La costa del Golfo degli Stati Uniti ha subito una tempesta “pericolosa per la vita” nell’anniversario dell’uragano Katrina

[ad_1]

Aggiornamento sui disastri naturali

Domenica pomeriggio, l’uragano Ida ha colpito la costa del Golfo degli Stati Uniti con una tempesta di categoria 4 “estremamente pericolosa”, sollevando preoccupazioni sul fatto che la Louisiana e altri stati della regione avrebbero subito ingenti danni.

Il National Hurricane Center ha affermato che quando la tempesta si è abbattuta vicino a Port Fuljeong, in Louisiana, a circa 60 miglia a sud di New Orleans, la velocità del vento era di circa 150 miglia all’ora, portando un’ondata di tempesta “pericolosa per la vita”.

Dopo che il governatore della Louisiana John Bel Edwards ha avvertito che Ida sarebbe stata “una delle tempeste più forti da colpire ovunque in Louisiana almeno dal 1850”, molti residenti delle coste del Golfo sono stati evacuati pochi giorni prima della tempesta, bloccando l’aeroporto e le strade fuori città .

Quando la tempesta si abbatté sull’isola, coloro che rimasero in città ricevettero terribili avvertimenti dai funzionari.

Il National Weather Service ha dichiarato in un tweet domenica mattina: “Se ti stai riparando sul posto, vai nella tua stanza al coperto. Preparati per le prossime 24 ore. Con l’atterraggio di Ida, le cose dureranno tutto il giorno. Sta peggiorando tutto! No , diciamolo ancora, no, stavolta esci!”

Un uomo in bicicletta su Bourbon Street nel quartiere francese prima dell’uragano Ida a New Orleans © REUTERS

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha approvato le dichiarazioni di emergenza in Louisiana e Mississippi prima della tempesta e le agenzie federali sono state dispiegate per aiutare a stabilire rifugi nell’area e sostenere gli sforzi di recupero.

“Abbiamo predisposto attrezzature e forniture negli Stati Uniti per garantire che le risorse siano disponibili”, ha affermato Deanne Criswell, direttore della Federal Emergency Management Agency. “Esorto i residenti sul percorso della tempesta a prepararsi ora per un impatto maggiore”.

Spinta dalle acque insolitamente calde e profonde del Golfo del Messico, la tempesta si è intensificata rapidamente durante la notte e alcuni scienziati l’hanno attribuita agli effetti del cambiamento climatico.

Quando l’uragano Ida è arrivato domenica a St. Louis Bay, nel Mississippi, i residenti locali hanno usato i motoscafi per trainare le canoe verso le case allagate. © Associated Press

Dopo che l’uragano Katrina ha fatto esplodere un muro di controllo delle inondazioni a New Orleans, inondando le strutture di protezione dalle inondazioni basse e uccidendo più di 1.800 persone, Ida punta alla città di New Orleans da 16 anni.

Nonostante i timori che questa enorme tempesta possa causare danni estesi, i funzionari hanno affermato di ritenere che dopo che l’uragano Katrina ha reso la regione più preparata per tempeste come Ida, è stato costruito un progetto da 15 miliardi di dollari: nuove pompe, dighe e sistemi di barriera contro le inondazioni.

Edwards ha detto alla CNN domenica mattina che Ida sarà il “test più severo” del nuovo sistema di inondazioni dall’uragano Katrina. “Sono stati fatti molti investimenti nel sistema… Riteniamo che l’integrità del sistema sarà in grado di resistere alle mareggiate”.

L’epidemia di Covid-19 nella regione ha il potenziale per complicare la risposta alla tempesta poiché gli ospedali sono già sopraffatti, il personale è a corto di risorse e il numero di ricoveri e decessi legati al coronavirus ha raggiunto un livello record.

“Il nostro ospedale è attualmente sopraffatto dall’aiutare i pazienti Covid-19; richiediamo che il viaggio al pronto soccorso sia limitato alle rigorose esigenze mediche di emergenza”, ha affermato il Dipartimento della salute di New Orleans in un comunicato stampa.

Secondo S&P Global Platts Analytics, la tempesta ha anche causato increspature nel mercato dell’energia mentre attraversava il cuore della regione produttrice di petrolio del Golfo del Messico, minacciando di causare danni a raffinerie, impianti petrolchimici e impianti di esportazione di gas naturale liquefatto. distruzione”.

I produttori di petrolio, tra cui Shell e BP, hanno evacuato piattaforme offshore nel Golfo del Messico prima dell’inizio della grave tempesta, interrompendo oltre 1,65 milioni di barili di produzione di greggio al giorno, pari al 90% e circa il 15% della produzione del Golfo del Messico Secondo i dati del governo federale, la produzione totale degli Stati Uniti.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *