La Commissione delle Nazioni Unite raccomanda che la Grande Barriera Corallina sia classificata come “a rischio” Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: il 25 ottobre 2019, sulla Grande Barriera Corallina al largo della costa di Cairns, in Australia, i pesci della barriera corallina nuotano oltre la colonia di coralli in via di recupero.Reuters/Lucas Jackson

Colin Parkham

CANBERRA (Reuters)- La Commissione delle Nazioni Unite ha raccomandato martedì che la Grande Barriera Corallina venga inclusa nella lista del Patrimonio Mondiale “a rischio”, provocando una risposta rabbiosa da parte dell’Australia, che afferma di non essere in grado di farlo e la accusa di interferenza politica.

Il Comitato dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura sotto l’UNESCO ha dichiarato che le prospettive a lungo termine del più grande sistema di barriera corallina del mondo si sono deteriorate ed è necessaria un’azione per affrontare gli effetti del cambiamento climatico.

Sussan Ley, ministro dell’ambiente australiano, ha affermato che Canberra sfiderà la proposta, affermando che è contraria alla proposta fatta una settimana fa e difendendo la protezione delle barriere coralline dell’Australia.

“Questo è un completo ribaltamento del normale processo”, ha detto Ley.

Per molti anni, l’Australia ha cercato di escludere la Grande Barriera Corallina, una delle principali attrazioni turistiche che supporta migliaia di posti di lavoro, dalla lista dei “pericolosi”, il che potrebbe portare alla sua eventuale cancellazione dall’elenco dei siti del patrimonio mondiale.

Nel 2015, le sue attività di lobby includevano l’ospitalità di rappresentanti dei siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO nelle barriere coralline incontaminate, ma da allora, gli scienziati affermano che a causa delle forti ondate di calore oceanico, il più grande ecosistema biologico del mondo ha subito tre volte i principali eventi di sbiancamento dei coralli.

Ley ha detto che lei e il ministro degli Esteri australiano Marys Payne hanno espresso le loro preoccupazioni durante la notte con il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay.

“Questa decisione è sbagliata. Ovviamente ci sono fattori politici dietro”, ha detto, ma non ha approfondito.

Una fonte governativa ha affermato che Canberra ritiene che, poiché le relazioni tra i due paesi si deteriorano, la Cina, che presiede il comitato, dovrebbe essere ritenuta responsabile della mossa.

“Faremo appello, ma la Cina è sotto controllo”, ha detto la fonte, che ha rifiutato di essere nominata perché non ha il diritto di parlare con i media.

L’ambasciata cinese a Canberra non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Tuttavia, i gruppi ambientalisti hanno rifiutato di considerare la proposta come politica e hanno affermato che è chiaro che l’Australia non sta facendo abbastanza per proteggere le barriere coralline, soprattutto per quanto riguarda il cambiamento climatico.

“Nessun governo può fornire alcun consiglio. Questa proposta è stata fatta da uno scienziato di fama mondiale”, ha affermato Richard Lake, direttore degli oceani del WWF Australia.

Lake è un membro di un gruppo ambientalista che ha fatto pressioni sui 13 membri del comitato dell’UNESCO per raggiungere la sua raccomandazione, che ora sarà considerata da tutti i 21 paesi del comitato.

L’Australia è un membro del comitato, ma di norma, se non è possibile raggiungere un consenso, l’Australia non potrà votare.

La dipendenza dell’Australia dalla produzione di energia a carbone lo rende uno dei paesi con le maggiori emissioni di carbonio pro capite al mondo, ma il suo governo conservatore sostiene fermamente l’industria dei combustibili fossili del paese, credendo che azioni più rigorose sulle emissioni comporteranno la perdita di posti di lavoro.

Le relazioni tra Canberra e Pechino si sono deteriorate dopo che l’Australia ha accusato la Cina di interferire negli affari interni lo scorso anno.Quando il primo ministro Scott Morrison ha cercato un’indagine indipendente sull’origine della pandemia di coronavirus, le relazioni tra i due paesi si sono deteriorate.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *