiscale di almeno il 15% in una riunione del 5 giugno, la decisione era attesa. Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato che il sostegno del G7 darà impulso ai negoziati per il più ampio incontro finanziario del G20 che si terrà in Italia a luglio.

Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen e i segretari al Tesoro di Germania, Indonesia, Messico e Sudafrica hanno sostenuto la mossa in un editoriale pubblicato sul Washington Post mercoledì.

Hanno dichiarato di essere fiduciosi che l’aliquota fiscale minima globale alla fine salirà sopra il 15%, citando “l’ambizione discussa finora”.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *