La Corte Suprema dell’Alaska afferma che la mossa per rimuovere il governatore può continuare Reuters

[ad_1]

© Reuters. Il governatore dell’Alaska Mike Dunleavy parla al Petroleum Club di Anchorage, Alaska, USA, il 15 gennaio 2020. La foto è stata scattata il 15 gennaio 2020.REUTERS/Yereth Rosen/File Photo

Autore: Yerrys Rosen

Anchorage, Alaska (Reuters) – La Corte Suprema dell’Alaska ha stabilito venerdì che gli oppositori politici del governatore repubblicano dell’Alaska avevano ragioni legalmente sufficienti per condurre una campagna elettorale e lo hanno estromesso attraverso le elezioni.

La Corte Suprema dell’Alaska ha stabilito che la campagna per la rimozione del governatore Mike Dunleavy è legale e può continuare, e il suo mandato è di circa 17 mesi.

La corte ha affermato che se i critici di Dunleavy hanno dimostrato che le sue cosiddette carenze – la sua incompetenza e corruzione – giustificavano la sua rimozione dipende dagli elettori.

“La persona che è tenuta a firmare la petizione deve decidere se le accuse sono abbastanza gravi da richiedere la rimozione dalle elezioni; ogni elettore al seggio elettorale deve decidere se le accuse sono abbastanza gravi da essere rimosso dall’incarico”, afferma il parere.

Dunleavy, un ex insegnante, amministratore scolastico e legislatore che rappresentava Wasilla, è stato eletto governatore nel 2018, posizionandosi come aiutante politico dell’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump. A causa delle difficoltà finanziarie dell’Alaska e della sua dipendenza dal calo delle entrate petrolifere, il suo mandato è stato difficile.

I nemici del governatore hanno sostenuto che dovrebbe essere richiamato perché non era idoneo e ha abusato del suo potere. Tra i motivi addotti dai sostenitori del richiamo, Dolivi è stato accusato di aver utilizzato illegalmente il potere di veto sul bilancio per punire le sentenze del giudice sull’aborto e di aver violato le leggi etiche utilizzando fondi statali per scopi di campagna del partito.

Per qualificarsi per il licenziamento del governatore dell’Alaska, i candidati devono superare un test in due fasi per raccogliere firme di petizioni che hanno rappresentato il 10% dei voti totali nelle ultime elezioni statali, e quindi raccogliere firme che hanno rappresentato il 25% di i voti totali. Il rapporto sulla campagna di richiamo di Dunleavy affermava che ad aprile aveva ottenuto l’81% delle firme richieste per la seconda fase.

In una dichiarazione di venerdì, Dunleavy ha criticato la sentenza della corte, affermando che consentirebbe ai funzionari eletti di “accettare la rimozione infondata, costosa e fastidiosa dei loro avversari politici”.

Oltre alla minaccia di ritiro, Dunleavy deve affrontare anche altri problemi.

In una resa dei conti con il legislatore, quest’anno ha posto il veto a tutti i dividendi dell’Alaska Permanent Fund, che è una preziosa ricchezza petrolifera che è stata pagata ai residenti ogni anno dal 1982.

Questa settimana, la CNBC ha classificato l’ambiente imprenditoriale dell’Alaska come l’ultimo di tutti i 50 stati degli Stati Uniti. La CNBC ha citato specificamente le azioni di Dunleavy, affermando che ha “tagliato inesorabilmente” i finanziamenti dell’Università dell’Alaska e ha preso altre decisioni sbagliate.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *