La missione di Jack Ma e del colosso tecnologico cinese è quella di donare miliardi di dollari

[ad_1]

Nella città natale di Jack Ma, Hangzhou, la spaziosa casa del fondatore di Alibaba ha il proprio approvvigionamento alimentare nel National Wetland Park. Ma il complesso è solo una delle grandi quantità di terreno che possiede in città.

“Il suo soprannome è ‘il cavallo di mezza città'”, ha detto un funzionario governativo in pensione che ha lavorato per Alibaba per più di un decennio in questa città di 10 milioni di persone. Ha sottolineato che alcuni dei beni di Jack Ma sono stati acquistati dopo donazioni da parte del governo e alcuni sono stati ricevuti come regali.

Nel corso degli anni, l’eccedenza dei cinesi facoltosi è diventata una leggenda. Dal Victoria Peak di Hong Kong ai Kensington Palace Gardens di Londra e all’Upper East Side di New York, hanno derubato le proprietà più costose del mondo. Molte persone hanno raccolto una serie di acquisizioni famose da squadre di calcio inglesi e vigneti di Bordeaux agli studi di Hollywood e ai giornali internazionali.

Ora Bene E il suo gigantesco gruppo tecnologico miliardario sta svolgendo un compito urgente, che è quello di dimostrare il proprio spirito socialista attraverso massicce donazioni e impegni di beneficenza pubblici.

Negli ultimi mesi, mentre le élite aziendali più ricche e potenti della Cina cercano di placare il presidente cinese Xi Jinping, un’improvvisa esplosione di buona volontà ha spostato miliardi di dollari dalle casse aziendali e dai conti bancari personali a cause legate allo stato.

Tuttavia, all’interno della crescente industria filantropica cinese, con l’intensificarsi delle preoccupazioni sull’inasprimento dei controlli statali, le donazioni sono state messe in discussione.

Prima dell’appassionato, Pechino ha introdotto una serie di regolamenti e restrizioni politiche incentrati sulla tecnologia.Questo giro di vite diffuso ha ridotto il valore di alcune delle più grandi aziende cinesi di decine di miliardi di dollari e danneggiato gravemente la ricchezza personale dei fondatori.

I magnati cinesi si sono aggiudicati molte delle proprietà più costose del mondo, tra cui i Kensington Palace Gardens a Londra © Hannah McKay/PA

“La parte terribile [for donors] Basta che non sappiano quanto”, ha detto un dirigente di un grande ente di beneficenza a Pechino. “Tutto quello che possono fare è vedere quanto pagano i loro coetanei e cercare di eguagliarlo. “

Dopo che Xi Jinping ha chiesto di rafforzare la supervisione del “reddito eccessivo” e di adottare misure per “incoraggiare i gruppi e le imprese ad alto reddito a tornare di più nella società”, il Partito comunista cinese ha prestato maggiore attenzione alla ridistribuzione della ricchezza questo mese.

Il leader cinese ha espresso commenti dopo un incontro di pianificazione economica ad alto livello la scorsa settimana e ha anche ribadito che la Cina ha raggiunto i risultati “Prosperità comune”“È il requisito essenziale del socialismo.

Pochi giorni dopo i commenti di Xi Jinping la scorsa settimana, Tencent, uno dei più grandi gruppi di social media, giochi e fintech della Cina, ha annunciato che avrebbe stanziato 50 miliardi di yuan (7,7 miliardi di dollari) per il “Piano di prosperità comune”.

Questa settimana, Chen Lei, CEO di Pinduoduo, una delle più grandi piattaforme di e-commerce della Cina, si è unito all’azione di impegno, promettendo di contribuire con 1,5 miliardi di dollari statunitensi delle entrate future dell’azienda per sostenere la modernizzazione agricola e la rivitalizzazione rurale.

Altri che hanno annunciato nuovi contributi sociali nelle ultime settimane includono il gruppo di private equity Hillhouse Capital di Zhang Lei e Wang Xing, il fondatore della società di consegna di cibo Meituan.

Dopo un acquazzone da record a Zhengzhou, nella provincia di Henan, nella Cina centrale, un uomo ha portato una donna lungo una strada allagata
Dopo l’alluvione dell’Henan, un gruppo di gruppi tecnologici tra cui Alibaba e il gruppo di ride-hailing Didi hanno donato decine di milioni di dollari per lavori di restauro © Chinatopix/AP

Dopo le inondazioni mortali dell’Henan del mese scorso, un gruppo di gruppi tecnologici tra cui Alibaba, il gruppo di accondiscendenti Didi, Tencent e Pinduoduo hanno donato decine di milioni di dollari per lavori di recupero.

Secondo i dati dell’Hurun Research Institute, un istituto di ricerca cinese, la quantità di denaro donata dai primi 10 imprenditori cinesi è quasi triplicata negli ultimi 10 anni. Secondo i dati raccolti da Bloomberg, le donazioni dei miliardari cinesi quest’anno sono state superiori del 20% rispetto a quelle dell’intero 2020.

Tuttavia, ora, le aziende e i magnati sembrano essere sottoposti a crescenti pressioni per sincronizzare le loro attività di beneficenza con il Partito comunista cinese e, secondo gli esperti, questo cambiamento potrebbe minare le loro buone intenzioni.

Secondo un dirigente finanziario cinese, sebbene i funzionari abbiano incoraggiato a lungo le donazioni di beneficenza, spesso indicate come la distribuzione del reddito di terzo o “terzo livello”, ora è diventata la massima priorità dell’agenda politica del partito.

L’esecutivo, che ha chiesto di non essere nominato, ha dichiarato: “Per 30 anni, i documenti del governo hanno menzionato l’allocazione a tre livelli. “Ma fino alla scorsa settimana nessuno aveva letto questi documenti. Ora tutti stanno leggendo ogni parola”.

Il dirigente ha aggiunto che la sua stessa azienda sta espandendo le sue attività filantropiche: “Questo è l’approccio giusto. Grazie al mercato cinese, abbiamo creato tutta questa ricchezza. Contribuiamo anche alla società, il che è giusto anche per noi. di”.

L’esecutivo della beneficenza di Pechino ha affermato che da quando la legge cinese riveduta sulla beneficenza è entrata in vigore cinque anni fa, le ONG sono state sottoposte a “rigoroso controllo” mentre le autorità cercano di frenare la crescita incontrollata dei gruppi del settore privato visti come un indebolimento del controllo del partito. .

Invece, queste donazioni sono finalizzate a favorire iniziative statali a spese dei gruppi di base.

“È difficile ottenere l’approvazione per l’istituzione di un nuovo ente di beneficenza privato. Ad esempio, l’anno scorso non c’era nessuna ONG approvata di recente ad Haidian”, ha affermato, riferendosi a una delle aree più sviluppate di Pechino.

“Gli enti di beneficenza sostenuti dal governo saranno i principali beneficiari delle ultime iniziative politiche. Le società private forniranno finanziamenti per progetti governativi, ottenendo così credito politico”.

Scott Kennedy, esperto di politica economica cinese presso il Center for Strategic and International Studies, un think tank americano, ha sottolineato che molti alti dirigenti cinesi sono famosi per la loro filantropia personale, in particolare Jack Ma di Alibaba che ha guidato un’ondata di imprenditori creare trust privati.

Kennedy ha avvertito che gli sforzi di Pechino per aumentare le donazioni di beneficenza potrebbero avere “l’effetto opposto”, riducendo il “vero sostegno entusiasta” e intensificando la filantropia statale.

“Questo è coerente con la tendenza più ampia di ridurre l’impatto della società civile sotto Xi Jinping. Il partito è estremamente a disagio con comportamenti pubblici indipendenti che forniscono beni pubblici o responsabilizzano il Paese”, ha affermato.

“Ma in ultima analisi, l’obiettivo principale del partito è cercare di mantenere il proprio dominio e controllo su tutti gli aspetti della vita cinese”.

Autori: Edward White a Seoul, Tom Mitchell a Singapore, Sun Yu, Christian Shepherd, Ryan McMorrow, Sherry Fei Ju, Liu Nian a Pechino e Wang Xueqiao a Shanghai

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *