La faida del presidente tunisino con l’élite del partito lo ha portato al potere Reuters

[ad_1]

3/3

© Reuters. Foto del file: il 27 febbraio 2021, in una manifestazione contro il presidente Keith Said in Tunisia, Tunisia, Rached Ghannouchi, capo del Movimento di rinascita islamico moderato e presidente della Camera, si è rivolto ai sostenitori. REUTERS/Zoubeir Souissi/File Photo

2/3

Di Tarek Amara e Angus McDowall

Tunisia (Reuters)-Quando è stato portato di corsa all’incontro sulla sicurezza nazionale organizzato d’urgenza con il presidente, il primo ministro tunisino Hichem Mechichi non è stato in grado di connettersi con alti funzionari per discutere delle conversazioni imminenti.

Fu solo quando arrivò al palazzo presidenziale di Cartagine che Mekki apprese la verità: il presidente Keith Said stava invocando poteri di emergenza per sollevarlo, congelando il parlamento e chiedendo l’esercizio del potere esecutivo. Il funzionario che stava cercando di contattare era già lì.

Le sue azioni sono state definite un colpo di stato dagli oppositori, facendo interrogare i tunisini e i paesi stranieri sul futuro di questo paese.La rivoluzione del paese del 2011 ha ispirato la primavera araba e poi ha intrapreso un percorso senza precedenti verso la democrazia.

“Questa è la prima volta da molto tempo che non vedo le cose muoversi in una direzione positiva”, ha detto Safwan Misri della Columbia University, autore di un libro sulla Tunisia.

Interviste con funzionari tunisini e altri vicini ai principali partecipanti alla crisi mostrano come l’intervento di Said abbia portato a discordia con il sistema politico.

La crisi è stata innescata dalle elezioni del 2019, in cui gli elettori hanno scelto Said, un indipendente anticorruzione, e sono tornati in un parlamento molto diviso, bocciando così l’istituzione.

Said ebbe una faida con Mechichi e Rached Ghannouchi, il presidente del parlamento. Poiché il loro litigio riguardava il controllo delle forze di sicurezza, una fonte politica ha affermato che in quel momento il presidente si è reso conto che doveva agire.

“Sayed è sicuro che l’esercito starà con lui”, ha detto una fonte vicina al presidente.

Said non ha fornito una road map chiara, ma è ampiamente previsto che fornirà un sistema presidenziale nella nuova costituzione e metterà fine agli anni delle controversie tra rami rivali del paese.

Tuttavia, il politologo Mohammed Dhia-Hammami ha affermato che, oltre a rilevare le agenzie di sicurezza e altri dipartimenti chiave, Said non sembra essere completamente preparato.

“È un uomo forte in una posizione debole”, ha detto.

feudo

Con le elezioni generali del 2019 che si avvicinano dopo anni di stagnazione economica, il partito Baath islamico moderato di Ganucci e altre forze stabilite sono impopolari.

Il governo instabile che alla fine si è tirato fuori dai guai è crollato nel giro di pochi mesi e Saeed ha nominato Mečić primo ministro. Presto litigarono a causa del partner dell’alleanza scelto da Mechichi.

“Il presidente ci ha detto che odia il tradimento. Il tradimento viene da coloro che gli sono più vicini”, ha detto un politico anziano vicino a Said.

Mechichi non ha risposto agli sforzi di Reuters di contattarlo tramite telefono e messaggi di testo.

Nel gennaio di quest’anno, dopo una disputa sulla riorganizzazione, Mečić ha dichiarato che avrebbe ricoperto la carica di ministro dell’Interno, mettendosi al centro dell’agenzia di sicurezza. Due fonti vicine a Said hanno affermato che questo significa che la riconciliazione con il presidente è impossibile, ei due non si vedono da due mesi.

Nell’aprile di quest’anno, Said ha affermato che le truppe del ministero dell’Interno erano sotto la sua giurisdizione. Mechichi ha risposto nominando un alleato di Ennahda a capo del servizio di intelligence.

In un incontro con due partiti politici, Said ha detto che questo ha mostrato che “Mechichi esiste solo per il beneficio dei suoi alleati”, ha detto una delle persone presenti.

“Sembra che Said abbia successivamente deciso di rimuovere Mechichi e rovesciare il suo governo”, ha detto la fonte.

protesta

Allo stesso tempo, la pandemia di coronavirus sta peggiorando e la risposta del governo vacilla. Sia Mechichi che Ghannouchi, 80 anni, si ammalarono.

Domenica 25 luglio, il primo giorno di lavoro di Ghannouchi due settimane dopo la sua malattia, le proteste in diverse città hanno comportato attacchi agli uffici di Ennahda: Said ha poi citato la violenza quando ha dichiarato i poteri di emergenza.

Una fonte vicina al leader di Ennahda ha detto che il presidente ha chiamato Ghannouchi intorno alle 17. La costituzione richiede la consultazione con il presidente del parlamento e il primo ministro.

Ha detto ha detto che ha fatto. Tuttavia, fonti a Ennahda hanno affermato di aver detto a Ghannouchi solo che avrebbe attuato uno stato di emergenza a partire dal 2015.

Mechichi è nel suo ufficio. Ha incontrato Said il giorno prima per discutere della pandemia, ed è stato sorpreso di ricevere una chiamata alle 19:00, che lo convocava a palazzo. Un assistente ha detto: “Se n’è andato di fretta senza conoscere i dettagli”.

Una fonte vicina a lui ha detto che Mechichi poteva solo accettare che gli fosse stato detto che era stato licenziato e che era stato mandato a casa dal personale di sicurezza dopo l’annuncio.

L’annuncio di Saied ha sorpreso anche Ghannouchi. Poco dopo, Reuters lo contattò e lo condannò come un colpo di stato.

Ghannouchi ha già parlato con Mechichi delle proteste.Dopo l’annuncio di Said, ha provato a chiamarlo di nuovo, ma non lo ha contattato fino alle 23:00

Una fonte di Ennahda ha detto di aver chiesto a Mechichi se si considerava ancora il primo ministro e di respingere pubblicamente la mossa di Said, ma il primo ministro deposto non ha dato una risposta chiara.

Le strade sono già affollate di sostenitori del presidente, rallegrandosi del fatto che sembri combattere il caos sistemico e la stagnazione.

Per le prossime ore, Said ha nominato un alleato per sovrintendere al ministero degli Interni, mentre l’esercito ha circondato il parlamento, le televisioni e gli uffici governativi tunisini.

Said ha sconfitto il suo avversario.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *