La Fed potrebbe presto iniziare a “rimpicciolirsi”. Non aspettarti di causare seri danni al mercato azionario questa volta.

[ad_1]

dimensione del font

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell.

Vinci McNamee/Getty Images

La Fed si sta preparando a ridurre le dimensioni del suo programma di acquisto di obbligazioni, quindi scorta Puoi chinare la testa presto. Tuttavia, questo dolore potrebbe non essere serio, perché gli investitori generalmente si aspettano che la Fed lo faccia.

Nel maggio 2013, la situazione era diversa, quando il presidente della Federal Reserve Ben Bernanke disse al Congresso che se le condizioni economiche avessero continuato a migliorare e i responsabili delle politiche fossero stati fiduciosi che avrebbero continuato a migliorare, le banche avrebbero potuto ridurre gli acquisti. I rendimenti obbligazionari sono aumentati vertiginosamente,

Indice Standard & Poor’s 500

In un episodio chiamato Taper Tantrum, è sceso del 5% in un periodo di cinque giorni.

Con l’aumento dei rendimenti obbligazionari, le azioni sono diventate relativamente meno attraenti, soprattutto perché la banca ha lasciato intendere che ridurrà il suo sostegno al mercato e all’economia. La Fed ha finalmente annunciato una riduzione degli acquisti nel dicembre dello stesso anno.

Questa volta, gli investitori si aspettavano già un ridimensionamento della Fed.Questo La banca centrale ha telegrafato il cambiamento Sulla politica monetaria parecchie volteI commercianti di titoli di stato prevedono che entro l’inizio del 2023, gli acquisti mensili di obbligazioni da parte della Federal Reserve scenderanno dagli attuali 120 miliardi di dollari a zero all’inizio del 2023.

Goldman Sachs

Sondaggi.

Il modo in cui vengono valutate le azioni ha fatto sembrare ragionevoli rendimenti obbligazionari più elevati. Secondo i dati di Goldman Sachs, il premio per il rischio azionario dell’indice Standard & Poor’s 500, ovvero il rendimento medio delle azioni e dei dividendi dell’indice meno il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni, è attualmente di circa 6 punti percentuali. Questo numero rappresenta il rendimento aggiuntivo richiesto dagli investitori nel titolo rispetto al titolo.

Questa cifra è superiore al livello inferiore al 6% che si è spesso verificato dal 2010, il che significa che anche se i rendimenti obbligazionari aumentano e i premi per il rischio delle azioni si riducono, le azioni forniranno comunque rendimenti storici relativamente forti. “I partecipanti al mercato sembrano essere consapevoli del ridimensionamento”, ha scritto David Costine, chief equity strategist di Goldman Sachs. “Rispetto alla storia, il premio per il rischio azionario è ancora alto”.

Altri concordano sul fatto che il mercato stia digerendo la contrazione della Fed. Jason Pride, Chief Investment Officer di Glenmede Private Wealth, ha scritto: “La rimozione ordinata e trasparente della politica monetaria espansiva non dovrebbe essere distruttiva, soprattutto se presa in risposta ai miglioramenti dell’economia sottostante”.

Per lo meno, gli investitori dovrebbero monitorare quanto e quanto velocemente la Fed si ritira dal mercato obbligazionario. La semplice notizia che la Fed sta ridimensionando ha portato a un forte sell-off è tutt’altro che certa.

Scrivi a Jacob Sonenshine jacob.sonenshine@barrons.com

leggi di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *