La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti fa causa al fondatore di BitConnect per presunta frode di criptovaluta da 2 miliardi di dollari

[ad_1]

New York, 1 settembre (Reuters) – Mercoledì il principale regolatore dei titoli degli Stati Uniti ha citato in giudizio il fondatore dell’ormai defunta piattaforma di trading di criptovalute BitConnect, accusandolo di aver raccolto in modo fraudolento circa 2 miliardi di dollari da investitori al dettaglio.

La US Securities and Exchange Commission ha ampliato la causa civile annunciata a maggio, accusando Satish Kumbhani, il fondatore di BitConnect, un cittadino indiano, di promuovere illegalmente i prodotti non registrati di BitConnect tra gennaio 2017 e gennaio 2018.

Ha inoltre accusato di frode il promotore Glenn Arcaro e la sua società Future Money Ltd, sostenendo di aver ricevuto oltre 24 milioni di dollari in “commissioni di riferimento” e “fondi di sviluppo” durante la promozione di BitConnect da agosto 2017 a gennaio 2018.

La US Securities and Exchange Commission sta chiedendo multe, recupero di guadagni illeciti e altri rimedi in una causa alla Corte Federale di Manhattan.

BitConnect è stata fondata nel 2016 e ha creato un token digitale chiamato BitConnect Coin, che può essere utilizzato per scambiare la popolare criptovaluta Bitcoin.

La US Securities and Exchange Commission ha dichiarato che agli investitori nel “piano di prestito” di BitConnect è stato detto che BitConnect utilizzerà un “robot per il trading di software di volatilità” in grado di generare rendimenti mensili del 40% e ottenere rendimenti virtuali, mostrando circa il 3.700% del reddito annuo.

In effetti, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha dichiarato che dopo che il prezzo di BitConnect Coin è sceso del 92% il 16 gennaio 2018, gli investitori di BitConnect hanno perso la maggior parte dei loro fondi.

Secondo la US Securities and Exchange Commission, Kumbhani, 35 anni, vive a Surat, in India, ma non si sa dove si trovi, mentre Arcaro, 44 ​​anni, vive a Moorpark, in California e ha registrato Future Money a Hong Kong.

Gli sforzi per trovare kumbani non hanno avuto successo. Gli avvocati di Arcaro e Future Money non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

La US Securities and Exchange Commission ha intentato azioni legali contro altri cinque promotori di BitConnect il 28 maggio.

Ha ricevuto verdetti che richiedono a due promotori, Michael Noble e Joshua Jeppesen, e alla fidanzata di Jeppesen di pagare più di 3,5 milioni di dollari USA e 190 bitcoin.

Gli atti del tribunale mostrano che gli altri tre promotori non hanno ancora risposto o servito la causa. (Segnalazione di Jonathan Stampel a New York, montaggio di Matthew Lewis)

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *