La verità sulle commissioni delle carte di credito

[ad_1]

Qual è la commissione per la carta di credito?

Niente è gratis.Quelli Punti premio che hai guadagnato con la tua carta di debito E carte di credito, Convenienza Non dover portare grandi quantità di denaro, protezione dell’acquisto e molti altri vantaggi dell’utilizzo di una carta sono tutt’altro che gratuiti. Naturalmente, puoi pagare alcuni di questi costi tramite tasse annuali o pagamenti di interessi, ma gran parte di essi è finanziata dai commercianti.

Come chiedi?Per Commissione di cambioNel 2010, per qualche ragione, i politici l’hanno rapidamente definita “tariffa per la carta” quando il Congresso ha approvato un disegno di legge per controllarla. Sebbene il commerciante li paghi, alla fine te lo trasferiranno a un prezzo più alto.

Scorri il viaggio

Vai nel tuo negozio preferito per comprare una camicia imperdibile, che sarà il tuo vestito da festa estivo. Vai alla cassa per pagare, estrai la carta di credito o di debito e poi inserisci la carta o il chip nella macchina. A quel tempo ai commercianti venivano addebitate le commissioni di cambio o di passaggio della carta. La commissione media per le transazioni con carte fisiche va dall’1,95% al ​​2% Visa, MasterCard, con Trova marca. Per le transazioni che non prevedono carte fisiche, come lo shopping online, la commissione sale tra il 2,3% e il 2,5%.Vota American Express Non esiste una dichiarazione pubblica, ma è generalmente considerata più alta, sebbene il tasso della carta Opt Blue lanciata nel 2015 sia più vicino al livello medio di Visa e altri.

Questa commissione può sembrare un po’ alta, ma le banche e le società di elaborazione dei pagamenti, come Visa e Mastercard, pensano che quando si fa scorrere il dito o la carta con chip, il commerciante pagherà immediatamente, ma molto probabilmente ci vorranno almeno 30 giorni e forse di più — —Prima che la società della carta di credito riceva il pagamento. Potresti obiettare che gli interessi maturati dal mantenimento del saldo pagato per la commissione. Tuttavia, secondo queste società, gli interessi da soli non possono coprire i costi.

Statistiche sulle commissioni della carta di credito

Secondo il rapporto Nielsen, i commercianti hanno pagato 67,6 miliardi di dollari di commissioni per carte di credito a Visa e Mastercard nel 2019, rispetto ai 25,6 miliardi di dollari del 2009. Con l’aggiunta di carte American Express, Discover e private label, il totale annuale è balzato a 92,7 miliardi di dollari USA. La commissione media per transazione è di 23 centesimi. Per ogni $ 100 che spendi, $ 4 di questi vanno alla società della carta di credito, anche se paghi in contanti. Nel 2016, per la prima volta, le commissioni delle carte di credito hanno superato l’importo delle commissioni di scoperto pagate dai clienti: da 33,8 miliardi di dollari a 33,3 miliardi di dollari.

La commissione sulla carta di credito dovrebbe includere il costo di elaborazione dei pagamenti con carta di credito. Tuttavia, per decenni, l’alleanza per i pagamenti dei commercianti si è fidata quasi ciecamente dei loro processori di pagamento e i loro accordi non contengono dati verificabili, il che offre ai commercianti molte opportunità di essere ingannati.

Metodo di pagamento con carta di credito

È stato il senatore democratico Richard J. Durbin dell’Illinois a proporre un emendamento al disegno di legge, cercando di consentire Riserva federale degli Stati Uniti Imposta il tasso di cambio e lascia che il commerciante stabilisca l’importo minimo che i consumatori devono spendere per utilizzare la carta. È stato adottato nel maggio 2010. Infine, se i clienti pagano in contanti o altri metodi che non addebitano commissioni sulle carte di credito, i rivenditori possono offrire sconti ai clienti. All’epoca, Durbin disse: “Richiedendo che le commissioni delle carte di debito siano ragionevoli… le piccole imprese e i loro clienti saranno in grado di trattenere una parte maggiore del proprio denaro”.

Tuttavia, le società di carte di credito temono che il limite massimo della Fed sulle commissioni delle carte di credito sia di soli 12 centesimi. Alla fine di giugno 2011, dopo vigorose pressioni da parte di gruppi di interesse speciali che rappresentano le principali banche, la commissione massima per carta di credito è stata aumentata a 21 centesimi.

92,7 milioni di dollari

L’importo totale delle commissioni sulle carte di credito pagate dai rivenditori alle società di carte di credito nel 2019

effetto

Il compromesso ha dato alle società di carte di credito un sospiro di sollievo, ma i commercianti hanno sostenuto che il limite di 21 cent non aiuterebbe i loro profitti, garantendo al contempo che i consumatori non vedrebbero alcun taglio di prezzo. Sorprendentemente, uno studio del Government Accountability Office degli Stati Uniti ha rilevato che quando l’Australia ha ridotto le commissioni per le carte di credito nel 2003, non ha avuto un impatto significativo sui prezzi di beni e servizi.

Quello che è successo negli anni successivi è stato che i commercianti hanno pagato meno di prima, ma ora, anche per le transazioni più piccole, le società di carte di credito addebitano le commissioni più alte. Di conseguenza, i costi per i commercianti che gestiscono queste piccole transazioni sono aumentati.

Nel 2018, quando la Corte Suprema ha stabilito che le aziende che accettano carte American Express non potevano fornire incentivi ai consumatori per utilizzare carte con commissioni di scorrimento inferiori, i commercianti hanno subito perdite deludenti. Gli addetti ai lavori ritengono che questa perdita sia una battuta d’arresto per la maggiore ambizione dei commercianti di riscuotere le commissioni delle carte di credito sotto forma di procedimenti legali.

Tuttavia, nel giugno 2018, i commercianti hanno intentato una causa collettiva a lungo termine (dal 2005) contro Visa, Mastercard e alcune banche emittenti di carte più grandi, accusando queste società di collusione con l’impostazione artificiale di commissioni elevate per le carte e risolte in via stragiudiziale. L’imputato ha accettato di pagare al commerciante da 5,54 miliardi di dollari a 6,24 miliardi di dollari. Non è chiaro come verranno pagati i soldi, ma il 24 gennaio 2019 il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale di New York ha inizialmente approvato l’accordo. L’approvazione finale è stata concessa il 13 dicembre 2019, ma il 3 gennaio 2020 è stato presentato ricorso. A partire da giugno 2021, questo problema non è stato risolto.

Linea di fondo

La società della carta di credito sostiene che la commissione della carta di credito serve il commerciante fornendo una certa protezione e pagamento istantaneo e il commerciante ritiene che la commissione sia troppo alta. Ciò che rimane invariato è che questi costi verranno addebitati ai consumatori ogni volta che viene strisciata la carta o la carta con chip.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *