La Cina ha condannato i canadesi a 11 anni di carcere e il caso è stato ritenuto correlato al processo del chief financial officer di Huawei

[ad_1]

Politica cinese e aggiornamenti politici

Mercoledì, un tribunale cinese ha condannato un cittadino canadese a 11 anni di carcere per spionaggio, il caso è stato descritto come una ritorsione per l’arresto del dirigente Huawei Meng Wanzhou a Vancouver.

Secondo la Corte Intermedia del Popolo della città di Dandong nel nord-est della Cina, Michael Spavor, che ha condotto scambi culturali tra Cina e Corea del Nord, è stato condannato per aver fornito illegalmente segreti di stato a stranieri. Ha aggiunto che Spavor sarà multato di 50.000 yuan (7.715 dollari) e deportato.

L’espulsione di solito avviene dopo la fine della sentenza, ma il diritto penale cinese non specifica un’ora esatta. Spavor ha due settimane per presentare ricorso.

La decisione è stata annunciata il giorno dopo che l’Alta corte popolare della provincia di Liaoning ha confermato la condanna a morte di un altro cittadino canadese, Robert Schellenberg, che è stato riconosciuto colpevole di aver pianificato di spedire 225 kg di metanfetamina in Australia. Ha negato le accuse.

Le due sentenze sono state emesse durante il dibattito finale in Canada per determinare se il chief financial officer di Huawei Meng Wanzhou sarà licenziato. Estradato negli Stati UnitiMeng, la figlia di Ren Zhengfei, il fondatore del gruppo tecnologico, è stata accusata dalle autorità statunitensi di una serie di accuse fraudolente relative alle sanzioni contro l’Iran.

È stata rilasciata su cauzione e ha vissuto in una villa a Vancouver con relativamente poca sorveglianza elettronica.

Il Canada condanna questa decisione. Dominic Barton, ambasciatore di Ottawa in Cina, ha affermato che l’annuncio del verdetto in questa fase dell’udienza per l’estradizione di Meng non è stato “coincidente”.

Meng Wanzhou è stata rilasciata su cauzione e vive nella sua villa di Vancouver con relativamente poca sorveglianza © REUTERS

Per mostrare solidarietà, mercoledì 50 diplomatici di 25 paesi hanno ascoltato il verdetto presso l’ambasciata canadese. I rappresentanti degli Stati Uniti e della Germania hanno seguito Patton a Dandong.

“Gli occhi del mondo stanno guardando”, ha detto Patton, ribadendo la posizione del Canada secondo cui la detenzione è arbitraria.

Anche Button ha dato la notizia della Spavor, era di buon umore e voleva “tornare a casa”.

Pechino insiste sul fatto che i processi a Schellenberg, Spavor e al terzo ex diplomatico canadese, Kang Mingkai, siano gestiti secondo la legge cinese.

I tre sono in Centro di custodia cautelare, Le luci qui sono sempre accese e gli sport e il tempo libero sono strettamente limitati.

Lo sviluppo delle tre situazioni Rifletti spesso Durante l’udienza di estradizione di Meng, le principali organizzazioni per i diritti umani e gli ex diplomatici canadesi hanno accusato la Cina di “diplomazia degli ostaggi”.

Questo Prova a porte chiuse La causa di Kovrig e Spavor è stata arrestata poco dopo che il team legale di Meng ha dichiarato di essere stata abusata per fermare la causa contro di lei a marzo.

Schellenberg è stato originariamente condannato a 15 anni di carcere nel novembre 2018, ma la sua condanna era Torna dalla morte Due mesi dopo, dopo aver impugnato la decisione. In udienza non sono state presentate nuove prove.

Meng è stato arrestato nel dicembre 2018. Ha negato tutte le accuse.

La riservatezza dei processi canadesi e la natura politicizzata delle accuse contro di loro sollevano preoccupazioni sul giusto processo.

L’avvocato di Schellenberg, Zhang Dongshuo, ha affermato di aver fornito indicazioni sui potenziali risultati in una lettera inviata al suo cliente venerdì, ma il centro di detenzione in cui era detenuto ha rifiutato. Le autorità hanno dichiarato che la lettera non poteva essere consegnata a causa delle misure di contenimento del Covid-19.

Tobias Smith, un esperto legale cinese del think tank Wilson Center di Washington, ha affermato che il caso di Schellenberg sarà trasferito alla Corte suprema del popolo per la revisione e che il processo di revisione “sarà più opaco del suo processo”.

“Il recente verdetto ha solo prolungato l’attuale stato di incertezza giuridica di Schellenberg per più di cinque anni”, ha affermato.

Smith ha aggiunto che sebbene il processo di revisione possa modificare la sentenza in una condanna a morte sospesa, consente anche al tribunale di “mettere da parte il caso a tempo indeterminato”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *