La crescita economica nella zona euro nel secondo trimestre si conferma al 2%, cresce l’occupazione Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: Persone che camminano nel centro commerciale Arenas de Barcelona (ex arena) durante l’epidemia di coronavirus (COVID-19) a Barcellona, ​​​​Spagna, 7 ottobre 2020. REUTERS/Albert Gea/File Photo

Francesco Guaracio

BRUXELLES (Reuters)-Eurostat ha dichiarato martedì che l’economia dell’Eurozona è cresciuta del 2% nel secondo trimestre, confermando i dati precedenti perché l’allentamento delle restrizioni sul coronavirus ha stimolato l’attività economica dopo una breve recessione.

Eurostat ha anche affermato in un altro comunicato stampa che tra aprile e giugno l’occupazione nei 19 paesi dell’UE è aumentata dello 0,5% rispetto al trimestre precedente, in linea con le previsioni degli economisti intervistati da Reuters.

Rispetto al trimestre precedente, il prodotto interno lordo (PIL) è cresciuto in modo sano del 2%, mentre lo stesso periodo dell’anno scorso è cresciuto del 13,6%, quando l’economia dell’Eurozona ha subito la fase più grave della pandemia.

La lettura annuale del PIL è leggermente inferiore alla stima iniziale del 13,7% rilasciata da Eurostat a fine luglio.

La crescita mese su mese è arrivata dopo due trimestri consecutivi di calo del PIL: l’economia dell’Eurozona si è ridotta dello 0,6% nell’ultimo trimestre del 2020 e dello 0,3% nel periodo gennaio-marzo.

La crescita del PIL ha guidato la crescita dell’occupazione nel periodo aprile-giugno, indicatore che è aumentato dello 0,5% su base mensile e dell’1,8% su base annua. Dopo una serie di ribassi, il tasso di crescita annuale è stato superiore al rimbalzo atteso dell’1,5%.

Nonostante il forte rimbalzo nel secondo trimestre, l’economia della zona euro è ancora inferiore del 3% rispetto alla fine del 2019, il che è diverso dalle economie degli Stati Uniti e della Cina, che hanno superato il picco pre-pandemia.

Tra le maggiori economie dell’Eurozona, la Spagna e l’Italia hanno registrato i maggiori tassi di crescita del PIL, crescendo rispettivamente del 2,8% e del 2,7% nel trimestre, i dati Eurostat hanno confermato i valori precedenti.

L’Italia è stata uno dei paesi più colpiti nell’area dell’euro lo scorso anno e ha registrato una crescita anche nel primo trimestre del 2021, quando il PIL dell’area dell’euro è diminuito.

La crescita del PIL in Germania e Francia è stata più contenuta, crescendo rispettivamente dell’1,5% e dello 0,9% nel trimestre.

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *