La leggenda di Lionel Messi è una lezione su come non trattare con i beni premio

[ad_1]

Aggiornamento FC Barcelona

L’autore è un partner di Sequoia Capital

Alcune persone che sono andate a lavorare al Nou Camp, che ospita i cinque volte campioni della Champions League, l’FC Barcelona, ​​​​devono aver dimenticato il motto che ci sono persone indispensabili ovunque nel cimitero.Questo è diventato chiaro la scorsa settimana a causa della deplorevole leggenda Lionel MessiLa notizia dell’uscita dal club e del trasferimento a titolo gratuito al Paris Saint-Germain è stata messa in scena in pubblico. Invece, il management di Barcellona ha fornito il materiale per il caso della Harvard Business School su come non gestire un portafoglio o un’organizzazione.

Segni vitali: Messi, uno dei più grandi calciatori del mondo; fedele servitore del club dall’età di 13 anni; il miglior marcatore nella storia della Liga; sei volte vincitore del Pallone d’Oro. Tanto quanto la Cattedrale di Antonio Gaudi o il suo Quartiere Gotico, parte di Barcellona.

In che modo i gestori degli investimenti gestiscono gli asset il cui tasso di crescita sta rallentando e il cui valore è destinato a diminuire (sì, i calciatori, che piaccia o no, sono asset)?

Un gestore degli investimenti competente ha una risposta. Non sono ancorati al passato, né sono ancorati al rifugio fornito dal “nome” nelle massime commerciali, né hanno l’idea di spremere un altro quarto o anno di performance da titoli che hanno terminato i loro anni gloriosi. Invece, hanno ridistribuito i fondi e acquistato diverse azioni sul lato destro del programma.

La dirigenza del Barcellona ha scelto l’approccio opposto. Hanno continuato a spendere la maggior parte del loro stipendio su Messi (innescando così una serie di richieste di stipendio – hanno concordato – dai suoi compagni di squadra).È difficile esagerare i danni causati al club da questo incidente e da una serie di terribili acquisti di giocatori, e ora il club è stato travolto. debito.

Alcune persone potrebbero incolpare Messi o l’intransigenza di suo padre come suo agente. Ma è anche difficile sbagliare. Quando chiedono, entrambi rispondono alle condizioni di mercato. Invece, i colpevoli sono coloro che hanno ceduto alle richieste. Ricorda, nessun investitore ha bisogno di acquistare beni.

Il Barcellona si impegna a investire Taglio originaleNegli ultimi anni, invece di vendere Messi, hanno continuato a pagargli più soldi fino a quando non hanno avuto altra scelta che rimuovere il giocatore 34enne dai loro libri contabili. Al contrario, il Manchester United ha venduto il 28enne Beckham al Real Madrid nel 2003 per 34 milioni di dollari, forse più di 100 milioni di dollari nel mercato odierno. Se si ritiene che il contratto di Messi sia trapelato, il Barcellona ha pagato a Messi 555 milioni di euro tra il 2017 e il 2021.

Per chiunque sia nella Silicon Valley, un altro aspetto del fiasco di Messi è che lui – e tutti gli altri giocatori di calcio – hanno pagato in contanti (sebbene ci siano bonus relativi a determinati risultati). Nel mio piccolo mondo, non esiste un’organizzazione dinamica che compensi artisti di valore in modo così avaro. Al contrario, concedono capitale, il cui valore finale è strettamente correlato allo stato di salute generale dell’impresa.

Gli accademici sosterranno che questo è impossibile nel mondo del calcio. Diranno che i giocatori vanno e vengono, o forse passano semplicemente il loro tempo al sole. Tuttavia, la stessa cosa accade nella Silicon Valley: i dipendenti di alto valore possono lavorare in un’azienda per tre o quattro anni e poi trasferirsi in un’altra azienda.

Sospetto che la vera risposta sia diversa. Questo approccio è contrario alle pratiche accettate: richiede ai proprietari di squadre di calcio di non comportarsi come i proprietari di fabbriche tessili del 19° secolo; significa che gli agenti devono abbandonare l’auto-trattamento; e, soprattutto, significa che i giocatori iniziano a far fronte all’incertezza a lungo termine. relativo al valore della compensazione pecuniaria.

Immagina se ogni club di calcio destinasse circa il 25% del capitale come compenso ai giocatori, richiedendo ai giocatori di vendere le proprie azioni quando lasciano il club. Se il Barcellona utilizzerà il 50% in contanti e il 50% in azioni per compensare Messi, allora lui e il club staranno molto meglio oggi. Due anni prima che Messi si unisse al club, le sue entrate erano di 123 milioni di dollari e nella stagione prima della pandemia quel numero era salito a oltre 1 miliardo di dollari.

Quando Messi ha giocato per la prima volta con la squadra di Barcellona nel 2004, il valore del club potrebbe essere di circa 400 milioni di dollari (non è possibile ottenere una cifra precisa). Oggi il suo valore è di circa 4,8 miliardi di dollari USA. Se quando il suo valore diventa chiaro, Messi ottiene circa il 10% delle azioni o delle opzioni del club, il valore di oggi è di circa 500 milioni di dollari.

So che questo metodo sarà ridicolizzato nel board del club più prezioso del mondo. Ma so anche che se la direzione del Barcellona lo adottasse, oggi non avrebbero bisogno di mendicare soldi per pagare la manutenzione del cimitero che hanno costruito.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *