La Cina vieta alle società di commercio di carbone di pubblicare indici dei prezzi giornalieri

[ad_1]

Pechino: il dipartimento di pianificazione nazionale cinese ha vietato a un’influente società di commercio di carbone in un’importante area mineraria nella provincia dello Shaanxi di pubblicare valutazioni dei prezzi e notizie di mercato come parte degli sforzi del governo per regolamentare i mercati delle materie prime e frenare i prezzi del calore.

La National Development and Reform Commission (NDRC) ha dichiarato che le informazioni sui prezzi rilasciate dalla Yulin Coal Trading Center Company non sono vere e che la società non ha il diritto di raccogliere, modificare e rilasciare notizie e informazioni.

La Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma ha chiuso l’indice dei prezzi di Yulin e i due account WeChat che gestisce e ha chiesto alla società di non pubblicare informazioni non veritiere sul mercato del carbone in alcun canale.

“La NDRC continuerà a rafforzare il monitoraggio delle informazioni… a controllare tali attività per garantire la stabilità dell’offerta e dei prezzi del carbone”, ha affermato in una dichiarazione rilasciata nella tarda serata di martedì.

Il manager dello Yulin Coal Trading Center incaricato di valutare l’indice non ha risposto alle richieste di commento.

La mossa segue le nuove linee guida emesse da Pechino sulla gestione dell’indice dei prezzi di beni e servizi e ha affermato che il regolatore sospenderà le attività di eventuali fornitori di prezzi che non rispettano determinate regole.

Yulin Coal Trading Center Co., Ltd. è stata fondata nel 2009, principalmente impegnata nel commercio fisico del carbone, nella logistica e nelle attività di consulenza. Prima che il divieto fosse attuato, pubblicava i prezzi spot giornalieri del carbone a Yulin e nelle aree vicine.

La produzione di carbone di Yulin rappresenta circa il 13% della produzione totale di carbone della Cina.

A causa delle preoccupazioni per la scarsa offerta e la forte domanda, i prezzi del carbone in Cina si stanno avvicinando ai massimi storici.

Diversi fornitori di indici del carbone, incluso l’Inner Mongolia Coal Trading Center, hanno recentemente smesso di aggiornare i loro prezzi.

Mercoledì il contratto future sul carbone termico della cinese Zhengzhou Commodity Exchange è sceso del 3%.

Esistono dozzine di agenzie per la determinazione del prezzo del carbone, tra cui il China Electricity Council e la China Coal Transportation and Distribution Association. Anche società di consulenza locali come Fenwei Digital Information Technology Co., Ltd. e Yimei Coal, la piattaforma commerciale della Helue E-commerce Company, hanno annunciato i prezzi del carbone.

(Segnalazione di Muyu Xu e Shivani Singh; Montaggio di Tom Hogue)

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *