La rabbia industriale della Nuova Zelanda si intensifica mentre le chiusure delle frontiere intensificano la carenza di manodopera Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: 31 agosto 2020, ad Auckland, in Nuova Zelanda, le persone che passano davanti a un segnale di allontanamento sociale il primo giorno delle misure di sicurezza della nuova malattia del coronavirus della Nuova Zelanda (COVID-19), che richiedono l’uso di maschere sui trasporti pubblici.Reuters/Fiona Goodall

Autore: Pravin Menon

Wellington (Reuters)-Il confine chiuso della Nuova Zelanda aiuta a tenere il COVID-19 fuori dai paesi del Pacifico, ma la grave carenza di manodopera immigrata sta scatenando proteste tra le imprese e i lavoratori che stanno combattendo la crisi del personale.

Martedì, circa 2.000 ristoranti hanno interrotto i loro servizi e spento le luci, e altri arresti sono stati pianificati come parte dell’evento di due mesi per attirare l’attenzione del governo sulla grave carenza di manodopera qualificata.

La contrazione del lavoro si è verificata dopo che la Nuova Zelanda ha chiuso i suoi confini in risposta alla furiosa pandemia di coronavirus nel marzo dello scorso anno. Queste misure aiuteranno a frenare il COVID-19 a livello locale e il primo ministro Jacinda Ardern ha promesso di mantenere una strategia di eliminazione acclamata a livello globale.

Tuttavia, nonostante il fatto che l’economia senza il nuovo virus della corona sia rimbalzata più velocemente del previsto, il suo tasso di vaccinazione è stato di gran lunga inferiore a quello delle controparti sviluppate e anche gli immigrati hanno raggiunto un minimo record, con conseguente grave carenza di manodopera in questo paese che fa affidamento su -lavoratori immigrati qualificati.

La New Zealand Restaurant Association, l’organizzazione del settore che ha organizzato le proteste, ha dichiarato in una nota: “Prima che il COVID-19 colpisse e chiudesse i nostri confini, oltre il 25% della nostra forza lavoro aveva visti di lavoro internazionali”.

L’associazione ha dichiarato: “La loro perdita è sufficiente per avere un impatto così grande che potrebbe influenzare l’attività in modo catastrofico”.

Secondo i media, alcuni ristoranti di Auckland e di altre grandi città sono stati temporaneamente chiusi a causa della mancanza di personale o semplicemente per dare una pausa ai dipendenti esausti.

Per la frustrazione delle aziende, il governo ha annunciato a maggio che riaggiusterà la sua politica sull’immigrazione, che ridurrà ulteriormente il numero di immigrati poco qualificati quando finalmente riaprirà il confine, e spera di attrarre immigrati più qualificati e ricchi investitori.

“Se il governo non inverte questa politica, altri ristoranti chiuderanno, il che è triste, e potrebbe essere che nuovi e ottimi ristoranti non potranno aprire perché gli innovatori avranno difficoltà ad iniziare ad assumere”, il presidente nazionale New La Zealand Catering Association, Mike Egan, ha dichiarato ai media locali 1NEWS.

Un sondaggio aziendale di questa settimana ha evidenziato che le restrizioni alle assunzioni in più settori sono in aumento e le aziende riferiscono che in passato è diventato più difficile assumere manodopera qualificata.

Anche i lavoratori dei servizi di base sono a disagio. Circa 30.000 infermieri terranno una serie di scioperi entro la fine dell’anno per lottare per salari e condizioni di lavoro migliori perché si lamentano del burnout.

David Wait, il principale sostenitore della New Zealand Nurses Organization, ha dichiarato in una nota: “Stiamo affrontando una crisi sanitaria nazionale in termini di personale di sicurezza, reclutamento e mantenimento; le condizioni di lavoro affrontate dai nostri membri non possono più essere tollerate. Questo è perché il nostro problema è così importante.” Dichiarazione.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *