La gerarchia è molto importante sul lavoro, quindi perché non ne parliamo?

[ad_1]

Aggiornamento sull’equilibrio tra lavoro e vita privata

L’autore è l’autore di “Climb as You: The Art of Women and Ambition”

Non puoi fare a meno di comprendere due questioni chiave nell’attuale ambiente di lavoro: “menopausa” e “lavoro flessibile” semplicemente guardando uno schermo o un giornale.

Ovviamente nessuno di questi fenomeni è stato causato dalla pandemia. Anche se pensi che siano perdonabili perché non hanno quasi tempo di trasmissione nell’ultimo anno o giù di lì.

Entrambe queste domande riflettono questo: abbiamo l’opportunità di discutere vari aspetti del lavoro e della vita, che avrebbero dovuto essere di routine, ma in qualche modo sono diventati tabù. La domanda è: stiamo parlando di cose che contano davvero?

Il mese scorso, la Commissione per le donne e l’uguaglianza ha avviato un’indagine a livello di partito per indagare sui luoghi di lavoro Politica sulla menopausaUn sondaggio nel 2019 Bupa Si stima che quasi 900.000 donne nel Regno Unito si siano completamente dimesse a causa dei sintomi legati alla menopausa. Questa è una statistica straordinaria.

Senza coinvolgere nessun altro significato (come avere un’umanità di livello base), questo è l’uso umano più antieconomico (wo) che si possa immaginare. Perdere alcune delle persone migliori e più esperte a causa di normali sintomi medici perfettamente prevedibili? Questa è la definizione di spreco e di breve termine.

Così come la menopausa non è stata inventata nel marzo 2020, Sistema di lavoro flessibileNegli ultimi due decenni, la consapevolezza delle persone sulla salute mentale e l’equilibrio della vita è aumentata, e questo è diventato un punto che non può essere ignorato.

Non ricordo quando sono entrato nel mercato del lavoro a metà degli anni ’90, la gente parlava di “esaurimento”, “presenza” e “piacevole” (faccine sorridenti che coprono problemi di salute mentale).

Ho licenziato il mio ultimo lavoro d’ufficio a tempo pieno nel 2001, perché posso vedere la pressione facciale e la pressione della vita familiare di quasi tutti quelli con cui lavoro.Ho la sensazione che lavorerò per me stesso felicemente.Ora, l’ambiente che ci si aspetta che tu “apra” costantemente, di solito senza un motivo particolare, solo per rafforzare l’altra debole autorità di qualcuno, è visto correttamente velenoso.

Tutto questo è una buona cosa. Se è piuttosto strano, come i problemi di lavoro, sembriamo sempre litigare su cose molto basilari, e nessuna persona razionale sarà in disaccordo in primo luogo. Si prevede che le donne sulla quarantina possano aver bisogno di supporto durante il periodo perimenopausale, il che è difficilmente controverso.

I dipendenti che credono di avere un certo senso di libertà e possibilità di scelta nelle loro pratiche lavorative possono essere più inclini a un’organizzazione, che non è del tutto all’avanguardia. Ciò che è inquietante è che questi problemi comuni, comuni e piccoli sono diventati argomenti scottanti. A loro volta, fungono da “scudo” per evitare argomenti veramente controversi e di cui è difficile parlare sul lavoro: status, discordia generazionale, discriminazione in base all’età (ai due estremi), disuguaglianza.

Queste aree di dibattito popolare ci permettono di evitare la cosa di cui meno vogliamo parlare: la gerarchia.

Il cambiamento di atteggiamento nei confronti della gerarchia è la più grande sfida evidente nel mondo del lavoro negli ultimi 20 anni. Molte persone sotto i 40 anni (sicuramente sotto i 30 anni) resistono completamente alla gerarchia.

Non capiscono perché è considerato corretto e non sono interessati a rafforzare il sistema. Non hanno visto il significato di “aspettare” per tre anni per raggiungere un certo livello di impatto. Questa mentalità si riflette nelle conversazioni su “Anche io”, “Anche il destino dei neri è destino” e varie politiche identitarie. Una volta che inizi a mettere in discussione la disuguaglianza nella società, inizierai a vederla ovunque. Inizi a fare molte domande.

Alcune di queste query possono essere considerate impronte immature. “Perché questo vecchio – in realtà non fa molto – guadagna rispetto e guadagna il massimo?” “Perché dovrei aspettare il mio turno alla riunione?” “Perché non posso lavorare da casa?”

Ma sono anche domande valide. Normalmente, l’unica logica per cui le cose accadono come vanno al lavoro è perché “questo è il modo in cui facciamo sempre le cose” e/o perché “siamo più vecchi di te, più esperti e conosciamo meglio”.

Prima della pandemia, queste risposte erano cattive, e ora sono peggio. Indagando sulla menopausa o distribuendo laptop che funzionano da casa a tutti, non si troverà una risposta migliore. Si riveleranno attraverso conversazioni imbarazzanti, scomode e molto oneste. Facciamo spazio a questi.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *