La crescita economica degli Stati Uniti nel secondo trimestre è stata più debole del previsto

[ad_1]

Aggiornamento del PIL degli Stati Uniti

La crescita economica degli Stati Uniti è aumentata leggermente al 6,5% nel secondo trimestre su base annua, un dato inferiore alle attese, poiché i forti consumi sono stati parzialmente compensati dal ritardo degli investimenti immobiliari e dalla riduzione delle scorte.

I dati diffusi giovedì dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti sono stati inferiori al tasso di crescita annuale dell’8,5% previsto dagli economisti, rispetto al 6,3% del primo trimestre.

Tuttavia, per la prima volta dall’epidemia di Covid-19, la produzione statunitense è tornata al di sopra dei livelli pre-pandemia e gli economisti si aspettano una forte crescita per il resto dell’anno.

Secondo la misurazione utilizzata dalle altre grandi economie, il PIL è aumentato dell’1,6% rispetto al trimestre precedente.La parte più debole del rapporto è l’investimento residenziale e l’inventario, che espone Carenza di manodopera e Interruzione della catena di approvvigionamento Sta rallentando l’espansione insolitamente forte degli Stati Uniti.

Recrudescenza del coronavirus in alcune parti del Paese Variante Delta Ha sollevato preoccupazioni sulle prospettive dell’economia statunitense nelle prossime settimane e mesi. Dopo un calo costante questa primavera, il numero di casi ha ricominciato a salire alla fine del secondo trimestre.

I consumi personali sono la componente più forte dei dati sul PIL, con un tasso di crescita annualizzato della spesa dell’11,8%, rispetto all’11,4% del primo trimestre.Milioni di famiglie americane ricevono Controllo dell’irritazione Da metà marzo all’inizio di aprile, con il rimbalzo dell’attività economica dalle profondità della pandemia, si è innescato un boom dello shopping.

Ma gli investimenti interni privati ​​sono diminuiti del 3,5% in questo trimestre, trascinati dal calo degli investimenti residenziali e della spesa per l’edilizia commerciale. Tuttavia, in altre aree, gli investimenti delle imprese sono forti.

I dati sono anche evidenziati Inflazione in aumentoL’indice dei prezzi PCE è cresciuto del 6,4%, rispetto a un aumento del 3,8% nel primo trimestre. L’indice PCE core, che esclude le fluttuazioni dei costi alimentari ed energetici, è cresciuto del 6,1%, dopo essere cresciuto del 2,7% nel primo trimestre.

Gli economisti sono divisi sulla forza della ripresa statunitense nella seconda metà dell’anno.

“Sebbene i dati del secondo trimestre siano generalmente deludenti, la continua forza della domanda privata è molto incoraggiante e dovrebbe consentire all’economia di mantenere un forte slancio nella seconda metà dell’anno e nel 2022”, ha affermato l’economista di Jefferies Aneta Markowska, e ha citato un forte bilancio delle famiglie e ricostituzione delle scorte. Si aspetta che il tasso di crescita annuale nella seconda metà dell’anno raggiunga il 7,5%.

Altri sono più preoccupati. “La buona notizia è che l’economia ha ora superato il livello pre-pandemia. Ma poiché l’impatto delle misure di stimolo fiscale si è indebolito, l’aumento dei prezzi ha indebolito il potere d’acquisto, la variabile delta è dilagante nel Sud e il tasso di risparmio è inferiore a quello che noi previsto, prevediamo il tasso effettivo nella seconda metà dell’anno. Il tasso di crescita del PIL rallenterà al 3,5%. Quest’anno”, ha affermato Paul Ashworth, capo economista di Capital Macros North America.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *