La stagflazione è un “rischio legale” che causerà dolore al mercato statunitense

[ad_1]

La possibilità di stagflazione, un ambiente economico caratterizzato da alta disoccupazione, alta inflazione e bassa crescita economica, sperimentato negli Stati Uniti negli anni ’70, è diventato l’obiettivo di alcuni analisti di mercato.

“La stagflazione è sicuramente il rischio più grande che ogni investitore deve affrontare”, ha detto in un’intervista Nancy Davis, fondatrice di Quadratic Capital Management. Se la propensione al rischio diminuisce, la “correlazione magica tra azioni e obbligazioni che tutti si aspettano” metterà a repentaglio la diversificazione del loro portafoglio.

Davis ha avvertito che quando il mercato azionario precipita durante i periodi di turbolenza, i prezzi delle obbligazioni tendono a salire mentre gli investitori versano nei prezzi delle obbligazioni, ma se si verifica la stagflazione, un portafoglio tradizionale composto da 60% di azioni e 40% di obbligazioni potrebbe Ci saranno “risultati catastrofici. “

Ciò è in parte dovuto al fatto che l’inflazione erode il valore delle obbligazioni, spesso spingendo gli investitori a vendere, e il risultato è la caduta dei prezzi e l’aumento dei rendimenti.

“Immagina quanto sarebbe terribile per il mercato se scaricassimo azioni e obbligazioni allo stesso tempo”, ha detto. La stagflazione può rappresentare “un grosso problema perché la banca centrale non può davvero aiutare e tagliare i tassi di interesse”.

Gli investitori presteranno molta attenzione alla riunione politica della Fed la prossima settimana, alla ricerca di eventuali cambiamenti nella posizione di allentamento della Fed sul mercato all’inizio della pandemia di coronavirus lo scorso anno. Sebbene l’inflazione negli Stati Uniti sia aumentata di recente, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha ribadito che l’aumento del costo della vita sarà temporaneo perché è correlato alla carenza di manodopera e prodotti sperimentata dalla ripresa economica della crisi Covid-19 quest’anno. .

Allo stesso tempo, la Fed ha surriscaldato l’economia, mirando a compiere maggiori progressi economici. mercato del lavoro.

“Penso che questo sia un rischio ragionevole”, ha detto a MarketWatch Nathan Sheets, capo economista di PGIM Fixed Income, definendo questa possibilità una “operazione dolorosa sul mercato”. La stagflazione non è la situazione di base di Sheets, ha affermato di essere più preoccupato per la continua inflazione elevata piuttosto che per una crescita economica stagnante. Sheets ha affermato che nonostante ciò, anche dopo una rapida ripresa dalla crisi del Covid, l’economia degli Stati Uniti ha perso ancora circa 7 milioni di posti di lavoro.

A suo avviso, il recente calo dei rendimenti obbligazionari statunitensi mostra che le persone sono preoccupate che la crescita economica possa aver raggiunto il picco e possa ristagnare nel medio termine, e il mercato azionario sembra avere aspettative “più ottimistiche”. “Sembra esserci una disconnessione”, ha detto, descrivendo le prospettive per il mercato obbligazionario come “limitate nella migliore delle ipotesi” e l’entusiasmo degli investitori per il mercato azionario ha spinto i principali indici azionari statunitensi ai massimi storici.

Dow Jones Industrial Average
giù,
+0,68%
,
Indice Standard & Poor’s 500
Arpione,
+1,01%

E l’indice composito Nasdaq
confrontare,
+1,04%

indice Venerdì tutto chiuso alla nuova vettaIl Dow ha chiuso per la prima volta sopra i 35.000 grazie all’eliminazione degli investitori La variante delta a rapida diffusione Coronavirus.

Rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni
TMUBMUSD10Y,
1,276%

Secondo i dati di mercato Dow Jones, venerdì ha chiuso all’1,286%, in calo di circa 1,4 punti base questa settimana. Ciò ha segnato la quarta settimana consecutiva di calo e il rendimento alla fine di marzo era di circa l’1,75%.

“Le possibili spiegazioni per il crollo dei tassi di interesse sono di ampia portata”, ha affermato Oaktree Capital Management nel suo rapporto di questo mese. Rapporto del secondo trimestreOaktree ha dichiarato: “Inclusa la convinzione degli investitori che gli aumenti dei prezzi rallenteranno presto, la forte domanda estera per il debito statunitense” e le preoccupazioni per le varianti delta che potrebbero rallentare la crescita economica globale. Secondo il rapporto, un’altra spiegazione potrebbe essere che “le aspettative di un leggero inasprimento della politica monetaria nei prossimi anni” potrebbero ridurre la possibilità di “inflazione fuori controllo” e la conseguente necessità di sostanziali aumenti dei tassi di interesse.

leggere: Morgan Stanley ha affermato che i rendimenti obbligazionari e i titoli tecnologici riecheggiano “l’estrema anomalia” del boom di Internet

Daniela Maldarovich, co-responsabile del reddito fisso multisettoriale presso Macquarie Asset Management, ha dichiarato a MarketWatch che la stagflazione non è la sua situazione di base, ma è “molto preoccupata” perché “se ciò accade, sarà un dolore”. Mardarovic crede che l’inflazione non dovrebbe essere “fuori controllo”, ma ha detto: “Se continuiamo a bloccare”, allora l’interruzione della catena di approvvigionamento globale “potrebbe non essere così temporanea”.

L’interruzione della catena di approvvigionamento preoccupa anche Davis di Quadratic.

Il fondatore di Quadratic ritiene che i rischi di stagflazione siano in parte legati alla “crisi globale dei chip”. Davis ha affermato che la carenza di microchip legata alla pandemia sta esacerbando l’inflazione: dalle automobili agli elettrodomestici, ai telefoni cellulari e ai computer, i microchip “permeano tutto”. Ha aggiunto che anche la carenza di manodopera in alcuni settori potrebbe causare un aumento dei prezzi.

L’indice dei prezzi al consumo (IPC) negli Stati Uniti è aumentato del 5,4% nei 12 mesi fino a giugno e il tasso di aumento dei prezzi è stato il più rapido dal 2008. Rapporto sull’osservazione del mercato All’inizio di questo mese.

Davis ha detto: “Le persone stanno sperimentando prezzi più alti nella loro vita quotidiana”, l’IPC non copre tutti questi. “La domanda è se questo danneggia la crescita o se il mercato lo vede”.

Oaktree Capital ha dichiarato nel suo rapporto che “Gli investitori non sembrano essere eccessivamente preoccupati per l’aumento dell’inflazione negli Stati Uniti”, ma se l’inflazione rimane alta o la ripresa economica globale è instabile, gli acquirenti compiacenti di oggi potrebbero presto diventare domani. Venditori di panico”, ha detto la società.

L’economista nordamericana di PIMCO Tiffany Wilding ha dichiarato a MarketWatch che si aspetta che il tasso di inflazione CPI di base raggiunga il 4% entro la fine di quest’anno e vicino al 2% entro la fine del 2022. Prevede che l’economia statunitense crescerà del 7% nel 2021, per poi “stabilizzarsi” intorno al 3,5% entro la fine del prossimo anno.

“Pensiamo che la domanda di materie prime abbia raggiunto il picco”, ha detto Wilding. “Man mano che la domanda diminuirà nella seconda metà di quest’anno, vedrai un calo dell’inflazione”.

Sebbene Wilding non si aspetti la stagflazione, ha affermato che in un ambiente in cui l’aumento dei casi di Covid “si traduce in interruzioni della produzione tra gli Stati Uniti o i nostri partner commerciali”, ciò potrebbe verificarsi attraverso shock della catena di approvvigionamento.

Davis ha affermato che gli investitori non devono credere nella stagflazione per iniziare a considerare la diversificazione per proteggere i propri portafogli di investimento, che può includere l’esposizione ad alcuni titoli del Tesoro protetti dall’inflazione o TIPS.

Allo stesso tempo, gli investitori potrebbero studiare la traiettoria della curva dei rendimenti della percezione della crescita e dell’inflazione da parte del mercato obbligazionario.

“Potrebbe essere troppo da dire I rendimenti obbligazionari tendono ad appiattirsicurva È la stagflazione dei prezzi di mercato”, ha affermato il direttore della ricerca di Pepperstone Chris Weston in un recente rapporto, descrivendo questa situazione come il “peggiore contesto” per le azioni e gli asset rischiosi. “Ma non è troppo lontano dal bersaglio. “Dice.

A suo avviso, l’appiattimento della curva “dimostra chiaramente che le pressioni inflazionistiche continuano a esistere” più a lungo di quanto previsto da molti politici. Ha scritto: “La normalizzazione della politica della banca centrale in un periodo di rallentamento della crescita è qualcosa che un’attività di rischio non possiede, in caso di dubbio, escludere il rischio”.

Tutti presteranno attenzione alla Fed la prossima settimana perché terrà una riunione politica di due giorni, alla fine della quale il presidente Powell terrà un discorso in una conferenza stampa mercoledì 28 luglio.

Giovedì gli investitori presteranno attenzione anche alla prima lettura del PIL statunitense nel secondo trimestre, che dovrebbe accelerare dal 6,4% del primo trimestre all’8,4%. Venerdì prossimo saranno pubblicati anche i dati sull’inflazione di fondo e sul reddito personale e sulla spesa per giugno.

Aspetto: La Fed procederà con cautela la prossima settimana

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *