La Gran Bretagna si rivolgerà a Cina e Russia per fermare l’ulteriore caos in Afghanistan

[ad_1]

Aggiornamento non definito

Dopo che Londra e Washington si sono accusate a vicenda per il ritiro del presidente americano Joe Biden, questa settimana la Gran Bretagna si rivolgerà a Cina e Russia per cercare di impedire che l’Afghanistan cada nel caos.

Anche il governo del primo ministro britannico Boris Johnson sta lavorando a stretto contatto con la Francia – tensioni con la Francia dopo la Brexit – cercando di progettare la risposta delle Nazioni Unite alla crisi in Afghanistan.

Sebbene il ministro britannico sia criticamente privato del modo in cui gli Stati Uniti ritirano le sue truppe, Tony Blair, l’ex primo ministro britannico che ha portato le truppe britanniche in Afghanistan 20 anni fa, ha affermato che la strategia di Washington si basa sullo “stupido slogan politico di porre fine alla guerra”. guerra per sempre’.” .

Il suo commento si riferisce alla promessa di Biden di ritirare le truppe statunitensi dall’Afghanistan 20 settimane prima dell’attacco terroristico dell’11 settembre.

Downing Street ha negato che ci fosse disaccordo tra Johnson e Biden, ma la politica estera del primo ministro britannico, fortemente dipendente dagli Stati Uniti, è stata colpita dalla crisi e ha costretto Londra a rivolgersi ad altre capitali per chiedere aiuto.

Quando Johnson ha ospitato il vertice virtuale del G7 martedì, desideroso di dimostrare che il Regno Unito è ancora rilevante come “convenor”, ​​ha affermato su Twitter che il gruppo delle nazioni ricche coordinerà gli sforzi “per garantire un’evacuazione sicura, prevenire le crisi umanitarie”. e sostenere il popolo afghano”.

Da quando i talebani hanno preso il potere una settimana prima del ritiro degli Stati Uniti, i governi degli Stati Uniti e del Regno Unito sono stati fortemente criticati.

Mentre migliaia di famiglie disperate si riversavano nell’aeroporto di Kabul, gli sforzi per evacuare gli afgani che lavoravano per le truppe occidentali e altre organizzazioni sono stati frustrati dal caos. Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato domenica che sette afgani sono morti tra la folla nella capitale.

Il ministro degli Esteri Dominic Raab (Dominic Raab) è stato criticato per essere rimasto in Grecia per le vacanze dopo che Kabul è caduta in mano ai talebani la scorsa settimana e ha confermato che avrebbe contattato Pechino e Mosca in Afghanistan.

Raab ha dichiarato al “Sunday Telegraph” britannico: “Dovremo introdurre paesi come la Russia e la Cina con un potenziale di influenza moderata, non importa quanto sia inquietante”.

Sia la Russia che la Cina hanno avuto contatti con i talebani.

I cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – Cina, Francia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti – si incontreranno questa settimana per discutere su come affrontare il nascente regime talebano, comprese le politiche di aiuto e antiterrorismo.

“Questo è un momento importante per le Nazioni Unite”, ha detto un funzionario britannico.

La scorsa settimana, la chiamata di Raab con il suo omologo cinese Wang Yi ha incoraggiato i funzionari britannici, ma non ha ancora parlato con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

La Gran Bretagna sta anche lavorando con la Francia per formulare una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’Afghanistan, che ha spinto alcune persone a sostenere che dopo il dolore della Brexit, Johnson ha bisogno di riaggiustare la sua politica estera nei confronti degli alleati europei.

“Una lezione che dovremmo imparare è che se il Regno Unito e i paesi dell’UE della NATO vogliono svolgere un ruolo importante nell’esercito, dovremo lavorare a stretto contatto per sviluppare una capacità, il che significa che non dobbiamo fare affidamento sulla presenza di gli Stati Uniti”, Damian Green, ex ministro del governo del Partito Conservatore. “Prima iniziamo questa strada, meglio è”.

Un alto ufficiale dell’esercito britannico fu d’accordo. “Questo governo ha messo tutte le uova – così come le fruste e le ciotole – nei cesti americani”, ha detto. “L’unica ‘guerra per sempre’ della Gran Bretagna è la guerra con l’Unione Europea. Questo è ridicolo”.

Gli alleati di Johnson credono che mentre l’attenzione di Washington si sposta sull’Asia, gli Stati Uniti sono da tempo sulla strada per sbarazzarsi dei conflitti in Iraq e Afghanistan.

Il ministro della Difesa britannico James Shipper ha affermato che nelle ultime 24 ore gli sforzi per evacuare gli afgani britannici e idonei da Kabul sono migliorati, con oltre 1.700 persone trasportate in aereo fuori dal paese.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin (Lloyd Austin) ha ribadito domenica che la scadenza del 31 agosto di Biden per il ritiro completo delle truppe statunitensi potrebbe dover essere prorogata. La Gran Bretagna ha accolto con favore l’estensione a Washington.

Un funzionario britannico ha affermato che il calendario di evacuazione era “molto stretto” e che il Regno Unito stava ancora cercando di portare il numero di persone presumibilmente “a partire da diverse migliaia”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *