La causa sostiene che, nonostante l’avvertimento, il carnevale non è riuscito a proteggere i passeggeri dal virus

[ad_1]

Aggiornamento compagnia Carnevale

Secondo i documenti del tribunale degli Stati Uniti, lo scorso anno Carnival non ha lavorato duramente per proteggere i clienti delle navi da crociera dal coronavirus, nonostante gli avvertimenti dei medici a bordo che a bordo potrebbero comparire sintomi simil-influenzali “preoccupanti”..

Nel febbraio dello scorso anno, la dottoressa Nadia Nair, un medico anziano a bordo della Carnival Supreme Princess, ha detto alla direzione della compagnia che le “malattie simil-influenzali” sulla nave erano “preoccupanti” in aumento e ha chiesto se “dovrebbero essere prese ulteriori misure”. .

Secondo i documenti del tribunale presentati dal ricorrente californiano, nonostante gli avvertimenti e gli avvertimenti emessi dalle autorità sanitarie internazionali e statunitensi, non sono state apportate modifiche ai protocolli, alle attività o ai regimi di pulizia della nave per prevenire la diffusione del Covid-19-al Contenzioso carnevalesco.

Più di 100 passeggeri e membri dell’equipaggio durante il viaggio da San Francisco il 21 febbraio dello scorso anno e il viaggio che ne è seguito è risultato positivo al virus. Due passeggeri che avevano viaggiato in precedenza in Messico sono morti successivamente.

La società ha rifiutato di commentare la causa, ma ha dichiarato di “aver implementato una serie di accordi progettati per adattarsi in modo flessibile alle mutevoli condizioni di salute pubblica legate al Covid-19”.

Ha aggiunto: “Rispettiamo gli standard di vaccinazione definiti dal CDC [Centers for Disease Control and Prevention] E implementato misure aggiuntive. “

Gli avvocati che rappresentano almeno 50 clienti che viaggiano sulla nave da crociera Princess nelle prime fasi della pandemia hanno affermato che le comunicazioni di Nair e le e-mail tra il Chief Medical Officer di Carnival, il dottor Grant Tallinn e il senior management, indicavano che la decisione della compagnia di crociera di continuare nonostante fosse consapevole di come rapidamente l’infezione si è diffusa sulla nave, ma ha continuato a navigare.

Le prove del cliente registrate nel documento affermano che Carnival ha assicurato ai passeggeri che la crociera era sicura e ha detto a coloro che volevano annullare il secondo biglietto del viaggio Grand Princess che dovevano pagare il 90% della penale.

“Prima dell’inizio della pandemia, Carnival sapeva che il rischio di diffondere malattie infettive mortali sulle sue navi da crociera stava seriamente aumentando. Come abbiamo affermato nella causa, Carnival ha ignorato i segnali di pericolo evidenti che mettevano a rischio i passeggeri”, ha affermato Mark Chalos, un avvocato della Lieff Cabraser Heimann & Bernstein, società che rappresenta il ricorrente.

Gli avvocati hanno anche sostenuto che all’inizio di agosto, dopo che 27 persone sulla nave Carnival Vista con 3.954 passeggeri sono risultate positive, a Carnival non dovrebbe essere permesso di riprendere i viaggi in crociera, il numero più alto dalla ripresa delle crociere nelle acque statunitensi a giugno. Un passeggero anziano che è stato portato in un ospedale del Belize è morto di Covid-19.

Carnival ha affermato che gli ospiti morti su Carnival Vista “quasi certamente non hanno contratto il Covid sulla nostra nave, ha ricevuto cure mediche esperte a bordo”, e 26 di coloro che sono risultati positivi a bordo erano membri dell’equipaggio e avevano bisogno di cure. Prova regolarmente.

La compagnia ha anche sottolineato che “le navi da crociera della nostra flotta hanno adottato alcuni dei più alti livelli di misure di mitigazione del Covid-19 in qualsiasi ambiente del mondo, e i loro accordi e misure preventive sono molto più alti della maggior parte degli altri settori”.

Per Carnival, questa è una grave epidemia e le sue navi rappresentano quasi la metà della flotta di crociere oceaniche. Le sue navi sono ormeggiate da più di un anno e, per sopravvivere, ha raccolto oltre 23 miliardi di dollari in debiti e azioni.

Diverse navi dell’organizzazione sono diventate punti caldi per il virus nelle prime fasi della pandemia, inclusi i 2.670 passeggeri Diamond Princess messi in quarantena al largo delle coste del Giappone, provocando oltre 700 casi e 14 morti.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *