La Corte Suprema indiana valuta l’indagine sul monitoraggio del telefono Pegasus

[ad_1]

Politica indiana e aggiornamenti politici

La Corte Suprema dell’India ha iniziato ad ascoltare le richieste dei giornalisti per un’indagine indipendente e supervisionata dal tribunale sulle accuse del governo di Narendra Modi di abuso di spyware per monitorare politici, giornalisti e funzionari dell’opposizione.

“Non c’è dubbio che se il rapporto è vero, queste accuse sono serie”, ha detto giovedì il capo della giustizia indiana NV Ramana.

Tracce del software Pegasus di NSO Group sono state trovate sugli smartphone dello stratega politico dell’opposizione Prashant Kishor e di sette giornalisti indiani. Sondaggio globale Gli strumenti di sorveglianza realizzati in Israele sono utilizzati da un consorzio di media.

I numeri di telefono di dozzine di altri noti personaggi pubblici indiani, tra cui il leader del Partito del Congresso Rahul Gandhi e altri politici dell’opposizione, ex commissari e funzionari elettorali.Anche un uomo d’affari ben collegato è apparso in Elenco di 50.000 persone in tutto il mondo Presumibilmente, sono stati gli obiettivi di sorveglianza dei clienti del Gruppo NSO dal 2016.

Scattate le accuse di spionaggio diffuso Tempesta politica Alcuni critici lo paragonano allo scandalo Watergate che fece perdere a Nixon la presidenza degli Stati Uniti negli anni ’70.

Kapil Sibal, un avvocato che rappresenta i due giornalisti che hanno presentato ricorso alla corte, ha sostenuto che il presunto uso di strumenti di sorveglianza contro i cittadini indiani era “una violazione della privacy, della dignità e dei valori della nostra Repubblica”.

Il produttore di Pegasus sostiene Vende il suo spyware militare solo a “governi censurati” per utilizzarlo nella sicurezza nazionale, nell’antiterrorismo e nelle forze dell’ordine.

Giornalisti indiani e organizzazioni dei media hanno fatto appello alla Corte Suprema, chiedendo un’indagine indipendente e determinando chi ha autorizzato qualsiasi ficcanaso.

“Questa non è solo una questione di privacy. Non è solo una questione di libertà di parola”, ha detto uno dei firmatari e giornalista Paranjoy Guha Thakurta, che ha affermato che il telefono sarebbe stato rubato da Pegasus.

“Solleva la questione fondamentale del futuro della democrazia, non solo in India, ma anche in tutto il mondo. “

In un’altra petizione legale, l’Associazione degli editori indiani sosteneva di aver usato Pegasus Giornalista di sorveglianza Esprimere “serie preoccupazioni per abuso di potere, abolizione della separazione dei poteri, violazione dei diritti fondamentali alla privacy, libertà di parola e di espressione e libertà di stampa, sovversione del processo democratico e attuazione di gravi reati”.

Il governo Modi ha rifiutato di confermare o smentire l’utilizzo di software israeliano, anche se il ministro del governo ha insistito sul fatto che non fosse stata effettuata alcuna sorveglianza illegale.

Funzionari governativi e membri del partito al governo Bharatiya Janata hanno boicottato l’audizione sull’uso di Pegasus da parte del Comitato parlamentare permanente IT guidato dal deputato Shashi Tharoor, ritardando di fatto questa linea di indagine.

Raman Jit Singh Chima, direttore della politica Asia-Pacifico presso l’organizzazione globale per i diritti digitali Access Now, ha dichiarato: “È chiaro che quello che è successo è stato un crimine, ma sicuramente non hai visto il governo centrale cercare di indagare su questo”.

“Stanno cercando di utilizzare ogni possibile strumento per ostacolare le indagini sulle implicazioni del Progetto Pegasus”.

Gli attivisti per la privacy e i gruppi per i diritti digitali sono preoccupati per la sorveglianza dei suoi cittadini da parte di Nuova Delhi. Nel 2019, WeChat Informa attivisti, accademici e politici del secondo grado di stampa, i loro telefoni cellulari Violato Tramite spyware commerciale israeliano. L’unica entità incolpata a Nuova Delhi è WhatsApp.

“Di tutte le democrazie che seguiamo nel mondo, la nostra più grande preoccupazione è l’impunità della sorveglianza in India”, ha detto Chima. “Sta accadendo su larga scala, per non parlare della conduzione di un’indagine indipendente o della garanzia che questa situazione non si ripeta”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *