La fatale caduta del presidente di Haiti Reuters

[ad_1]

4/4

© Reuters. Foto del file: il 22 luglio 2021, un uomo si trova accanto al ritratto del presidente haitiano assassinato Jovenel Moise sul memoriale del municipio di Cap-Haitien a Cap-Haiti. REUTERS/Ricardo Arduengo/File Photo

2/4

Autori: Dave Graham (New York Stock Exchange:) e Andre Poulter

Port-au-Prince (Reuters)-Quest’anno il presidente haitiano Jovenel Moise ha avvertito che il suo paese è una terra di colpi di stato, cospirazioni e omicidi. Pochi giorni prima di essere colpito da un’oscura cospirazione internazionale il mese scorso, ha detto ai suoi amici che il nemico lo avrebbe catturato.

“Mi ha detto che molte persone hanno speso un sacco di soldi per ucciderlo”, ha detto un ex senatore haitiano e amico intimo del defunto presidente della sua conversazione con Moise la notte della sua morte. “Gli ho detto di non pensare più così.”

“Mi ha detto: ‘Questa è la realtà'”.

Moise, un politico che ha chiesto l’anonimato per motivi di sicurezza, ha mostrato a Reuters l’ultimo messaggio di testo tra lui e Moise, affermando che il presidente non aveva determinato l’identità della mente.

Più di una dozzina di funzionari, politici, diplomatici e parenti di Moiz hanno raccontato a Reuters gli eventi che circondano il suo omicidio. Dopo il rovesciamento della dittatura della famiglia Duvalier nel 1986, un fragile governo dei Caraibi è stato assassinato e decapitato, colpito più volte da crisi, ora aggravate dal terremoto del 14 agosto.

La conversazione ha ritratto il presidente 53enne come una persona sempre più isolata e in pericolo alla fine della sua vita.

I sostenitori di Moise hanno descritto la sua caduta come l’inevitabile risultato di uno scontro tra l’élite al potere corrotta e gli outsider provinciali che hanno osato aiutare la maggior parte dei poveri di Haiti.

“Sta sistemando le cose. Qui, quando sistemi le cose, morirai”, ha detto Guy François, un alleato che ha servito come ministro della cittadinanza per Moise.

Al contrario, i critici ritengono che Moise sia un novizio politico, non abbia le capacità per creare consenso, tenda ad essere autoritario e chiuda un occhio sulla violenza delle bande in aree ostili al suo governo.

“Era una cattiva scelta fin dall’inizio”, ha detto l’avvocato Salim Suka, ex ed ex sostenitore di Moise ed ex aiutante dell’ex presidente Michel Martelli. “Non ha mai avuto una possibilità.”

Molte persone hanno visto l’epitome del decadimento del sistema haitiano nel suo assassinio, dove il governo è stato soggetto a conflitti tra fazioni, disuguaglianze radicate e dipendenza da potenze straniere, che sono ancora ampiamente considerate ostili alle fondamenta del paese nel 1804. La rivolta degli schiavi scoppiò nelle catene coloniali francesi.

mente mancante

Nel centro di Port-au-Prince, pieno di spazzatura, il distretto governativo è circondato da strade desolate ed è ora considerato un’area controllata da bande. Nel paese più povero dell’emisfero occidentale, il terremoto del 2010 ha ucciso decine di migliaia di persone, ma gli edifici distrutti sono ancora segnati.

I funzionari hanno detto che gli assassini che hanno ucciso Moise hanno usato scappatoie nella legge e hanno ordinato l’esecuzione della loro cospirazione nella sua residenza privata a Petionville, un sobborgo di Port-au-Prince.

Nella prima mattinata del 7 luglio è stato ritrovato il corpo pieno di proiettili di Mois, dopo che le autorità haitiane hanno affermato che si trattava di un attacco di un commando composto principalmente da mercenari colombiani. Sua moglie Martin è rimasta ferita. La polizia ha arrestato alcuni agenti di sicurezza del presidente, ma la mente non è stata ancora determinata.

Gli alleati hanno accusato gli “oligarchi” – membri dell’élite degli affari haitiani – di aver ingaggiato assassini stranieri per eliminare Mois che minacciavano i loro privilegi. Ciò ha innescato il trattamento storico di Haiti da parte delle potenze occidentali e lo sviluppo economico degli haitiani dalla pelle più chiara. della dominanza.

Un diplomatico ha affermato che alcuni membri dell’élite non hanno nascosto il loro disprezzo per Moyes e ha ricordato il “disprezzo” di uno dei suoi membri in un incontro privato.

Diversi dirigenti d’azienda hanno condannato pubblicamente l’omicidio di Moise. Ad oggi sono stati arrestati 18 colombiani, circa 20 agenti di polizia haitiani e pochi altri sospetti haitiani e haitiani-americani.

Funzionari colombiani a conoscenza delle indagini hanno affermato che la maggior parte dei colombiani detenuti potrebbe essere stata vittima della cospirazione per distogliere l’attenzione dell’architetto.

Solo quattro colombiani sapevano in anticipo della cospirazione contro Moiz; un funzionario colombiano ha affermato che la maggior parte delle persone pensava che sarebbero diventati guardie del corpo quando si sarebbero recati ad Haiti.

Il funzionario ha aggiunto che poiché il commando non ha incontrato alcuna resistenza significativa prima di essere ucciso, gli investigatori ritengono che Moise sia stato tradito dal suo stesso personale di sicurezza.

L’amico ed ex senatore di Moise ha detto che il presidente sapeva che il colombiano era ad Haiti e gli ha detto durante la loro ultima telefonata che avrebbe arrestato il pianificatore.

“Ho detto, ‘Perché non lo fai subito?'”, ha detto il politico. “Ha detto: ‘Lo farò.'”

Originariamente Haiti aveva pianificato di eleggere il successore di Moise e il nuovo parlamento a settembre, ma dopo che fu assassinato, questa data iniziò presto a essere posticipata a novembre.

Adriano Espaillat, un membro del Congresso degli Stati Uniti della vicina Repubblica Dominicana, ha affermato che dopo che il recente terremoto ha ucciso più di 2.000 persone e distrutto migliaia di case, qualsiasi elezione tenuta quest’anno sembrava “molto difficile”.

Scioccato, ma non inaspettato

Sei mesi prima della sua morte, Moise sembrava capire troppo bene i rischi. Il 1° gennaio ha pronunciato un discorso per commemorare l’indipendenza di Haiti che era caduta nella nebbia.

“Per 217 anni, l’intera storia di questo paese è stata basata su cospirazioni, colpi di stato e omicidi”, ha detto. “Abbiamo cospirato per distruggerlo, non per costruirlo. Più di 30 presidenti sono stati rovesciati o assassinati”.

Gli sforzi di Moise per migliorare la fornitura di elettricità a scapito degli interessi privati ​​e le riforme costituzionali che avrebbero potuto rafforzare la presidenza sono stati visti da alleati e critici come segni chiave del suo percorso verso la fine.

Ma il problema è iniziato molto presto.

A pochi mesi dal suo insediamento nel febbraio 2017, il governo di Moise è rimasto scioccato dalle massicce proteste di piazza innescate dagli aumenti delle tasse e dall’aumento dei prezzi del carburante.

Un rapporto del Senato ha poi accusato Moise di appropriazione indebita di fondi da progetti petroliferi caraibici sostenuti dal Venezuela, ma ha negato.

Le proteste si sono intensificate: nel 2019 Haiti è stata sprofondata per mesi in un “pey lock” o blocco nazionale, spinto dalle proteste sostenute dall’opposizione. Con il diffondersi di disordini politici, violenze e rapimenti, le richieste di dimissioni sono diventate sempre più forti.

Moise ha dichiarato di essere secondo solo a Dio ad Haiti l’anno scorso. Senza un seggio in parlamento, ha iniziato a governare per decreto nel 2020 ed è diventato sempre più conflittuale.

Nel febbraio di quest’anno, un mese dopo il suo discorso indipendente, Moyes ha affermato che la polizia aveva sventato un colpo di stato e coloro che avevano tentato di ucciderlo. La minacciosa premonizione dei funzionari stranieri si è intensificata.

“Tutti erano scioccati”, ha detto un diplomatico del suo assassinio. “Ma non molte persone sono sorprese.”



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *