La terapia anticorpale di Regeneron riduce i decessi di alcuni pazienti COVID-19 ricoverati in ospedale – Studio Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: il 20 maggio 2021, un paziente con COVID-19 è stato trattato nell’unità di terapia intensiva (ICU) della malattia di Coronavirus (COVID-19) della clinica “Klinikum Darmstadt” a Darmstadt, in Germania. REUTERS/Kai Pfaffenbach/File Photo

2/2

Autore: Alistair Smot

LONDRA (Reuters) – Un ampio studio britannico ha scoperto mercoledì che il cocktail di anticorpi COVID-19 sviluppato da Regeneron Pharmaceuticals Inc (NASDAQ :) e Roche ha ridotto il numero di pazienti ospedalizzati il ​​cui sistema autoimmune non ha risposto.

La terapia REGEN-COV è stata autorizzata per l’uso in emergenza in pazienti con COVID-19 da lieve a moderata negli Stati Uniti, ma i risultati dello studio RECOVERY forniscono la prova più chiara della sua efficacia nei pazienti ospedalizzati.

Gli studi hanno scoperto che la terapia anticorpale riduce di un quinto il tasso di mortalità a 28 giorni dei pazienti ospedalizzati COVID-19 il cui sistema immunitario non produce una risposta anticorpale (chiamata sieronegativa).

I ricercatori hanno affermato che i risultati si traducono in una riduzione di 6 decessi ogni 100 pazienti sieronegativi trattati con la terapia.

Il trattamento non ha effetti significativi sulle persone che sviluppano risposte anticorpali naturali.

Martin Landray, il co-investigatore capo del processo, ha detto ai giornalisti: “Le persone sono state molto, molto dubbiose sul fatto che qualsiasi trattamento per questo particolare virus funzionerà quando le persone saranno ricoverate in ospedale”.

“Se non produci anticorpi da solo, trarrai davvero beneficio dall’ottenerne alcuni”, ha detto.

Landray afferma che questo trattamento riduce anche la durata del soggiorno dei pazienti sieronegativi e riduce la possibilità che abbiano bisogno di ventilatori meccanici.

Regeneron ha precedentemente affermato che il suo trattamento ha mostrato prospettive sufficienti nei pazienti ospedalizzati e vale la pena continuare a sperimentare. Questi dati forniscono la prima conferma su larga scala dell’affermazione.

Ci sono 9.785 pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere cure di routine più terapia di combinazione di anticorpi o solo cure di routine e il 30% di loro era sieronegativo.

Lo studio RECOVERY ha anche dimostrato che lo steroide desametasone e il farmaco per l’artrite di Roche Actemra (tocilizumab) hanno ridotto la mortalità nei pazienti ospedalizzati.

Sebbene questi trattamenti si concentrino sull’infiammazione causata dalla risposta al coronavirus, la terapia di Regeneron appartiene a una classe di farmaci biotecnologici chiamati anticorpi monoclonali, che imitano gli anticorpi naturali prodotti dal corpo umano per combattere le infezioni.

“Questa è la prima volta che prendiamo davvero di mira il virus stesso”, ha detto Landre, aggiungendo che può essere utilizzato con altri trattamenti.

“Non è che tu faccia una cosa o l’altra. Questi benefici sono aggiuntivi per questi pazienti”, ha detto.

La possibilità degli altri

Altre aziende hanno sviluppato trattamenti simili.

L’autorizzazione all’uso di emergenza negli Stati Uniti è stata concessa a Eli Lilly (NYSE:) e Co, nonché alle terapie anticorpali sviluppate da Vir Biotechnology (NASDAQ:) Inc e GlaxoSmithKline (NYSE:) Plc. Entrambi sono approvati per casi da lievi a moderati.

Martedì, AstraZeneca (NASDAQ:) ha dichiarato che la sua terapia anticorpale non ha mostrato prove per proteggere le persone dalla malattia dopo l’esposizione, sebbene il suo cocktail sia usato come alternativa preventiva o terapeutica.Il test è in corso.

Landray ha affermato che i risultati di RECOVERY dovrebbero rendere ottimisti gli sviluppatori di altre terapie con anticorpi monoclonali sul fatto che possano essere utilizzate anche in alcuni pazienti ospedalizzati.

“Questo apre possibilità per molti altri”, ha detto.

“Le persone hanno visto alcuni esperimenti negativi e hanno detto: ‘OK, non funzionerà mai’. Quindi scelgono di smettere e fare altre cose. (Ma) questo è molto, molto chiaro, l’immagine che abbiamo ottenuto da questo esperimento”.

Regeneron ha assunto la società farmaceutica svizzera Roche per aiutare a produrre il farmaco.

Alcuni hanno avvertito che la piena efficacia in termini di costi del farmaco non è chiara fino a quando non saranno disponibili maggiori dettagli sullo studio.

Stephen Evans, professore di epidemiologia farmacologica, ha dichiarato: “Il beneficio assoluto della mortalità non è grande, il che significa che un gran numero (forse 20) persone devono ricevere cure farmacologiche estremamente costose per prevenire singole morti”.

“Se (i pazienti) possono essere facilmente identificati e trattati, nella pratica avranno alcuni benefici, ma i suoi benefici non dovrebbero essere sopravvalutati”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *