La Gran Bretagna pesa l’acquisizione da parte di NVIDIA da 40 miliardi di dollari delle preoccupazioni per la sicurezza nazionale di Arm

[ad_1]

aggiornamento tecnologico

Il futuro di Nvidia L’acquisizione pianificata da 40 miliardi di dollari Poiché i ministri britannici sono sempre più interessati a tali transazioni, il governo di Boris Johnson sta valutando l’acquisizione del designer di chip britannico Arm.

Il 20 luglio il segretario al digitale britannico Oliver Dawden ha ricevuto il rapporto preliminare dalla British Competition Authority. Il suo ufficio ha dichiarato che prenderà una decisione “a tempo debito sulla prossima fase dell’indagine”.

Bloomberg News ha citato una persona che ha familiarità con le discussioni del governo secondo cui la valutazione dell’Autorità per la concorrenza e i mercati conteneva effetti preoccupanti sulla sicurezza nazionale e che attualmente il Regno Unito tende a rifiutare le acquisizioni.

La CMA non condurrà le proprie valutazioni sulla sicurezza nazionale in tali rapporti, ma trasmetterà le preoccupazioni di terzi. Tuttavia, il regolatore ha valutato l’accordo per motivi di concorrenza e anche il governo sta considerando questo.

Un portavoce di Dawden ha rifiutato di discutere le attuali opinioni del ministro sull’accordo martedì, ma ha detto che vorrebbe vedere “una decisione presa non appena ragionevolmente fattibile per ridurre l’incertezza del prossimo passo”.

Dounton deve quindi decidere se far procedere la transazione, che potrebbe essere accompagnata da condizioni legate ai nuovi impegni di Nvidia.Anche se il governo decide che non ci sono problemi di sicurezza nazionale, CMA può ancora introdurne di più “Seconda fase” dettagliata Indagare sulla base di eventuali problemi di concorrenza.

Se il governo non trova problemi di interesse pubblico, ma la CMA trova un problema di concorrenza, che non può essere risolto senza un’indagine approfondita, il caso verrà rinviato all’agenzia di regolamentazione come caso di fusione di seconda fase.

Il governo Johnson è sempre più preoccupato per il numero di offerte di acquisizione per società strategiche britanniche. Funzionari del governo hanno affermato che anche i ministri del governo Thatcher, come il segretario commerciale Kwasi Kwarteng, erano “preoccupati”.

Kwarteng ha impiegato pochi giorni “Interesse attivo” Temendo per la sicurezza nazionale e l’impatto sull’occupazione, sugli investimenti e sulle competenze britanniche, gli Stati Uniti hanno fatto due offerte per il British Defense Group.

Il governo Johnson è impegnato a difendere la produzione in settori chiave, mentre la pandemia di Covid-19 e la Brexit, che ha sconvolto le catene di approvvigionamento europee, hanno focalizzato i ministri sulla necessità di sviluppare la capacità di produzione interna nei settori chiave.

In termini di offerta di Nvidia per Arm, la transazione solleva potenziali problemi di sicurezza perché i semiconduttori supportano le tecnologie legate alla difesa. Il braccio ha rifiutato di commentare.

Dowden ha dichiarato ad aprile: “Vogliamo sostenere la nostra fiorente industria tecnologica britannica e accogliere favorevolmente gli investimenti stranieri, ma è opportuno che teniamo in debita considerazione l’impatto di tali transazioni sulla sicurezza nazionale”.

Arm è stata venduta dalla giapponese SoftBank, che originariamente ha acquisito il business dei semiconduttori nel 2016. La decisione di SoftBank di vendere il gruppo a Nvidia ha sollevato dubbi sul fatto che il gruppo americano avrà sede a Cambridge a breve termine.

Il CEO di Nvidia Huang Renxun ha dichiarato che intende mantenere il nome Arm, espandendo la sua base a Cambridge e mantenendo i suoi diritti di proprietà intellettuale registrati nel Regno Unito.

Nvidia ha dichiarato: “Continueremo a lavorare con il governo britannico per completare il processo normativo. Attendiamo con impazienza i loro problemi e speriamo di risolvere eventuali problemi che potrebbero incontrare”.

La CMA ha dichiarato: “Come confermato il 20 luglio, abbiamo presentato al Segretario di Stato il DCMS i risultati della nostra indagine su questioni di concorrenza e una sintesi delle risposte che abbiamo ricevuto per motivi di sicurezza nazionale”.

Allo stesso tempo, Kwarteng sta prestando attenzione alla proposta del rivale statunitense Parker Hannifin di acquisire la società aerospaziale e della difesa britannica Meggitt per 7,1 miliardi di sterline.

Il ministro spera di mantenere posti di lavoro, ricerca e sviluppo e altre attività professionali nel Regno Unito. Gli impegni relativi all’occupazione assunti da Parker sono validi per un anno, mentre gli impegni relativi alle spese di ricerca e sviluppo sono validi per cinque anni.

Gli analisti aerospaziali e della difesa ritengono che l’acquisizione di Meggitt da parte di Parker Hannifin avrà successo nonostante i potenziali rischi dell’intervento del governo.

Solo pochi giorni fa, a causa dell’emergere di preoccupazioni per la sicurezza nazionale, Kwarteng ha affermato che potrebbe intervenire nella proposta Cobham sostenuta da private equity degli Stati Uniti di acquisire il gruppo di difesa britannico Ultra Electronics per 2,6 miliardi di sterline.

Secondo la legge sulle imprese del 2002, il ministro può intervenire in acquisizioni che si ritiene minaccino la sicurezza nazionale, la diversificazione dei media o la stabilità finanziaria. La nuova legge sulla sicurezza nazionale e sugli investimenti con nuovi poteri entrerà in vigore nel gennaio 2022.

Segnalazione aggiuntiva di Tim Bradshaw

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *