La Cina si accalca sui marchi locali, offrendo opportunità d’oro per gli investitori Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: Un cliente lascia Nayuki, una catena di negozi di tè a bolle cinesi a Pechino, in Cina, il 24 giugno 2021. REUTERS/Tingshu Wang/Foto d’archivio

2/2

Autori: Sophie Yu e Kane Wu

Pechino/Hong Kong (Reuters)-He Shuang, una studentessa di un’università americana bloccata nella città sudoccidentale di Chongqing in Cina durante la pandemia, ha aggiunto più di 300 marchi nazionali alla sua lista dei preferiti. Alibaba (NYSE:) Negozio online Taobao.

Come He, i marchi cinesi sono ricercati dalla maggior parte degli acquirenti e hanno stimolato miliardi di dollari in investimenti mentre i consumatori fanno scelte patriottiche di fronte alla crescente resistenza ai marchi stranieri https://www.reuters.com/business/retail-consumer/chinese -apps-join-celebs-backlash-contro-western-fashion-brands-over-xinjiang-2021-03-26 nel paese.

Dopo che le persone sono state costrette a rimanere in casa a causa del COVID-19 lo scorso anno, lo shopping online è aumentato e da allora il mercato si è ripreso.Le infrastrutture che consentono ai fornitori di espandersi rapidamente hanno anche guidato la domanda di marchi locali.

19 anni Ha detto: “Provalo e scoprirai che la qualità dei prodotti locali è buona quanto i prodotti stranieri”. Gli piacciono i marchi locali, dagli ombretti Carslan e le scarpe da ginnastica Feiyue agli snack Bestore Co e ai prodotti per la casa MINISO.

Maia Active, un produttore di abbigliamento sportivo sostenuto da Sequoia Capital, ha dichiarato che i suoi prodotti sono progettati in base alle misure del corpo delle donne asiatiche e quindi forniscono ai clienti locali prodotti più in forma e più comodi rispetto alle loro controparti occidentali.

In linea con la domanda, quest’anno gli investitori hanno anche iniettato capitali nei marchi di consumo locali.

Secondo i dati della banca di investimento cinese Cygnus Equity, nei primi cinque mesi di quest’anno, le società di consumo cinesi hanno raccolto 69,7 miliardi di yuan (11 miliardi di dollari) da investitori del mercato primario, più del doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

“I marchi di prodotti di bellezza, cibo e bevande sono i più popolari. I marchi di hot pot e ramen sono particolarmente ambiti di recente”, ha affermato Jin Ming, managing partner di Cygnus.

Banchieri e investitori hanno affermato che fino a 200 marchi stanno attualmente cercando nuovi capitali dagli investitori.

“La Cina è il mercato più facile per stabilire prodotti con un obiettivo di vendita compreso tra zero e cento milioni di yuan”, ha affermato un investitore di private equity nell’operatore della catena di tè Nayuki, che ha rifiutato di essere nominato perché non era autorizzato a parlare con i media.

La quotazione di Nayuki a Hong Kong la scorsa settimana ha raccolto 656 milioni di dollari, per un valore di 4,4 miliardi di dollari, più del doppio del round di finanziamento del dicembre dello scorso anno.

Weilong Meili Global Holdings vende noodle piccanti con farina a meno di 5 RMB per confezione e a maggio ha raccolto 3,56 miliardi di RMB da investitori noti come Tencent, Yunfeng Capital di Jack Ma, CPE, Hillhouse Capital e Sequoia Capital China. Il produttore di snack ha un valore di quasi 70 miliardi di yuan.

Genki Forest, che cerca di sfidare il marchio di bevande analcoliche di Coca-Cola e sostenuto da Sequoia Investments, ha affermato che dopo il finanziamento ad aprile, la sua valutazione è stata di $ 6 miliardi, dieci volte quella di 18 mesi fa.

Le sue attività di raccolta fondi hanno attirato investitori come il ramo di private equity del proprietario di Louis Vuitton LVMH e l’investitore nazionale di Singapore Temasek.

Locale e globale

Durante il festival dello shopping online JD.com (NASDAQ:).com questo mese, il tasso di crescita delle vendite dei marchi cinesi è stato del 4% superiore a quello dei marchi internazionali. JD.com ha affermato che il suo numero di clienti è cresciuto del 16% in più rispetto ai marchi internazionali.

Chris Mulliken, un partner della società di consulenza Ernst & Young a Shanghai, ha affermato che il nazionalismo è un fattore che guida la popolarità dei marchi locali, compreso l’orgoglio per la ripresa della Cina da COVID-19, nonostante molti altri Il paese sta lottando con alti tassi di infezione .

“Le persone viaggiano (anche se a casa) e colgono l’occasione per riscoprire il proprio Paese, tornare alle proprie usanze e scoprire nuovi marchi cinesi”, ha affermato.

Di recente, diversi marchi globali tra cui H&M hanno implementato i divieti del cotone nello Xinjiang. Nike (NYSE:) e le preoccupazioni di Adidas (OTC:) sulle presunte violazioni dei diritti umani nella provincia hanno offeso molti consumatori cinesi e sono un altro catalizzatore. La Cina nega fermamente queste affermazioni e ha affermato che tutto il lavoro nello Xinjiang è volontario e contrattuale.

I prezzi delle azioni dei produttori nazionali di abbigliamento sportivo Xtep, Li Ning e Anta sono aumentati rispettivamente del 196%, 60% e 38% da aprile.

I commercianti hanno avvertito del forte aumento delle valutazioni e hanno anche affermato che l’andamento della domanda continuerà per molto tempo.

“I consumatori non adorano più i marchi internazionali e multinazionali. A loro piacciono i prodotti e i marchi che sostengono”, ha affermato Nina Gong, amministratore delegato di una società di private equity a Shanghai. Gruppo Carlyle (Nasdaq:).

(1$ = 6,4525)



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *