La sfiducia di Rastafari nei confronti dei farmaci occidentali causa esitazione giamaicana sui vaccini Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: I bambini mangiano panini al burro di arachidi durante il servizio del Sabbath presso la Blue Mountain Rastafari Community Vision School vicino a Kingston, Giamaica, 19 giugno 2021. La foto è stata scattata il 19 giugno 2021. REUTERS/Ina Sotirova

(Correggere il titolo per dire che la comunità Rastafari non si fida piuttosto che disprezzare la medicina occidentale)

Kate Chappell e Ina Sotirova

St. Andrew, Giamaica (Reuters)-In una comunità agricola rastafari sulle colline sopra la capitale della Giamaica, i locali con lunghe trecce si sono riuniti nel tempio per rispettarli leggendo la Bibbia e i tamburi tradizionali e cantando. Nessun protocollo COVID-19 è in vigore.

Ad oggi, questa comunità isolata di circa 100 persone si chiama School of Vision ed è sfuggita alla pandemia. Credono che le medicine tradizionali come il vino di radice e le erbe come il neem, il legno amaro e lo zenzero aiutino a combattere il virus e non vogliono essere vaccinati.

Secondo le statistiche compilate da Reuters, la Giamaica ha riportato circa 16.800 infezioni e 350 decessi per 1 milione di persone, un numero inferiore rispetto a molti altri paesi della regione.

Ma le misure di blocco adottate per controllare l’epidemia hanno causato perdite all’economia, in particolare all’industria del turismo da cui dipendono le isole caraibiche, e le autorità sono desiderose di garantire e introdurre vaccini per ripristinare la normalità.

Una delle sfide che devono affrontare è il sospetto sui vaccini, comune a Rastafari in Giamaica, che spesso diffidano della medicina e delle istituzioni occidentali, anche a causa della lunga storia di ingiustizie razziali.

“(Il vaccino) presenta alcuni pericoli, motivo per cui non lo accetto né lo incoraggio”, ha detto a Reuters Dermot Fagon, 66 anni. Ha detto che era preoccupato che questo avrebbe permesso alle autorità di rintracciare le persone attraverso i microchip, e questa teoria della cospirazione si sta diffondendo anche in altre parti del mondo.

Sebbene la stessa Academy of Vision sia piccola e marginale, Rastafari, che rappresenta circa il 5-10% dei quasi 3 milioni di residenti della Giamaica, ha un enorme impatto sulla società.

Famosi artisti del reggae e da ballo Rastafari, come Spragga Benz e Cocoa Tea, hanno espresso dubbi sul vaccino COVID-19, colpendo il loro ampio seguito sui social media.

Secondo un sondaggio Gallup pubblicato di recente, solo il 32% dei giamaicani ha dichiarato di ricevere il vaccino COVID-19: questo è uno dei paesi con il più alto tasso di esitazione al vaccino al mondo, ben al di sotto del 60- Circa il 70% raggiunge l’immunità di gregge .

Il governo giamaicano comprende le preoccupazioni della comunità rastafari e si prepara alla realtà che non tutti i giamaicani saranno vaccinati, ha detto a Reuters Dunstan Bryan, segretario permanente del Ministero della Salute.

“Non è necessario vaccinare tutte queste persone per ottenere l’immunità di gregge”, ha affermato.

scetticismo

Il movimento Rastafari si sviluppò in Giamaica negli 1930. In precedenza, si prevedeva che i neri sarebbero stati incoronati re in Africa e Haile Selassie sarebbe poi diventato imperatore d’Etiopia.

Combinando la profezia cristiana dell’Antico Testamento e la coscienza politica panafricana, la filosofia e lo stile di vita di Rastafari sono conosciuti in tutto il mondo attraverso le canzoni reggae di Bob Marley.

Fagun ha detto di essersi recato nella zona montuosa fuori dalla capitale Kingston alcuni anni fa per evitare i mali della moderna società occidentale, Rastafari l’ha chiamata “Babilonia” e ha vissuto una vita più naturale e armoniosa.

“Non ci piacciono i materiali sintetici”, ha detto a Reuters Patrick Barrett, un famoso artista reggae noto come Tony Rebel, aggiungendo che il cibo è la sua medicina. “Preferisco l’ordine naturale delle cose.”

Jahlani Niaah, docente di Rastafari Studies presso l’Università delle Indie Occidentali, ha affermato che a causa della sfiducia di Rastafari, “i giamaicani ordinari sono più scettici”. Anche altri gruppi come la chiesa evangelica si oppongono alla vaccinazione.

Finora, le autorità hanno vaccinato completamente solo circa 57.000 persone, nemmeno il 2% della popolazione totale, perché hanno lottato per ottenere i rifornimenti necessari.

Per alcuni Rastafaris, questa è solo una fantasia.

“Questo è un falso allarme”, ha detto a Reuters il popolare artista reggae di 44 anni Worin Shaw, noto come Jah Bouks. “Stanno facendo un sacco di cose, il governo e gli scienziati. Sai che è una specie di cosa per fare soldi”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *