La Merkel ha affermato che la Russia non può utilizzare l’oleodotto Beixi 2 come “arma”

[ad_1]

Aggiornamento Ucraina

Il cancelliere tedesco Merkel ha cercato di alleviare le preoccupazioni dell’Ucraina sull’imminente gasdotto Beixi 2, affermando che la Germania non avrebbe permesso alla Russia di armare il corridoio del gas naturale.

La costruzione di NS2 trasporterà il gas naturale russo verso l’Europa occidentale nel Mar Baltico.Questa è una preoccupazione particolare di Kiev.Se Mosca interrompe l’approvvigionamento attraverso l’Ucraina, Kiev perderà 2 miliardi di dollari di entrate di transito. Gli oppositori affermano che il gasdotto da 11 miliardi di dollari ha anche aumentato la dipendenza dell’Europa dalle esportazioni di energia russe.

“Il gas naturale non può essere usato come arma”, ha detto la Merkel dopo l’incontro con il presidente ucraino Zelensky a Kiev domenica. “Se la Russia utilizzerà questo gasdotto come arma, imporremo nuove sanzioni”, ha aggiunto, ma non ha approfondito.

Zelensky ha descritto NS2 come un “pericolo” per il suo paese, dicendo che voleva “vedere cosa otterrà l’Ucraina… e chi fornirà garanzie specifiche per NS2”. “Sono il presidente di un paese in guerra… Pensiamo che questo progetto sia una pericolosa arma geopolitica da parte del Cremlino”, ha aggiunto.

L’incontro di Zelensky si è tenuto due giorni dopo che la Merkel e il presidente russo Vladimir Putin si sono incontrati a Mosca. Ha sottolineato che la Russia ha firmato un contratto che le impone di continuare a inviare gas naturale attraverso l’Ucraina entro il 2024 e ha insistito sul fatto che l’accordo “può e dovrebbe essere esteso”.

La risposta di Putin è stata quella di chiedere ai partner europei della Russia di specificare quanto gas naturale vogliono acquistare dalla Russia dopo tale data.

La Merkel e l’amministrazione del presidente Joe Biden hanno raggiunto una tregua sul progetto il mese scorso e gli Stati Uniti si sono opposti al progetto. Come parte dell’accordo, Berlino ha promesso di imporre sanzioni a Mosca se utilizza NS2 per minacciare la Russia. Sicurezza energetica degli alleati degli Stati Uniti nella regioneSi è inoltre impegnata a istituire un fondo da un miliardo di dollari per aiutare l’Ucraina a passare all’energia pulita.

La visita della Merkel a Kiev sarà probabilmente il suo ultimo viaggio prima di dimettersi da primo ministro dopo le elezioni federali del mese prossimo.

Sebbene il partito CDU di Merkel abbia sempre sostenuto fermamente il gasdotto, il candidato del gruppo conservatore a succederle come primo ministro a settembre, Amin Raschelt, ha affermato che se Putin cerca di usare NS2 per fare pressione sull’Ucraina, la Germania potrebbe fermarlo.

Anche il Partito socialdemocratico di centrosinistra ha accettato di completare NS2, ma il Partito dei Verdi ha chiesto la completa abolizione di questo corridoio per motivi ambientali e geopolitici.

I sostenitori tedeschi di NS2 ritengono che, mentre il paese elimina gradualmente il carbone e chiude le centrali nucleari, è necessario un nuovo gasdotto per supportare il fabbisogno energetico del paese. Anche molte aziende industriali che necessitano di elettricità a basso costo sono favorite.

Merkel e Zelensky hanno anche discusso degli sforzi per promuovere l’energia verde in Ucraina e degli sforzi falliti per raggiungere un cessate il fuoco completo con i separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale e risolvere la guerra a lungo termine.

“La Russia partecipa a questo conflitto”, ha detto la Merkel in un attacco a Mosca. Sebbene vi siano prove crescenti che abbia istigato e alimentato la guerra, Mosca ha negato il coinvolgimento dal 2014.

Venerdì, in una conferenza stampa con la Merkel, Putin ha attribuito lo stallo a Kiev e ha dichiarato: “I leader di questo paese sembrano aver deciso in linea di principio di abbandonare la soluzione pacifica della situazione”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *