La crescita delle vendite al dettaglio di Tesco è quasi stagnante

[ad_1]

Le vendite al dettaglio del gruppo Tesco sono cresciute solo dell’1% nei tre mesi fino alla fine di maggio, perché il più grande supermercato del Regno Unito ha registrato dati comparativi sulle vendite più forti dalla pandemia dello scorso anno.

Le vendite nel Regno Unito, che hanno rappresentato la stragrande maggioranza dei ricavi totali, sono aumentate dello 0,5% nel primo trimestre dell’anno finanziario della società, nonostante un aumento del 9,3% rispetto al mese corrispondente del 2019. Il primo trimestre dello scorso anno ha dominato fino all’inizio della pandemia di Covid-19, che ha incluso un periodo di stoccaggio, seguito da un blocco totale, chiusura di bar e ristoranti e svuotamento delle strade del paese.

L’industria alberghiera ha riaperto a metà maggio, aiutando l’unità all’ingrosso del gruppo ad aumentare le vendite di Booker del 9,2%. Le entrate di Tesco Bank sono diminuite del 10%, mentre le entrate dei negozi nell’Europa centrale e orientale sono diminuite dell’1,6%.

Le vendite di prodotti generici e abbigliamento, che sono diminuite drasticamente nel primo trimestre del 2020, hanno registrato una forte ripresa. La domanda online rimane forte, con l’azienda che invia ancora 1,3 milioni di ordini a settimana. Ma le vendite di carburante sono ancora del 15,2% al di sotto dei livelli pre-pandemia.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *