La Fed si prepara a tenere un incontro virtuale a Jackson Hole sotto il Delta Cloud

[ad_1]

Quando la filiale di Kansas City della Federal Reserve ha annunciato a maggio che il suo incontro annuale dei governatori delle banche centrali si sarebbe tenuto come un evento faccia a faccia sullo sfondo drammatico delle Montagne Rocciose, ha segnato una pietra miliare nella ripresa degli Stati Uniti dal profondo dell’economia. Pandemia.

A quel tempo, con l’accelerazione della campagna di vaccinazione nazionale, il numero di casi di Covid-19 negli Stati Uniti è diminuito drasticamente, le principali città del paese hanno riaperto e gli americani si sono radunati per spendere i risparmi accumulati durante la pandemia per mangiare fuori e viaggiare .

Con la tendenza incombente di un rapido ritorno alla vita normale, l’attività economica ha ronzato in un modo che non accadeva da più di un anno.La crescita dell’occupazione e le pressioni inflazionistiche stanno aumentando a un ritmo allarmante suggerimento Il primo è diventato Coro della Chiamata La banca centrale degli Stati Uniti ha iniziato a valutare quando e come ridurre le numerose misure di stimolo di emergenza introdotte nell’anno.

Il presidente della Federal Reserve Jay Powell e il presidente della Fed di New York John Williams al Jackson Hole Symposium del 2019, l’ultimo incontro tenutosi di persona © Reuters

Ma l’improvvisa decisione della settimana scorsa della Kansas City Fed di convertire il Jackson Hole Symposium che si tiene ad agosto di ogni anno in un formato virtuale per la seconda volta nei suoi oltre 40 anni di storia mette in evidenza gli enormi rischi che la ripresa deve ancora affrontare a causa del più contagioso Diffusione variante Delta.

La grande svolta evidenzia anche l’azione di bilanciamento ad alto rischio che la Fed deve intraprendere perché ha stabilito il suo primo fulcro politico dopo uno straordinario periodo di supporto monetario, che ha portato a un discorso previsto per venerdì dal presidente Jay Powell ancora più avvincente.

“Stanno affrontando un’enorme e inevitabile incertezza”, ha affermato Bill Inglich, professore alla Yale University ed ex direttore del Dipartimento degli affari monetari della Federal Reserve. “Non sappiamo come sarà riprendersi dalla pandemia globale, quanto tempo ci vorrà e i cambiamenti strutturali a lungo termine che ne deriveranno”.

Inglich ha affermato che un anno dopo, l’economia è forte e l’inflazione è alta e la politica monetaria deve essere inasprita più rapidamente perché la ripresa è “parziale, incompleta e lenta”.

I funzionari della banca centrale stanno partecipando ad a Ampio dibattito Per quanto riguarda il destino del piano di acquisto di attività mensili da 120 miliardi di dollari annunciato all’inizio della pandemia. La Fed ha dichiarato che acquisterà obbligazioni allo stesso tasso di interesse fino a quando non vedrà “sostanziali ulteriori progressi” nel raggiungimento del suo duplice obiettivo di raggiungere un tasso di inflazione medio del 2% e massimizzare l’occupazione.

una crescita fare la coda Dei governatori delle banche centrali credono che l’obiettivo di inflazione sia stato raggiunto e la Fed dovrebbe considerare di tagliare o “ridurre” il suo programma di acquisto di obbligazioni in modo più diretto.La ripresa del mercato del lavoro colpita dalla carenza di manodopera è diventata più volatile a disagio Per gli altri funzionari, ciò significa che il discorso di Powell sarà analizzato attentamente per trovare eventuali indizi sulla potenziale tempistica della richiamata.

Il grafico a linee dell'indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti (YoY, %) mostra che le pressioni inflazionistiche mettono alla prova la Fed

Mark Spindel, Chief Investment Officer di Potomac River Capital, una società di investimento con sede a Washington, ha dichiarato: “Questo è uno dei momenti pionieristici a cui tutti prestano attenzione ogni anno”. “Non esiste una politica di inasprimento perfetta. Ammettono di essere parlando di ridimensionamento, e dovrebbero perfezionare questa conversazione in modo che abbiamo una certa comprensione di ciò che faranno”.

Powell ha affermato la scorsa settimana che “non è chiaro” se la recente recrudescenza di nuovi casi di polmonite coronarica influenzerà in modo significativo la traiettoria economica.Ma come segno di come Delta Air Lines abbia scosso anche le sue convinzioni più forti, una di queste Il più ardente sostenitore Robert Kaplan della Federal Reserve di Dallas ha recentemente ammesso che potrebbe essere necessario ritardare gli adeguamenti.

Brian Sack, capo dell’economia globale presso DE Shaw Group, ha affermato che si aspetta che la Fed esprima la sua intenzione a settembre di annunciare una riduzione di scala alla riunione politica di novembre. Lo ha previsto anche Guido Persichetti, co-responsabile di Barclays Global Treasury Trading. Persichetti ha aggiunto che la riduzione vera e propria potrebbe iniziare a gennaio.

Mentre la Fed è alle prese con lo spinoso compito di tagliare gli stimoli, i politici si trovano ad affrontare sempre più domande sul fatto che possa promuovere una ripresa più equa.

benché Un forte calo Con il tasso di disoccupazione che ha raggiunto il 5,4% il mese scorso, il numero di disoccupati è aumentato di quasi 6 milioni rispetto a febbraio 2020. I lavoratori a basso reddito hanno sofferto in modo sproporzionato durante la pandemia, con le minoranze etniche che hanno sopportato un onere maggiore.

Il nuovo quadro della Fed Svelare All’incontro virtuale dello scorso anno, la banca centrale ha compiuto un passo decisivo verso il raggiungimento della massima occupazione, impegnandosi a tollerare periodi di inflazione più elevata per compensare periodi che in passato erano al di sotto dell’obiettivo del 2%.

Un grafico a linee del divario occupazionale non agricolo dal gennaio 2020, che mostra che i funzionari della banca centrale stanno lottando per far fronte alla ripresa nel mercato del lavoro statunitense

“Tradizionalmente, i responsabili delle politiche monetarie hanno commesso errori nelle economie a basso stress perché i rischi di inflazione dominano il processo decisionale”, ha affermato Karen Dynan, professore di economia all’Università di Harvard, che ha lavorato presso il Dipartimento del Tesoro e la Federal Reserve.

“La lezione della fine degli anni 2010 è che gestire un’economia ad alta pressione avvantaggia coloro che sono in fondo alla distribuzione dei salari… Il nuovo quadro è davvero una decisione sbagliata [that] lato. “

Tuttavia, il modo in cui funziona in pratica questo nuovo quadro non è stato testato, proprio come i prezzi al consumo, il che inietta un’altra fonte di incertezza nelle prospettive librarsi.

Roger Ferguson, l’ex vicepresidente della Federal Reserve, ha dichiarato: “La Federal Reserve ha dichiarato che aspetterà finché l’inflazione non diventerà un pericolo chiaro e reale e non preverrà come hanno fatto nella storia”. dovranno rischiare di rimanere indietro rispetto alla curva. Una volta avviati, ciò potrebbe richiedere un ritmo più rapido di aumenti dei tassi di interesse”.

Per Jean Boivin, l’ex vice governatore della Bank of Canada, l’enorme risposta monetaria e fiscale alla crisi di Covid ha creato un’altra serie di problemi urgenti che non sono stati ancora completamente risolti dai politici.

Una delle principali questioni irrisolte è, dato l’attuale livello del debito, fino a che punto la politica monetaria possa essere inasprita nel lungo periodo.Dopo l’infusione senza precedenti di oltre $ 5 trilioni di misure di stimolo del governo nell’ultimo anno, il livello del debito è salito a New York. altezza. Boivin ha avvertito che in questo contesto, l’aumento del costo del prestito negli Stati Uniti potrebbe essere accompagnato da un tentativo di normalizzare la politica in mezzo all’aumento dell’inflazione, che non è una questione “banale”.

Ha aggiunto che anche i rischi per la stabilità finanziaria sono cruciali, poiché i prezzi delle attività di mercato in generale aumentano, i rischi sono diventati più importanti.

“Rispetto alle discussioni su questioni più grandi che abbiamo dovuto affrontare, le discussioni in diminuzione sono completamente sminuite [the past 18 months] Boivin, l’attuale capo del BlackRock Investment Institute, ha affermato che, data quella che chiamiamo una “rivoluzione politica”, ciò avverrà nei prossimi anni.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *