La Germania occidentale teme ulteriori inondazioni, il bilancio delle vittime supera gli 80 Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: foto di immondizia dopo una forte pioggia a Bad Neuenahr-Ahrweiler, Germania, 15 luglio 2021.Tasso Reuters/Wolfgang

2/2

Autori: Martin Schlicht e David Sahl

Reuters, Germania/ERFTSTADT-A causa dell’imminente rottura di un’altra diga, la Germania occidentale ha temuto ulteriori inondazioni venerdì e il bilancio delle vittime è salito a più di 80, che è stata la peggiore perdita di massa di vite umane in Germania in molti anni.

Nelle città e nei villaggi del Nord Reno-Westfalia e della Renania-Palatinato, intere comunità erano in rovina dopo le inondazioni.

“La sofferenza sta aumentando”, ha detto il primo ministro della Renania-Palatinato Maru Dreyer alla ZDF Broadcasting Corporation, aggiungendo che più di 50 persone sono morte a causa delle inondazioni solo nel suo stato.

Ha detto che l’infrastruttura è stata completamente distrutta e la ricostruzione richiederà molto tempo e denaro.

Il governo distrettuale ha dichiarato su Facebook (NASDAQ:) che circa 1.300 persone sono disperse nel distretto di Ahrweiler a sud di Colonia, nel vicino stato del Nord Reno-Westfalia.

Le reti di telefonia mobile in alcune zone colpite dall’alluvione sono crollate, il che significa che familiari e amici non riescono a trovare parenti.

Il governo regionale di Colonia ha dichiarato su Facebook che più a nord, a Erftstadt vicino a Colonia, venerdì mattina le case sono crollate e i soccorritori stanno lavorando duramente per aiutare i residenti che sono tornati a casa nonostante gli avvertimenti.

Ha detto che molte persone sono ancora in casa e alcune sono disperse. La fuga di gas ha ulteriormente impedito ai soccorritori di cercare di soccorrere le persone intrappolate in barca.

Le strade intorno a Erftstadt furono distrutte dalle inondazioni e divennero impraticabili.

Una diga vicino al confine belga, Rurtalsperre, è stata allagata durante la notte, mentre l’altra Steinbachtalsperre tra Ahrweiler ed Erftstadt era instabile. Diverse dighe in alcune parti del paese hanno rotto gli argini.

Il bilancio delle vittime è il più alto di tutti i disastri naturali in Germania dalla mortale inondazione del Mare del Nord nel 1962, che uccise circa 340 persone. Nel 1998, un treno ad alta velocità ICE (NYSE:) si è scontrato, causando 101 morti.

L’alluvione del 2002 sul fiume Elba è stata definita dai media dell’epoca “l’alluvione di un secolo”, causando 21 morti nella Germania orientale e oltre 100 morti nella più ampia regione dell’Europa centrale.

Venerdì il parlamento del Land della Renania settentrionale-Vestfalia terrà una riunione d’emergenza sulla questione delle inondazioni.

Il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer ha dichiarato a Der Spiegel che il governo federale mira a fornire sostegno finanziario alle aree colpite il prima possibile, aggiungendo che il pacchetto di misure dovrebbe essere presentato mercoledì al governo per l’approvazione.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *