La Knesset voterà il nuovo governo per porre fine alla regola da record di Netanyahu Reuters

[ad_1]

5/5

© Reuters. Foto del file: il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu parla durante una cerimonia a Gerusalemme il 6 giugno 2021 per ringraziare le autorità sanitarie per il loro contributo alla lotta contro la malattia del coronavirus (COVID-19). REUTERS/Ronen Zvulun

2/5

Maya Lube

Gerusalemme (Reuters)-I 12 anni di regno del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu termineranno domenica, quando il parlamento voterà il nuovo governo, e ci sarà la promessa di sanare la causa Il Paese ha lasciato il Paese per molto tempo e ha un governo fortemente diviso. Capo servizio.

Netanyahu, 71 anni, è il politico israeliano più dominante della sua generazione: non è riuscito a formare un governo dopo le elezioni israeliane del 23 marzo, la quarta in due anni. Il nuovo governo sarà un mosaico del leader dell’opposizione centrista Yair Lapid e dell’ultranazionalista Naftali Bennett, e dovrebbe essere prestato giuramento dopo un voto di fiducia alla Knesset.

Bennett è un falco milionario high-tech che servirà come primo ministro per due anni prima che il popolare conduttore televisivo Lapid prenda il sopravvento. Guideranno un governo di diversi partiti politici, compreso un governo che per la prima volta rappresenta il 21% della minoranza araba. Il loro piano è principalmente quello di concentrarsi sulle riforme interne evitando azioni globali su questioni internazionali scottanti, come le politiche contro i palestinesi.

Poiché ci sono poche prospettive di progresso nella risoluzione del conflitto decennale con Israele, molti palestinesi sono indifferenti al cambio di governo e hanno affermato che Bennett potrebbe perseguire la stessa agenda di destra di Netanyahu.

Addio Bibi?

Sulla scena internazionale, con un bellissimo inglese e una forte voce baritonale, il fotogenico Netanyahu è diventato il portavoce di Israele. Nel suo primo mandato come primo ministro negli anni ’90 e vincendo quattro mandati consecutivi dal 2009, è sempre stato una figura polarizzante in patria e all’estero.

Netanyahu è spesso chiamato con il soprannome Bibi, amato dai suoi sostenitori più accaniti e disgustato dai suoi critici. Il suo processo per corruzione in corso e la sua negazione delle accuse non faranno che aumentare il divario.

Per molto tempo, i suoi oppositori hanno condannato le osservazioni controverse di Netanyahu, le vili tattiche politiche e gli interessi nazionali subordinati alla sua stessa esistenza politica. Alcuni lo chiamano il “ministro del crimine” e lo accusano di aver gestito male la crisi del coronavirus e il suo impatto economico.

I festeggiamenti dei suoi oppositori che celebrano la fine dell’era Netanyahu sono iniziati sabato sera davanti alla sua residenza ufficiale a Gerusalemme, luogo di proteste settimanali contro i leader di destra nell’ultimo anno. Uno striscione nero appeso al muro. Diceva: ” Bye bye, Bibi, bye bye” e i manifestanti hanno cantato, suonato i tamburi e ballato.

Ma per la grande e fedele base elettorale di Netanyahu, la partenza di alcune persone che lo chiamano “Re Bibi” potrebbe essere inaccettabile. I suoi sostenitori sono arrabbiati per ciò che vedono perché il paese ha voltato le spalle ai leader impegnati per la sua sicurezza e si oppone alla pressione internazionale per intraprendere qualsiasi passo che potrebbe portare a uno stato palestinese, anche se promuove un accordo diplomatico con gli Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Marocco e Sudan.

Tuttavia, queste misure e il suo ruolo nell’ottenere il vaccino COVID-19 per la campagna di vaccinazione di fama mondiale del paese, non sono sufficienti per dare al Likud di Netanyahu voti sufficienti per farlo arrivare al sesto posto.

Bennett, in particolare, ha causato rabbia all’interno del campo di destra a causa della sua collaborazione con Rapide per violare le promesse della campagna. Ha giustificato questa mossa dicendo che un’altra elezione (se non si forma un governo, è probabile che si tenga) è un disastro per Israele.

Sia lui che Rapide hanno affermato che sperano di colmare le differenze politiche e unire gli israeliani sotto un governo che lavora sodo per tutti i cittadini.

Il loro gabinetto deve affrontare notevoli sfide diplomatiche, di sicurezza e finanziarie: l’Iran, il fragile cessate il fuoco con i militanti palestinesi a Gaza, le indagini sui crimini di guerra della Corte penale internazionale e la ripresa economica dopo la pandemia di coronavirus.

Ancora più importante, la loro intricata coalizione di partiti ha solo una piccola maggioranza in parlamento, cioè 61 dei 120 seggi alla Knesset, e dovrà ancora competere con Netanyahu-Netanyahu diventerà sicuramente un leader dell’opposizione combattiva. Nessuno ha escluso la possibilità del ritorno di Netanyahu.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *